Home / Slide-main  / Visman e Baldin (M5S) sul trasporto pubblico di Venezia

Visman e Baldin (M5S) sul trasporto pubblico di Venezia

«Siamo estremamente preoccupati per la situazione del trasporto pubblico veneziano, soprattutto in vista di settembre, quando lavoratori e studenti torneranno ad affollare autobus e vaporetti», intervengono così Sara Visman, consigliera comunale e candidata sindaca del

«Siamo estremamente preoccupati per la situazione del trasporto pubblico veneziano, soprattutto in vista di settembre, quando lavoratori e studenti torneranno ad affollare autobus e vaporetti», intervengono così Sara Visman, consigliera comunale e candidata sindaca del Movimento 5 Stelle a Venezia ed Erika Baldin, consigliera regionale pentastellata in Veneto. «Non si tratta di polemiche sterili, il tema è fondamentale e riguarda la sicurezza di tutti i cittadini – aggiungono Visman e Baldin – non possiamo permettere che recarsi al lavoro si trasformi in un rischio per la salute».

 

«Uno dei grandi problemi riguarda la flessibilità – affermano la candidata sindaca e la consigliera regionale – con le fermate affollate, il trasporto pubblico sarà in grado di fornire più corse per evitare mezzi affollati? Le resse e i disservizi di questi giorni, fatta la tara sul non inaspettato afflusso dei pendolari delle spiagge, sono la fotografia di un meccanismo troppo statico, che dimostra di non essere in grado di rispondere con elasticità ed efficienza ai flussi dinamici che si trova a gestire. In concreto, siamo in grado di allestire corse bis su linee stracolme in tempi congrui ad evitare ritardi e disagi? Situazioni di stress, che gli anni scorsi erano l’eccezione, da settembre potranno diventare abituali. Prepariamoci, anche con l’uso intensivo della tecnologia telematica».

 

Visman e Baldin lanciano inoltre l’allarme controlli: «Con i contagi che tornano a salire, chi controllerà che tutti indossino le mascherine nei mezzi pubblici? Trenitalia con passeggeri senza dpi interrompe le corse alla prima stazione utile, Actv come si comporterà? Queste sono risposte che i cittadini devono avere, non si tratta di semplice organizzazione, ma di questioni di salute pubblica. Quella del trasporto è la prossima sfida da vincere».

 

Non manca la risposta della candidata sindaca e della consigliera regionale alle parole di Giuseppe Dal Ben, direttore generale dell’Ulss 3, che nei giorni scorsi aveva consigliato di evitare autobus e vaporetti se affollati. «Sono parole irrispettose per gli abitanti, di chi non conosce il territorio e di chi non pensa all’impatto ambientale legato all’uso di mezzi privati – affermano Visman e Baldin. – I cittadini, pensiamo soprattutto a quelli residenti nelle isole, senza il trasporto pubblico andrebbero incontro a disagi inaccettabili. La soluzione non può essere quella di spostarsi con mezzi privati, che avrebbero conseguenze su inquinamento e traffico. I veneziani hanno tutto il diritto di recarsi al lavoro con il TPL, senza mettere a repentaglio la sicurezza propria e quella altrui».

Questo giornale è gratuito ma, se vuoi, puoi sostenerlo donando un piccolo contributo di 1 euro al mese, impostando un pagamento periodico a questo link.

Commenta la news

commenti

POST TAGS:

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni