Home / Posts Tagged "Pro Loco"

Finalmente Mestre si è dotata di una associazione con il ruolo di strumento di base per la tutela dei valori naturali artistici e culturali della città, per la promozione dell’attività turistica e culturale e infine per l’organizzazione di attività ricreative.

 

La notizia è stata data durante un cena all’aperto organizzata in via Einaudi da Roberto Rigamonti, Presidente Arte Cultura Veneta, e dagli Amici di Mestre.

 

È stato nominato Presidente pro tempore della Pro Loco di Mestre Giampaolo Rallo, che ha dichiarato: “La Pro Loco è nata da un gruppo di persone di Mestre che sente come una missione la possibilità di aiutare la propria città a ripartire”.

 

“Tra noi ci sono un avvocato, un ingegnere, un commercialista, un pubblicista, un biologo, un archivista, due funzionari pubblici, un proprietario di negozio storico, tutti accomunati dall’amore per propria città”.

 

“Ci siamo visti un paio di volte – conclude Giampaolo Rallo – e alla fine abbiamo pensato di metterci in gioco con la nostra faccia. Vorremmo far diventare il centro storico della città, la cosiddetta Città Murata di Mestre, sempre più frequentato, valorizzarne i vari aspetti culturali, creare eventi che attirino sempre più gente, insomma, rivitalizzare la nostra città”.

 

Data l’importanza di questo nuovo strumento di cui si è dotata la città, ci auguriamo che l’Amministrazione comunale accolga positivamente l’iniziativa e la appoggi con proposte e fatti concreti.

Da venerdì 29 giugno a domenica 1 luglio 2018, la Pro Loco Possagno organizza il Possagno Street Food Festival: un intero weekend dedicato al buon cibo di strada e birra artigianale, con serate accompagnate da musica dal vivo e divertimento assicurato grazie alle PinkArmada, alla Gnuco Alpen Sgnappa Band e all’esibizione di Miss Grand Prix Terre del Canova.

 

La manifestazione si svolge presso la piazza del paese, a pochi passi del Museo Gipsoteca di Antonio Canova, che raccoglie pressoché tutti i modelli originali delle sue sculture, i bozzetti in terracotta, i disegni, i dipinti.

 

 

Programma

 

venerdì 29 giugno 2018
– ore 18.30, apertura Street Food & chiosco
– ore 21.30, musica live con le PinkArmada, la prima e la più importante rock band femminile del triveneto, formata da cinque carismatiche ragazze che hanno fatto della musica la propria arma di ribellione alle consuetudini.

Dal 2013, le PinkArmada propongono il loro spettacolo nei migliori locali, feste e motoraduni in tutta Italia. In pochissimo tempo hanno conquistato una grossa fetta di pubblico che le apprezza per la indubbia bravura e professionalità. Uno spettacolo ad alto tasso di coinvolgimento, semplicemente rock, che propone i pezzi da classifica, dagli albori ai giorni nostri. )

 

sabato 30 giugno 2018

ore 11.00 apertura Street Food & chiosco

ore 21:30 musica live con la Gnuco Alpen Sgnappa Band, che studia, ricerca e propone musica che va dal popolare comico demenziale al tipico e classico delle origini della band, da situazioni più impegnate quali il genere tirolese medievale, a semplici dimostrazioni della passione per le sette note.)

 

domenica 1 luglio 2018

– ore 11.00 apertura Street Food & chiosco
– ore 21.00 elezione di Miss Grand Prix Terre del Canova. Le ragazze dai 16 ai 29 anni che volessero partecipare possono iscriversi gratuitamente chiamando il 348 0805628.

 

 

Per ulteriori informazioni:

[email protected]

338 6416995 (Celestino)

www.prolocopossagno.com

Facebook

“Le nuove disposizioni ministeriali sulle manifestazioni all’aperto stanno creando grandissimi problemi ai comuni, alle pro loco e alle associazioni di volontariato. Il rischio concreto è quello di perdere il patrimonio di manifestazioni storico culturali di cui il Veneto è ricco. Un patrimonio che rappresenta la nostra storia, le nostre tradizioni, le nostre radici, i nostri prodotti”. Lo ha messo in evidenza l’assessore regionale alla Protezione civile Gianpaolo Bottacin, intervenendo al seminario sulla gestione dell’esodo nelle manifestazioni all’aperto, organizzato dall’Ordine degli Ingegneri della provincia di Padova presso l’università.

 

“Mi rendo ben conto che le esigenze in termini di sicurezza sono aumentate – ha detto Bottacin – e non vi è alcun dubbio che la sicurezza vada sempre garantita, sia in termini di safety che in termini di security, anche alla luce degli eventi terroristici che hanno colpito l’Europa negli ultimi anni. Ma è altrettanto vero che non si può usare un cannone per sparare a una mosca. Le circolari ministeriali e le linee guida associate,
oltre a essere, in alcuni punti, palesemente errate dal punto di vista tecnico, molto spesso impongono misure spropositate a cui le nostre associazioni e i nostri comuni non sono in grado di adempiere”.

 

“Occupandomi di sicurezza anche dal punto di vista professionale – ha concluso l’assessore – ritengo che debba esserci sempre proporzione tra il margine di rischio e le misure di contrasto. Altrimenti significa che stiamo sbagliando qualcosa. Sembra quasi che queste linee guida siano state predisposte all’interno dei ministeri in fretta e furia, magari su spinta emotiva conseguente a qualche evento, senza considerare effettivamente la ricaduta concreta. Mi auguro che siano presto riviste, mettendo in equilibrio l’esigenza di sicurezza con gli adempimenti”.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni