Home / Economia  / Sanità  / Zanoni (PD): “No alla chiusura dell’ambulatorio di Vulnologia a Padernello di Paese”

Zanoni (PD): “No alla chiusura dell’ambulatorio di Vulnologia a Padernello di Paese”

“La chiusura di un ambulatorio all’interno di un distretto sanitario rinnovato due anni fa e costato 750mila euro, penalizzando numerosi anziani rientra nel campo dell’eccellenza veneta sbandierata da Zaia ogni volta che parla di sanità?”.

“La chiusura di un ambulatorio all’interno di un distretto sanitario rinnovato due anni fa e costato 750mila euro, penalizzando numerosi anziani rientra nel campo dell’eccellenza veneta sbandierata da Zaia ogni volta che parla di sanità?”. La domanda è del consigliere del Partito Democratico Andrea Zanoni che ha presentato un’interrogazione a proposito dell’imminente chiusura, dal 5 novembre, dell’ambulatorio di Vulnologia di Padernello di Paese (TV).

 

 

“Questa struttura è un punto di riferimento per molti pazienti, in particolare per anziani e malati di diabete. Non si può pensare di trasferire tutto a dieci chilometri di distanza, nella sede Ulss di Borgo Cavalli a Treviso, giustificandolo con la carenza di personale e senza tener conto degli spostamenti a cui sarebbero obbligati gli utenti. Se c’è necessità di ottimizzare il servizio accorpando in unico polo, la scelta deve ricadere su Padernello: sarebbe un controsenso fare altrimenti, visto che il distretto sanitario è stato ampliato da poco. Con questa scelta si ridurrebbero anche i disagi agli utenti, poiché la struttura è ben servita dagli autobus e c’è un parcheggio gratuito piuttosto grande, a differenza di Borgo Cavalli, dove oltretutto i posti auto sono a pagamento. A ciò va aggiunta, sempre a Treviso, la presenza del mercato il martedì e il sabato, che costringerebbe gli utenti a lasciare le vetture assai lontano dalla sede dell’Ulss, non proprio l’opzione migliore per anziani e persone con problemi di salute”. 

 

 

“Risparmi e razionalizzazioni – lamenta ancora Zanoni – non possono essere fatte sulle spalle dei più deboli, a maggior ragione se poi c’è anche una lunga serie di controindicazioni logistiche. Perciò chiedo alla Regione cosa intenda fare per mantenere l’apertura dell’ambulatorio di Vulnologia a Padernello di Paese, tutelando i pazienti che, appunto sono prevalentemente anziani, e valorizzando un investimento pesante da parte del Comune”.

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni