Home / Posts Tagged "Macron"

“Macron che fa il buono l’anno scorso alle frontiere con l’Italia ha respinto 40mila immigrati, quindi è un buono molto particolare”. A dirlo è Matteo Salvini, vice presidente del Consiglio e ministro dell’Interno, intervenendo questa mattina in diretta a Radio Padova durante il programma Morning Show.

 

“È un ipocrita chiacchierone che si muove solo per interesse economico – ha aggiunto Matteo Salvini, riferendosi sempre a Macron – l’Italia ha fatto, ha soccorso, e ha pagato più che a sufficienza e quindi lezioni di solidarietà non ne prendiamo da nessuno”.

 

Sui recenti casi di scritte “Morte ai negri, viva Salvini” comparse a Mogliano Veneto (Treviso) e il manichino nero impiccato a un albero a Jesolo (Venezia) con una scritta che riconduce a Forza Nuova, Matteo Salvini ha aggiunto: “Io ho perso il conto del Salvini muori, Salvini crepa, Salvini infame, etc. Non è un cretino che scrive su un muro una cosa da demente che mi cambia la giornata. Sono i numeri dei reati, quelli sì, l’anno scorso ci sono stati 24mila reati commessi da cittadini stranieri che sono quindi 700 al giorno. È un numero impressionante che io vorrei ridurre”.

 

Quanto alla gestione della nave Diociotti, Salvini chiarisce: “La Cei l’ho chiamata io, non è che si siano chiamati da soli. Irlanda, Albania e vescovi sono stati contattati da noi. L’Europa per l’ennesima volta si è girata dall’altra parte ed ha fatto finta di niente. Ci siamo rivolti fuori dall’Europa con l’Albania e abbiamo chiamato anche altri Paesi che potranno essere utili nei prossimi eventuali, spero di no, sbarchi, e abbiamo chiamato la Chiesa cattolica perché a parole proclama accoglienza e generosità, si è fatta anche economicamente carico di queste persone che poi ricollocherà di sua volontà nelle sue strutture”.

 

Infine, sulle contestazioni a Rocca di Papa, Salvini ha concluso: “A quelli di Rocca di Papa dico che una volta tanto non pagano gli italiani. Rocca di Papa è solo un punto di passaggio perché poi i vescovi si sono impegnati a distribuire in loro strutture, e a loro carico in gruppi di tre o quattro”.

 

“Lo spettacolo visto all’Eliseo con il presidente della Repubblica francese che si è fatto immortalare in mezzo a transessuali e persone inneggianti alla pederastia è un qualcosa di gravissimo. Inaccettabile che personaggi così diano lezioni all’Italia, dove il ministro dell’Interno Salvini, in materia di immigrazione, sta tentando unicamente di regolamentare una situazione arrivata a livelli insopportabili. Salvini prenda ancora posizione, difenda nuovamente l’Italia da uomo coraggioso. Noi uomini di fede non abbiamo bisogno di questa gentaglia ambigua che disturba la nostra quiete e che sta tentando di sconvolgere il mondo con la sua ideologia”. Non usa mezzi termini Lorenzo Damiano, responsabile del Popolo della Famiglia e presidente del movimento Pescatori di Pace, dopo aver visto le immagini che hanno fatto il giro del mondo con il presidente Emmanuel Macron circondato niente meno che nella sede del Palazzo della Presidenza della Repubblica da omosessuali e transessuali, uno dei quali, un DJ, si è esibito con una maglietta con su scritto “Figlio di immigrati, nero e pederasta”.

 

“Danno lezioni di comportamento all’Italia ma in tema di moralità il presidente della Francia non ha nulla da insegnare. Presentarsi in modo così indecoroso in luoghi ufficiali: che esempio può dare a una nazione? Purtroppo ad oggi si è entrati nell’ideologia pura senza vergogna: nemmeno il rispetto dei ruoli, nemmeno il rispetto delle istituzioni che si ricoprono, è inaccettabile. Preferisco essere ‘vomitevole’ ma difendere la mia Patria e i suoi figli, piuttosto che essere lusingato da questo mondo e portarla allo sfacelo” chiude risoluto Damiano.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni