Home / Posts Tagged "automobili"

Torna anche per il 2019, dopo averlo già proposto negli ultimi due anni, il bando per chi decide di acquistare nuovi autoveicoli rottamando il proprio vecchio mezzo inquinante. La Giunta regionale, su proposta dell’assessore all’Ambiente Gianpaolo Bottacin, ha approvato l’iniziativa per l’anno corrente con alcune novità.

 

 

“Dopo aver soddisfatto tutte le richieste pervenute negli scorsi due anni e visto il grande apprezzamento della proposta, abbiamo ritenuto di promuovere un nuovo bando anche per l’anno corrente mettendo a disposizione dei soggetti privati residenti nel Veneto mezzo milione di euro di contributi per la rottamazione di veicoli inquinanti e la loro sostituzione con veicoli a basso impatto ambientale di nuova immatricolazione”. Questo quanto afferma Bottacin.

 

 

Gli incentivi

 

Rottamando le autovetture, benzina Euro 0 ed Euro 1 o gasolio Euro 0/1/2/3/4, si potrà beneficiare di un contributo variabile a seconda del mezzo acquistato. Questo sarà pari a 3.500 euro per autoveicoli elettrici o per autoveicoli ibridi (benzina/elettrica) a classe emissiva Euro 6; a 2.000 euro per autoveicoli bifuel (benzina/GPL o benzina/metano) sempre a classe emissiva Euro 6.

 

 

“Anche quest’anno abbiamo voluto tenere conto della situazione economica dei beneficiari, prevedendo una priorità per le fasce di reddito più basse così da agevolare massimamente chi può averne più bisogno. Tra le novità invece abbiamo introdotto la possibilità di sostituire anche i veicoli alimentati a gasolio di classe emissiva Euro 4; riservando a questa tipologia una quota fino al 10% delle risorse economiche destinate per finanziare l’iniziativa”. Ha aggiunto l’assessore.

 

 

Come fare

 

Le domande, il cui modulo sarà pubblicato sul BUR nei prossimi giorni, dovranno pervenire alla Direzione Regionale Ambiente entro il 31 maggio 2019. Oltre al reddito si terrà conto dell’ordine cronologico di arrivo delle domande, fino ad esaurimento delle disponibilità finanziarie. Le nuove auto dovranno essere acquistate entro il 15 ottobre 2019; mentre per la rottamazione dei vecchi veicoli dovrà essere avvenuta dopo il 2 gennaio 2019 e fino alla data ammessa per l’acquisto.

 

 

Relativamente ai veicoli che beneficiano di un contributo parametrato al numero dei grammi di biossido di carbonio emessi per chilometro (CO2 g/km), secondo gli importi di cui all’art. 1 comma 1031 e seguenti della L. 30.1.2018 n. 145, il contributo regionale è cumulabile con quello nazionale.

 

 

“Parlando della sola sostituzione delle auto private, in meno di due anni abbiamo messo a disposizione dei cittadini quasi due milioni di euro; ma questa è solo una delle tante iniziative dedicate al risanamento dell’aria che comprendono fra l’altro il bando per la rottamazione delle stufe, attualmente e fino al 30 aprile ancora aperto”.

Pauroso incidente questa mattina dopo le 10 quando, per cause al vaglio delle forze dell’ordine, tre auto si sono scontrate in Via Carducci a Mestre.  Alle 10.50 sono intervenuti i vigili del fuoco per mettere in sicurezza i mezzi bloccando la perdita di gpl di una delle vetture coinvolte nel sinistro.

 

Nell’impatto un’auto si è addirittura capovolta, lasciando leggermente ferito il conducente; illesi gli altri due. Sul posto è intervenuta anche la polizia locale per consentire i rilievi del sinistro, la messa in sicurezza della zona e deviando temporaneamente il traffico.

 

Le operazioni di soccorso dei vigili del fuoco sono terminate dopo circa un’ora e mezza.

A Treviso torna a colpire il piromane che incendia le auto durante la notte. La notte scorsa ha visto altre due autovetture date alle fiamme in via Pinelli. Il metodo è sempre lo stesso: imbottire lo spazio tra gomme e parafanghi con carta imbevuta di liquido infiammabile e poi appiccare il fuoco.

 

La polizia di Treviso, dopo appostamenti mirati, ha individuato il piromane incendiario delle auto. L’uomo è stato arrestato.

Ennesimo incendio doloso di auto a Treviso. L’ultimo caso ieri notte, alle 4, in via Cacciatori del Sile. In precedenza casi in via Fratelli Bandiera.

 

Il piromane procede sempre allo stesso modo: riempie di carta imbevuta con liquido infiammabile lo spazio tra le ruote e i parafanghi e poi accende il fuoco.

 

È molta la preoccupazione fra i residenti, che sono costretti a posteggiare le auto in strada durante la notte perché privi di garage.

 

Esiste però un altro pericolo per chi posteggia l’auto in strada. Si tratta dei ladri che razziano le auto in cerca di pezzi di ricambio.

 

La Polizia ha sorpreso due moldavi mentre scassinavano una BMW per depredarla dei pezzi e poi rivenderli come ricambi.

 

I fatti si sono verificati in pieno centro, in via dei Mille, in via Carlo Alberto e in vicolo Biscaro.

 

 

Fonte: TrevisoToday

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni