DigitalEconomiaSlide-main

Voucher Digitalizzazione: ultimi giorni per aderire al bando

1 minuti di lettura

Il bando per ottenere il Voucher Digitalizzazione è in scadenza. Le PMI avranno tempo fino al 9 febbraio per inoltrare la domanda sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico. Fino al 9 febbraio è possibile inoltrare la domanda. 
 
La digitalizzazione dei processi aziendali compie quindi un altro passo in avanti grazie ai fondi sbloccati dal Cipe per questo voucher.
Vuocher Digitalizzazione: di cosa si tratta esattamente?
Tutte le micro, piccole o medie imprese con una sede legale e operativa in Italia, potranno beneficiare di un contributo fino a 10mila euro per ammodernare la propria infrastruttura informatica. I fondi stanziati serviranno per tutte le misure utili a trasformare l’impresa in un business 4.0.
Il voucher potrà essere utilizzato per:

  • migliorare l’efficienza aziendale grazie all’introduzione o all’ampliamento dei sistemi informativi
  • modernizzare l’organizzazione del lavoro, mediante l’utilizzo di strumenti tecnologici e forme di flessibilità del lavoro tra cui il telelavoro;
  • sviluppare soluzioni di e-commerce;
  • fruire della connettività a banda larga e ultra-larga o del collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare;
  • realizzare interventi di formazione qualificata del personale nel campo ICT.

 
Come beneficiare del Voucher Digitalizzazione?
I requisiti per poter presentare la domanda sono pochi, ma sufficientemente chiari:

  • Essere una Micro, Piccola o Media Impresa, indipendentemente dalla forma giuridica e dal regime contabile adottato
  • Non essere beneficiari di altri contributi statali per l’acquisto di beni o servizi per l’implementazione digitale
  • Non essere imprese del settore primario (prodotti agricoli, pesca e acquacoltura)
  • Non essere sottoposti a procedure concorsuali, fallimento, liquidazione, concordato preventivo o amministrazione controllata
  • Avere una sede legale e/o un’unità locale attiva in Italia ed essere iscritti al registro imprese
  • Non essere soggetti a ordini di recupero dichiarato dalla Commissione Europea per aiuti illegali

 
Una volta stabilita l’effettiva conformità con i requisiti richiesti, le aziende devono dotarsi di una PEC valida e della firma digitale del rappresentante legale per poter procedere con la domanda. Si procederà esclusivamente per via telematica, fino alle ore 17.00 del 9 febbraio 2018, sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico .
 
Per ulteriori informazioni sulle potenzialità di questa iniziativa è possibile contattare Webtechnet, società di Mogliano che da 20 anni si occupa di progetti in ambito digital. (Tel. 041 5905766)
 
 
 
 
 

Articoli correlati
Italia MondoLifestyleSlide-mainSostenibilità

Edilizia residenziale. Chi cerca casa pensa all'ambiente

2 minuti di lettura
Il primo ‘Rapporto sull’andamento dell’edilizia residenziale europea’ condotto da RE/MAX Europe intervistando circa 16mila consumatori europei in 22 Paesi rivela una predisposizione…
IstruzioneItalia MondoLavoroSlide-main

Scuola, per docenti e personale più di 2.000 euro di arretrati a Natale

1 minuti di lettura
“Questo Natale docenti, personale amministrativo e in generale tutti i lavoratori del settore scolastico riceveranno più di 2.000 euro di arretrati nella…
Slide-mainVenetoViabilità

Autostrade, progetto per l'A22. Investimenti per oltre un miliardo nel Veronese

1 minuti di lettura
“Con il via libera alla finanza di progetto per la A22, per un investimento complessivo di 7 miliardi e mezzo di euro,…

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio