Home / Posts Tagged "Braglia"

Quando arte e ambiente si incontrano. Helidon e Jack, due esemplari di tartaruga Caretta Caretta sono stati curati e salvati nel Centro di Recupero tartarughe marine di Legambiente a Manfredonia e liberati in mare (guarda il video) a Mattinata (FG), grazie alla generosa donazione degli artisti Helidon Xhixha e Giacomo Jack Braglia. I due artisti hanno aderito al progetto TartaLove, adottando simbolicamente i due animali e garantendo per un anno la copertura delle spese di medicinali e cibo per tutti gli esemplari ricoverati nel Centro di Recupero.

 

La donazione si intreccia con la sensibilità artistica di Xhixha e Braglia, che hanno da poco inaugurato in Canal Grande a Venezia l’installazione The Twin Bottles: Message in a Bottle. Due grandi sculture metalliche raffiguranti due bottiglie galleggianti, per sensibilizzare sul problema dell’inquinamento dei mari del mondo.

 

Sensibilizzare sul tema inquinamento dei mari

“Con l’adozione delle due tartarughe marine – dichiarano Xhixha e Braglia – abbiamo voluto fare un gesto concreto per rafforzare ulteriormente il provocatorio messaggio ambientalista che abbiamo lanciato da Venezia con la nostra nuova opera The Twin Bottles: Message in a Bottle. Queste due enormi sculture galleggianti portano una forte attenzione sul tema dell’inquinamento dei mari del mondo contaminati dalle plastiche, argomento sempre più centrale e presente oggi nel dibattito sulla salvaguardia del pianeta e degli oceani“.

 

 

TartaLove. Il progetto di Legambiente

Per aiutare le tartarughe marine, Legambiente ha lanciato recentemente TartaLove, una campagna di raccolta fondi. Attraverso l’adozione simbolica di una tartaruga marina, l’associazione può continuare a curare questi animali, proteggere i loro nidi e sensibilizzare i pescatori affinché conferiscano le tartarughe catturate accidentalmente al più vicino Centro di Recupero.

 

 

Tartarughe salvate dalla plastica

Helidon e Jack, che hanno preso il nome dai loro benefattori, erano state pescate alcune settimane fa durante una battuta di pesca a strascico al largo di Mattinata e subito ricoverate al Centro Recupero Tartarughe Marine di Manfredonia. Lì si è scoperto che avevano ingerito oggetti di plastica che ne stavano compromettendo la vita, estremamente preziosa, trattandosi di esemplari in via d’estinzione. Da qui le cure e il loro salvataggio grazie alla donazione dei due artisti.

 

La plastica è una delle minacce più pericolose degli ultimi anni. “Sacchetti, resti di bottiglie e stoviglie, cotton fioc, lenze e imballaggi di vario tipo – commenta Stefano Di Marco, Coordinatore della campagna Tartalove di Legambiente – vengono sempre più spesso rinvenuti nello stomaco degli esemplari degli animali che, come Helidon e Jack, sono ricoverati nel Centro Recupero di Manfredonia. Qui i nostri operatori hanno documentato che più dell’80% degli esemplari recuperati ha ingoiato questi materiali. L’ingestione di questi materiali può essere letale perché può determinare la morte per soffocamento o per un blocco intestinale o ancora come nel caso dei due esemplari liberati oggi, provocare seri problemi di galleggiamento.”

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni