Home / Posts Tagged "Ambiente"

La chiusura di molte attività economiche, imposte per combattere il diffondersi del Coronavirus, ha influito positivamente sulla qualità dell’aria nella Pianura Padana.

 

Il Programma Copernicus in collaborazione con ARPAV rivela che nella Pianura Padana le emissioni di NO2 ( ossido di azoto) sono notevolmente diminuite.

 

Si è stimata una diminuzione di NO2 del 50% in concomitanza con la riduzione delle attività produttive e del traffico veicolare.

 

Per quanto riguarda invece la situazione delle polveri sottili (PM10 e PM2,5), afferma ARPAV, non è possibile fare un calcolo sull’impatto avuto dalle disposizione restrittive imposte, perché essa dipende dalle condizioni atmosferiche nella Pianura Padana.

 

Si fa rilevare che questo tipo di inquinamento dipende principalmente dal riscaldamento domestico e non dal traffico veicolare.

 

Su questo tipo di inquinamento per poter fare un confronto tra questo ultimo mese e lo stesso periodo dell’anno scorso, si deve tener conto anche della meteorologia che varia di giorno in giorno. In questo mese di marzo si sono avuti forti venti che in parte hanno pulito l’atmosfera.

 

Altra nota positiva conseguente alle restrizioni imposte per combattere il diffondersi del Coronavirus, è la limpidezza raggiunta dalle acque della Laguna Veneta.

 

A Venezia nei canali si scorge tranquillamente il fondo, l’acqua non è più torbida e si possono vedere i pesci nuotare, mentre al largo di Pellestrina sono apparsi i delfini.

 

Fonte: QualEnergia.it

Mentre le scuole di tutta Italia si attrezzano per la didattica online, il morale dei ragazzi (ma anche degli insegnanti e delle famiglie) va tenuto alto. Perché la scuola non è solo un’istituzione, per molti studenti è una seconda famiglia, è il luogo degli amici, il posto dove fare gruppo… È un punto fermo nella vita dei bambini e dei giovani; una certezza che, se viene meno, può anche destabilizzare.

 

Senza ritrovarsi tutte le mattina alle 8 al suono della campanella, senza vedersi se non in chat, c’è qualcosa che può fare sentire ancora classe?

 

La risposta è sì, ed è un concorso fotografico destinato a tutte le scuole d’Italia“One Action for a Green Planet”.

L’idea arriva da una scuola di Torino, la WINS, in collaborazione con Nital e Peraga Garden Center. Il tema del concorso fotografico è “One Action for a Green Planet” e l’obiettivo è aiutare tutti a non arrendersi, né al Coronavirus né tantomeno all’idea che nessuno, nel proprio piccolo, possa fare la differenza per il Pianeta!

 

Non è un caso che il giorno scelto per lanciare il concorso sia proprio il 6 marzo, il giorno di “M’llumino di meno”, la Giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili.

 

  

 

Il contest

Valido da oggi fino al 6 maggio, il concorso è assolutamente gratuito e le categorie per iscriversi sono due: classi della scuola primaria/secondaria e ragazzi dai 14 ai 20 anni.

I ragazzi e i bambini, guidati dai loro insegnanti, sono invitati a scattare delle foto che possano raccontare le azioni green per il pianeta. Attraverso la forma d’arte della fotografia i ragazzi sono invitati a mostrare come l’azione quotidiana di ognuno di noi possa, seppur nel proprio piccolo, ridurre e mitigare il più possibile i livelli di CO2 nell’atmosfera, contribuendo a ottenere un grande risultato comune.

 

Il tema

Il tema è ampio e lascia spazio alla fantasia, alla creatività e alla bravura dei fotografi; valgono tutte le buone pratiche ambientali, incluse le piccole azioni quotidiane finalizzate a contrastare la scomparsa del verde a partire dai contesti urbani (es. orti casalinghi, forestazione urbana, aiuole verticali, etc.).

 

Obiettivi

Uno degli obiettivi del concorso è aiutare gli insegnanti, a caccia di idee per i loro alunni, a superare con il sorriso questi giorni di fermo scolastico. Ciascun alunno può scattare la propria fotografia e poi inviarla all’insegnante, che si occuperà di caricarle sul sito www.worldinternationalschool.com.

Un altro grande obiettivo del concorso è tenere alta l’attenzione della “generazione Greta”, educare e sensibilizzare bambini e adolescenti su un tema fortemente attuale e di grande rilievo.

 

Iscrizioni Categoria Scuole (classi della scuola primaria/secondaria)

Per la categoria scuola primaria/secondaria l’iscrizione sul sito www.worldinternationalschool.com deve essere effettuata dagli insegnanti che poi raccoglieranno le foto dei loro studenti e le caricheranno sul sito (massimo 1 per ogni alunno della classe).

 

Iscrizioni Categoria Fotografi non Professionisti (ragazzi dai 14 ai 20 anni)

I ragazzi, che devono possedere un profilo Instagram pubblico, possono iscriversi personalmente e poi postare su Instagram la propria foto attraverso l’utilizzo dell’hashtag #oneactionwins e del tag @wins_torino e dovrà essere follower di @wins_torino.

 

I premi

Tra tutte le fotografie che saranno pervenute entro le ore 12 del 6 maggio, verranno decretati i vincitori.

Per i ragazzi (Categoria Fotografi non Professionisti) verranno assegnati due premi:

• premio giuria: Nikon Coolpix W300 (valore di mercato Euro 489,00) messa a disposizione da Nital S.p.A.

• premio pubblico (la foto che avrà ottenuto più like): Polaroid Kit: 1 Macchina + 1 pellicola + 1 photo box (valore di mercato Euro 149,99) messa a disposizione da Nital S.p.A.

 

Per le classi (Categoria Scuole) verranno decretate dalla giuria una classe vincitrice della scuola primaria e una classe vincitrice della scuola secondaria:

• premio giuria: n. 2 Kit per orto didattico in classe (valore di mercato Euro 100,00) messi a disposizione da Peraga Garden Center.

Il programma radiofonico Caterpillar – Rai Radio 2 rinnova l’iniziativa di sensibilizzazione per il risparmio energetico e la tutela dell’ambiente “M’illumino di meno”, invitando quest’anno a piantare un albero

 

La 16^ edizione di M’illumino di meno invita Comuni, scuole, aziende, associazioni e privati a piantare un albero o anche una pianta da tenere sul balcone. Crema Costruzioni – azienda trevigiana che realizza immobili di pregio, che da alcuni anni aderisce all’iniziativa – ha subito pensato a una scuola, facendo del proprio dono un’occasione di coinvolgimento dei più giovani, cittadini di domani.

 

Non si tratta però di un albero qualunque, ma di un acero “mangia polveri”. Non appena le scuole riapriranno la pianta verrà messa a dimora nel parco dell’asilo e i bambini le dedicheranno una festosa accoglienza, con canzoni e ascoltando fiabe sull’importanza delle piante, alla presenza anche l’assessore alle Politiche ambientali del Comune di Treviso Alessandro Manera. 

 

Prima gli alberi, poi le case

Piantare alberi può sembrare un’attitudine poco consona a un’azienda costruttrice, ma in realtà è ciò che Crema Costruzioni fa da sempre nei propri residence: Prima gli alberi, poi le case” è il motto di Claudio Crema e del suo staff, perché il benessere che deriva dal vivere in una bella casa tecnologicamente all’avanguardia è sicuramente amplificato se attorno sono presenti spazi verdi alberati. 

Per noi è stato naturale pensare di regalare una pianta, – spiega Claudio Crema, titolare di Crema Costruzioninelle nostre realizzazioni poniamo sempre grande attenzione agli spazi verdi e alla scelta delle piante più adatte. Donare un albero ai bambini, inoltre, è un piccolo grande investimento nel futuro, un’attenzione che oggi ogni azienda dovrebbe avere”.

 

Abbiamo accolto con piacere questo importante dono, – ha commentato la direttrice Francesca Conteun nuovo albero arricchisce la flora del nostro bel parco e ci aiuta a rafforzare nei bambini quello che quotidianamente cerchiamo di trasmettere: la salvaguardia del creato, evitare inutili sprechi sia alimentari che della carta, riciclare e rispettare le piante e i fiori del nostro giardino. Il nuovo farà compagnia a quello piantato tre anni fa per il cinquantenario della scuola e mi auguro che, come hanno fatto per quello, i bambini si faranno carico di annaffiarlo quotidianamente finché le sue radici non si fossero consolidate nella terra”.

 

Crema Costruzioni, infine, chiederà ai piccoli di pensare ad un nome per l’acero, in modo che i bambini possano sentirlo ancor più proprio, e di ricevere aggiornamenti (i disegni dei bimbi) sullo stato di salute e di crescita dell’albero. Al termine della festa a ogni bambino verrà consegnata una pianta di rosmarino da portare a casa e di cui prendersi cura giorno dopo giorno insieme ai propri genitori.

 

 

L’acero antismog

L’acero campestre, scelto con la consulenza di Linea Verde e Diego Pietrobon, partner di Crema Costruzioni, è un albero dalle foglie verde scuro che in autunno virano in un giallo lucente, raggiunge una ventina di metri e può vivere anche oltre un secolo, ma la cosa forse più importante è che è annoverato tra le piante anti-inquinamento: secondo gli studi condotti dall’American Forestry Association, un albero di circa venti metri di altezza può assorbire ogni anno circa 1000 grammi di particolato (Pm10, ma anche soprattutto il più insidioso Pm2,5). L’albero costituirà dunque un piccolo aiuto per rendere il giardino della scuola non solo più bello ma anche più salubre.

Continua l’impegno dell’Amministrazione comunale moglianese sul fronte del miglioramento della qualità dell’aria e della promozione del risparmio energetico, che destina un cospicuo finanziamento per la sostituzione di vecchie caldaie con modelli nuovi, ad alta efficienza energetica.

 

Al fine di promuovere nel territorio comunale una nuova cultura dell’energia che tuteli l’ambiente e la vita della collettività, il Comune di Mogliano Veneto mette così a disposizione 30.000€ totali per i moglianesi intenzionati a sostituire vecchi impianti termici inquinanti.

 

“Con questo finanziamento più sostanzioso rispetto al passato andiamo a incentivare le famiglie a sostituire le vecchie caldaie, proprio perché una grossa fetta dell’inquinamento atmosferico, circa il 70%, è data dal riscaldamento domestico ed è lì che soprattutto bisogna intervenire. Le novità introdotte quest’anno vanno proprio in questa direzione”, interviene il sindaco Davide Bortolato.

 

Rispetto agli anni passati, in cui si finanziavano solo le vecchie caldaie a favore di nuovi impianti alimentati a metano, è ora possibile inoltrare la richiesta di contributo anche per la sostituzione di vecchie caldaie alimentate a GPL e a gasolio, come pure di vecchie stufe a bassa efficienza energetica con nuove stufe ad alto rendimento.

 

Per dare continuità al vecchio bando, potrà presentare la domanda anche chi ha già cambiato la propria caldaia a decorrere dal 15 ottobre 2019.

 

Tutte le domande di contributo dovranno comunque essere inoltrate entro il 31.12.2020.

Ogni richiedente può fare domanda di contributo relativamente a un solo impianto.

È previsto un contributo fisso di euro 500,00 a richiedente, fino ad esaurimento della somma destinata a tale iniziativa.

Scarica qui il bando e altri documenti utili alla presentazione della domanda.

Convegno questa sera alle ore 21.00, presso l’aula magna del liceo statale “G. Berto”

 

Ha preso avvio lo scorso autunno la rassegna di conferenze scientifiche promossa da SOMS Mogliano – Circolo Galilei, con il patrocinio del Comune di Mogliano Veneto e la collaborazione di WEB 2012APIOOfficina 31021 e Salviamo il Paesaggio.

I temi di quest’anno, clima, green economy e sostenibilità, intendono dare uno sguardo approfondito e scientifico su cause, conseguenze, impatto e possibilità di azione sulla crisi climatica.

 

Dopo l’incontro del 7 febbraio scorso, in cui si è parlato di Transizione verso un sistema energetico sostenibile con il professore di Economia dell’Energia dell’Università di Padova Arturo Lorenzoni, spazio questa sera al Perché non è esplosa la bomba demografica? con Gianpiero Dalla Zuanna, docente Demografia dell’Università di Padova.

 

Negli ultimi decenni del Novecento, molti scienziati presagivano che l’aumento della popolazione sarebbe stato irrefrenabile e di gran lunga superiore rispetto all’incremento delle risorse disponibili. In realtà, non è andata così. Negli ultimi anni dovunque, anche nell’Africa Sub-Sahariana, la popolazione sta crescendo meno rapidamente o – addirittura – diminuendo. Il problema di sostenibilità, quindi, non è tanto un problema demografico quanto di modelli di sviluppo, di meccanismi di produzione dell’energia, di gestione delle risorse idriche.

 

L’incontro si terrà alle ore 21.00, presso l’aula magna del liceo statale “G. Berto”.
Ingresso libero e responsabile.

 

 


Gianpiero Dalla Zuanna è professore di Demografia all’Università di Padova. Ha pubblicato articoli nelle maggiori riviste internazionali di demografia. I suoi attuali interessi di ricerca sono i movimenti migratori da e verso i paesi ricchi, il comportamento sessuale e riproduttivo in Europa, la popolazione nel Medioevo europeo. Nel periodo 2008-2012 è stato Preside di Scienze Statistiche, dal 2013 al 2018 Senatore della Repubblica.

I comportamenti virtuosi aiutano l’ambiente e fanno avere sconti

 

Il progetto ECOATTIVI, che premia i comportamenti virtuosi dei Cittadini nei confronti dell’ambiente attraverso sconti in una serie di esercizi commerciali convenzionati, si rinnova anche per il 2020 (scarica la locandina).

 

“L’Amministrazione Comunale ha deciso di rinnovare il progetto, in collaborazione con Veritas e Confcommercio, considerata la sempre maggiore adesione dei Cittadini. Nel 2019 hanno guadagnato e poi speso 2.290 ecosconti nei negozi della nostra Città, a fronte dei 1.069 del 2018”, commenta il sindaco Davide Bortolato.

 

Quest’anno sono state introdotte due interessanti novità:

  • la prima riguarda il conferimento degli oli esausti che farà guadagnare 200 punti a chi leggerà con l’app Ecoattivi il qrcode posizionato sui bidoni verdi per la raccolta dell’olio
  • la seconda riguarda la mobilità lenta e sostenibile. Verrà premiato con 1.000 punti chi si reca al lavoro prevalentemente a piedi o in bici.

 

“I cambiamenti climatici ci dicono che dobbiamo diminuire l’emissione dei gas serra. Tradotto, significa che dobbiamo cercare di cambiare stile di vita nel nostro quotidiano. Inoltre, andare in bicicletta o a piedi al lavoro fa bene anche alla salute e al portafoglio”, continua il sindaco.

 

Altri comportamenti virtuosi che danno diritto ai punti sono:

  • conferire rifiuti all’ecocentro (200 punti per ogni conferimento, assegnati automaticamente)
  • essere volontari del verde (2000 punti annuali, assegnati automaticamente)
  • partecipare al PEDIBUS come accompagnatori (800 punti annuali, assegnati automaticamente)
  • partecipare all’iniziativa “Puliamo il nostro quartiere e i nostri fossi” organizzata annualmente (800 punti, assegnati automaticamente)
  • utilizzare pannolini lavabili (600 punti ogni mese, compilando l’autocertificazione presso l’Ufficio Ambiente)
  • utilizzare casette dell’acqua (600 punti una tantum – inviando n° tessera acqua e codice fiscale a: [email protected]).

 

Ogni 200 punti accumulati, ciascun Cittadino ha diritto ad un “Ecosconto” del valore di 1 euro, da utilizzare presso i negozi attivi aderenti al circuito.

 

La conversione dei punti potrà essere attuata presso uno dei seguenti Ecopoint:
Punto Comune, Centro Anziani, Farmacia Ventura, Fotogramma e Venice espresso.

 

Gli Ecosconti potranno essere spesi in tutti i negozi che espongono la vetrofania Ecoattivi e aderiscono al progetto. La lista completa è disponibile anche sull’app Ecoattivi o nel sito moglianoveneto.ecoattivi.it e sono:

Abbigliamento, FLORI’S Via Matteotti 34; alimentari, BOTTEGA ALTROMERCATO Via De Gasperi 21, MACELLERIA BELLIO Via Roma 22, PANIFICIO DIANA, Piazza Duca d’Aosta 7, VENICE ESPRESSO Via Olme 33; articoli regalo, FOTO ARGENTOVIVO Via Don Bosco 66, FOTOGRAMMA Via Gris 23-25; edilizia- ferramenta, EDILIZIA F.LLI PIZZIOLO Via G. Marconi 53, ZANUTTA Via Giotto 11; salute e benessere, FARMACIA ALLA MARCA Via Roma 91 A e Via Marignana 7, FARMACIA VENTURA Via Gaetano Donizetti 8/10, LA SANITARIA MOGLIANESE Via Matteotti 17, ORTOPEDIA SANITARIA. FIORE Via IV Novembre 5/2; associazioni, CENTRO RICREATIVO ANZIANI Via Carlo Alberto Dalla Chiesa 2/b; bar, pasticcerie, pizzerie; CASA DELLA PIZZA Via Roma 91 C, ENOTECA CASA MATTIAZZI Via Ronzinella 115/B, GOPPION CAFFÈ Via Don Bosco 44, PASTICCERIA LE DOLCEZZE Piazza dei Caduti 24, PIZZERIA BIZ BETICA Via del Cotone 1; cartolerie, CARTOLIBRERIA ANTONELLA Via Gris 12.

 

I Cittadini moglianesi possono consultare il regolamento, scaricare le autocertificazioni e consultare l’elenco dei negozi attivi aderenti al progetto. In qualsiasi momento possono inoltre controllare il saldo (recandosi in un Ecopoint o direttamente dal proprio smartphone accedendo all’app Ecoattivi).

 

Su questa iniziativa interviene anche l’assessore alle Attività produttive Giorgio Copparoni: “La collaborazione tra Commercianti, Cittadini e Amministrazione Comunale sulle tematiche della sostenibilità ambientale ci dà il vero senso dell’essere comunità. Obiettivi comuni e collaborazione tra pubblico e privato sono la strada giusta per migliorare la qualità della vita e sostenere le attività di vicinato tanto importanti per la vivibilità della Città”.

Anche quest’anno il concorso Raccolta Piccoli RAEE (Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche) ha riscosso ampia partecipazione nelle scuole moglianesi, raccogliendo la bellezza di 8.820 kg totali.

 

L’iniziativa, portata avanti dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con Veritas e il Consiglio di Bacino Venezia Ambiente, è un importante strumento per insegnare ai bambini che cosa siano i RAEE e come vadano gestiti.

 

“È stato bello essere accolti dall’entusiasmo dei bambini, che sono bravissimi grazie alle maestre, altrettanto brave, che insegnano loro fin dalla tenera età il corretto smaltimento dei rifiuti e le buone pratiche per sviluppare una coscienza ambientale nei nostri piccoli concittadini. Con questa iniziativa gli studenti hanno appreso l’importanza di non gettare nel secco i rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche ma al contrario di differenziarli, portandoli a scuola, dove ci sono i bidoni appositi, oppure al Centro di raccolta. Si tratta infatti di rifiuti contenenti sia materiali che possono inquinare l’ambiente, sia materiali preziosi da riciclare”. Ha commentato così il successo dell’iniziativa il sindaco Davide Bortolato che questa mattina, insieme all’assessore alla Pubblica Istruzione Martina Cocito, ha consegnato il primo premio alla scuola più virtuosa di Mogliano Veneto, la G.B. Piranesi.

 

Domani l’Amministrazione Comunale farà visita alle A. Frank, seconde in classifica, e poi alle Olme.

Il sindaco e l’assessore, unitamente all’incaricato Veritas Sebastiano Faraon, si sono soffermati con i bambini e le bambine a parlare di Riciclo, di Riutilizzo e di Riduzione dei rifiuti, concetti che i bambini hanno dimostrato di conoscere a volte meglio dei genitori.

 

A ogni scuola partecipante è stato conferito un buono acquisto, per un totale di 4.000 euro da spendere nell’acquisto di materiale didattico.

“I cambiamenti climatici nel paesaggio”: sarà questo il tema del concorso fotografico organizzato dall’Amministrazione comunale in collaborazione con l’Associazione Input, i fotografi Dario Sottana, Bobini Stefano e Tronchin Angelino per rendere omaggio all’amico Giancarlo Orsatti.

 

Il concorso è il primo di una serie di eventi organizzati dall’Amministrazione comunale nell’ambito del percorso “Verso – Si può fare! Preganziol in Festa”, in vista del più grande evento che si organizzerà nel mese di settembre “Si può fare! Preganziol in Festa”. L’obiettivo è mettere in comune esperienze concrete di buone pratiche di sostenibilità ambientale, economica e sociale, per favorire la nascita di comunità locali intelligenti e affettuose, creative e solidali, inclusive e generative di buone relazioni umane in un contesto più consapevole e rispettoso degli ambiziosi obiettivi tracciati dall’Agenda 2030, dall’Enciclica Laudato Sì e dell’Accordo di Parigi sul clima.

 

 

Il concorso

È in questo contesto che si inserisce il concorso fotografico aperto a tutti gli appassionati e non di fotografia, che mette al centro dell’attenzione sia la fotografia naturalistica che la consapevolezza che i cambiamenti climatici sono già reali, osservabili, tangibili e quantificabili.

 

 

Come partecipare

L’iscrizione al concorso è gratuita e ai concorrenti viene richiesto di inviare fino ad un massimo di tre foto in bianco e nero e/o colori – a scelta – pertinenti al tema del concorso, all’Ufficio Protocollo del Comune di Preganziol entro le ore 12.00 di martedì 31 marzo 2020. Scarica il regolamento.

 

 

I premi

Una giuria di esperti sceglierà le opere finaliste e assegnerà i seguenti premi:
1° premio: euro 400,00
2° premio: buono acquisto di euro 100,00 presso “Nuova Colore srl”
3° premio: buono per n. 4 stampe FINE ART formato A4 presso “Nuova Colore srl”.

Il premio in denaro si intende al lordo delle trattenute fiscali di legge.

 

Le foto selezionate verranno esposte per tutto il mese di maggio presso “Lo spazio dell’Arte” della biblioteca comunale e la premiazione si svolgerà in occasione della Festa dell’Asparago.

“Sorprende tanta solerzia nell’indagare uno studente minorenne che manifesta pacificamente per l’ambiente, a maggior ragione vista la continua emergenza sanitaria che viviamo a Treviso. Invito i magistrati ad aprire un fascicolo contro le autorità regionali visto che gli attuali Piano aria e Piano energia sono il primo inefficace e il secondo dannoso, con conseguenze negative per la salute dei veneti”. È quanto chiede Andrea Zanoni, consigliere regionale del Partito Democratico, commentando l’avviso di garanzia per un ragazzo di 17 anni, segnalato al Tribunale dei minori di Venezia per manifestazione non autorizzata, dopo che lo scorso 29 novembre insieme ad altri manifestanti del Fridays For Future Treviso aveva bloccato per qualche minuto il Put. “Chi scende in piazza per salvaguardare l’ambiente, e quindi il benessere di tutti, senza usare violenza meriterebbe rispetto e vicinanza, non una condanna. È preoccupante pensare che possa rischiare una pena di sei mesi per violazione dell’articolo 18 del Tulps (Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza), è grave che ci sia una situazione dove si è forti coi deboli e deboli con i forti”.

 

“Magari anche gli adulti avessero la coscienza di questi ragazzi – insiste il vicepresidente della commissione Ambiente – In Veneto sei capoluoghi su sette sforano sistematicamente i limiti di Pm10, con il triste primato di Treviso che a inizio anno aveva l’aria più irrespirabile di Pechino con valori record fino a 445 microgrammi per metro cubo. In Italia, secondo l’Agenzia europea per l’ambiente ci sono state 84.400 morti premature a causa dello smog, concentrate soprattutto in Pianura Padana; siamo sotto procedura di infrazione europea per violazione della Direttiva sulla qualità dell’aria e rischiamo multe miliardarie; abbiamo un presidente di Regione che in piena emergenza sanitaria appicca il fuoco ad enormi, spropositati e inquinantissimi Panevin e davvero il problema è uno studente che per pochi istanti svicola da un percorso prestabilito, senza danneggiare niente e nessuno?”.

La Giunta regionale, su proposta dell’assessore ai Trasporti Elisa De Berti, ha approvato l’estensione al 2020 di “In treno in bici”: iniziativa promossa dalla Regione del Veneto che prevede uno sconto sugli abbonamenti trimestrali o annuali di Trenitalia per i possessori di una bicicletta comperata nel corso dell’anno. 

 

“È una ulteriore azione tra quelle che abbiamo intrapreso al fine di perseguire gli obiettivi e le strategie previste dal Piano Regionale dei Trasporti in ambito di intermodalità – spiega l’assessore De Berti -. Integrare le diverse forme di trasporto, tra le quali quello treno-bici, è uno dei modi più efficaci per ottenere la diminuzione del traffico veicolare privato con una riduzione dell’inquinamento atmosferico da un lato e minori spese di trasporto e parcheggio dall’altro. Non meno importante: favorisce un salutare esercizio fisico”.

 

 

Scadenza prorogata al 24 maggio 2020

“Con delibera dello scorso agosto – prosegue De Berti – sono stati destinati complessivamente 280 mila euro per assicurare sconti sull’acquisto di abbonamenti del treno (trimestrali o annuali) a favore degli utenti di Trenitalia che avessero acquistato nel corso del 2019 una bicicletta pieghevole. L’iniziativa, entrata in vigore il 24 settembre scorso, prevedeva una scadenza al 24 gennaio 2020. Indubbiamente, non è mancato il consenso dei fruitori dei servizi ferroviari perché al 12 gennaio di quest’anno erano stati già assicurati 713 bonus per l’acquisto di altrettante bici. Riteniamo sia opportuno continuare nel perseguimento degli obiettivi prefissi e, quindi, la Giunta regionale ha disposto una proroga di 4 mesi dell’iniziativa, portando la scadenza al 24 maggio 2020. Questa estensione offre la possibilità di adesione anche agli utenti del servizio ferroviario che acquistino la bicicletta pieghevole nell’anno in corso”.

 

 

Come ottenere il bonus

Le procedure per l’ottenimento del bonus rimangono invariate rispetto alla precedente formulazione. È sufficiente recarsi in una biglietteria Trenitalia, portando con sé l’apposito modulo di richiesta (scaricabile dall’apposito link) e la fattura o la ricevuta o lo scontrino fiscale che attestino l’acquisto di una bicicletta pieghevole che, una volta ripiegata, abbia le dimensioni non superiori a 80x110x45 centimetri stabilite per il trasporto gratuito in treno.

 

 

Sconto sull’abbonamento ferroviario

La riduzione sull’acquisto di un abbonamento annuale o trimestrale, a tariffa 40/21 e 14/VE, applicata una tantum, corrisponde ad una quota fino ad un importo massimo di 150,00 euro (IVA compresa), pertanto non verrà corrisposto alcun resto in denaro o altra forma per acquisti di importo inferiore ai 150,00 euro. I beneficiari della riduzione potranno usufruire dell’agevolazione una sola volta nell’arco di validità dell’iniziativa. Non essendo cedibile lo sconto, l’abbonamento ridotto potrà essere intestato solo al possessore della bici pieghevole.

 

Maggiori informazioni possono essere reperite nelle biglietterie e gli sportelli di Trenitalia e sul sito della Regione Veneto.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni