Home / Mogliano  / Violenza e discriminazioni: una riflessione a margine della proposta di legge Zan

Violenza e discriminazioni: una riflessione a margine della proposta di legge Zan

Riceviamo e pubblichiamo una riflessione di L’8sempredonnemogliano, Anpi Mogliano Veneto, Amici del parco, G.A.S. Mania e Quante Storie, sulla proposta di legge Zan attualmente in discussione in Parlamento     I solerti funzionari leghisti non hanno dubbi: chiamano a

Riceviamo e pubblichiamo una riflessione di L’8sempredonnemogliano, Anpi Mogliano Veneto, Amici del parco, G.A.S. Mania e Quante Storie, sulla proposta di legge Zan attualmente in discussione in Parlamento

 

 

I solerti funzionari leghisti non hanno dubbi: chiamano a raccolta amministratori, elettori, simpatizzanti e, facendo propria la presa di posizione della CEI, raccomandano di “manifestare, anche tra i parlamentari Veneti, presso il Parlamento della Repubblica Italiana e, in particolare, presso la Presidenza della II Commissione (Giustizia) della Camera dei Deputati, il proprio dissenso all’approvazione di una legge suscettibile di violare la libertà di pensiero, la libertà di parola, la libertà di opinione, la libertà di associazione, la libertà di stampa, la libertà di educazione, la libertà di insegnamento e la libertà religiosa”.

 

La Lega e le destre sono contrarie, assieme ai vescovi, alla proposta di legge che prevede «Misure di prevenzione e contrasto della violenza e della discriminazione per motivi legati al sesso, al genere, all’orientamento sessuale e all’identità di genere».

 

Questa legge ha come obiettivo quello di proteggere da odio e discriminazione persone vulnerabili e categorie che, secondo dati e statistiche, sono soggette a stigma e violenze. Inoltre, introducendo il concetto di sesso e genere accanto all’orientamento sessuale e all’identità di genere, viene allargato il campo di azione, che arriva a comprendere e punire anche la misoginia.

 

Non viene limitata, come affermano i parlamentari della destra e la CEI, la libertà di espressione. Chiunque sarà libero di dire di essere contrario alle famiglie omogenitoriali o alle unioni civili; non sarà invece libero di usare violenza contro una coppia omogenitoriale solo perché contrario, né di istigare altre persone a compiere materialmente quella stessa violenza.

 

Quanto mai sollecito, il gruppo consiliare del comune di Mogliano Veneto “Lega-Liga Veneta”, ha presentato, in occasione del Consiglio Comunale che si terrà oggi, 31 luglio 2020, una mozione a sostegno della posizione della CEI sulla legge contro le discriminazioni, in linea con altre amministrazioni a maggioranza leghista.

 

La violenza che colpisce gay, lesbiche, bisessuali, intersex, trans, queer deriva da una cultura in cui l’eterosessualità è obbligatoria e socialmente imposta, mentre molteplici ricerche nei campi della genetica, dell’endocrinologia e delle neuroscienze sottolineano le dimensioni culturali, più che biologiche, del concetto di differenza sessuale: “maschile” e “femminile” sono dimensioni costruite dall’esperienza, dalla storia e dalla cultura.

 

Di questa cultura sessista sono vittime principali le donne: in quarantena 11 femminicidi, 117 vittime di violenza, mentre le richieste di aiuto ai centri antiviolenza sono aumentate del 74,5 per cento.

Siamo favorevoli a questa legge e ci battiamo contro ogni visione che non ammetta la pluralità e l’autodeterminazione del proprio orientamento sessuale e di genere. Riteniamo fondamentali l’informazione nelle scuole e le politiche sociali di sostegno.

 

Esistono nella nostra società discriminazione e violenza contro chi compie scelte di orientamento sessuale e di genere al di fuori dei ruoli prescritti dalla cultura patriarcale, maschilista, omofoba, misogina. Negarlo, opponendosi a questa legge che rappresenta un avanzamento e un’apertura sul piano della civiltà e del diritto, significa perpetuare oppressione, discriminazione, sopruso.

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni