Città Metropolitana di VeneziaSlide-mainVille Venete

Villa Salus: da dimora storica a struttura ospedaliera

3 minuti di lettura

Villa Accenti, Ivancich, Revedin, meglio conosciuta come “Salus”, è una sontuosa villa veneta situata a Carpenedo, sobborgo del Comune di Venezia, affacciata sul lato orientale del Terraglio.

La storia

La storia di Villa Salus ha radici profonde che affondano nel XVI secolo, quando una casa padronale, già presente nel luogo sin dal 1590, apparteneva alla famiglia Accenti. Nel corso del Settecento, la proprietà passò successivamente agli Ivancich. Durante il periodo successivo, la dimora divenne di proprietà dei conti Revedin e, alla fine della Seconda Guerra Mondiale, passò sotto l’egida della Congregazione delle Mantellate serve di Maria, da cui prende il suo nome attuale.

Nel 1909, la Congregazione è stata approvata da Papa Pio X e si è estesa anche in America del Nord e in Africa. Nel 1952, la struttura è stata trasformata in una Casa di Cura denominata “SALUS” con l’obiettivo di fornire cure terapeutiche sia fisiche che psichiche. Nel corso degli anni, la Congregazione ha continuato a servire seguendo le indicazioni della Chiesa e adattandosi ai cambiamenti del tempo, apportando modifiche strutturali ed organizzative significative.

Nel 1985, l’ospedale ha ottenuto la classificazione ufficiale di Ospedale, inserendosi nel Servizio Sanitario Nazionale (SSN). Attualmente, l’Ospedale Villa Salus fornisce prestazioni sia in regime di ricovero che ambulatoriale, con l’obiettivo principale di offrire un’assistenza di qualità in un ambiente umano ed ambientale adeguato, nel rispetto dei valori della vita e della dignità dei pazienti.

L’architettura

L’aspetto attuale di Villa Salus rispecchia chiaramente lo stile ottocentesco, caratterizzato dal palazzo padronale e da due ali porticate laterali, poste più indietro. La struttura presenta la tipica architettura delle residenze di campagna veneziane, sebbene gli interni abbiano subito modifiche durante la trasformazione in ospedale.

La facciata principale segue uno schema classico a tre partiti, con il partito centrale sottolineato da polifore, mentre gli altri due, ben distanziati, presentano aperture più semplici. La tripartizione verticale si sovrappone a una tripartizione orizzontale, corrispondente ai tre livelli della villa.

Il piano terra mostra aperture architravate, inclusa la maestosa porta d’ingresso, mentre il piano nobile presenta profili ad arco, balconcini con ringhiere in ferro e una notevole trifora centrale con colonne pseudo-ioniche. Le finestrelle rettangolari al livello del sottotetto aggiungono un tocco distintivo.

La facciata posteriore, pur mantenendo lo stesso schema, si distingue per l’assenza di un frontone particolare, sostituito da un attico con volute ai lati e un timpano triangolare coronante.

Uso attuale

Oggi, Villa Salus è nota per ospitare un ospedale gestito dalla Congregazione delle Mantellate serve di Maria. Le moderne strutture della clinica sono situate sul retro della villa, mentre il palazzo padronale accoglie gli uffici amministrativi e la residenza delle suore. La preservazione di questa villa storica come centro ospedaliero conserva il suo ruolo nella comunità contemporanea, mantenendo viva la sua eredità storica.

I reparti

L’ospedale è attualmente diretto dal Dott. Maurizio Agnoletto e al suo interno prevedere reparti di Radiologia, Laboratorio Analisi e Microbiologia, Poliambulatori, One Day Surgery Multidisciplinare, Ginecologia, Chirurgia Generale e Ortopedia, Medicina Generale – Lungodegenza, Medicina Fisica e Riabilitativa, Servizio di Riabilitazione e Terapie Fisiche.

La struttura ospedaliera vede la parte est dell’antica villa aprirsi sul cortile interno, dove un giardino accogliente crea un ambiente sereno. Questa sezione è destinata a ospitare gli uffici amministrativi e ad accogliere le Suore che vi abitano. Nel cuore dell’edificio, le nuove ali ospitano reparti di degenza, ambulatori e servizi, distribuiti su diversi piani in base a criteri di funzionalità e moderna geometria architettonica.

La struttura ospedaliera

Sin dalla sua fondazione, questo istituto ha svolto un ruolo essenziale nell’ambito della programmazione sanitaria, tanto da essere riconosciuto come un “Ospedale Classificato” secondo la legge del 1968. L’Istituto ha costantemente adattato la propria struttura alle esigenze del tempo. Nel 1985, grazie a significative modifiche strutturali e organizzative, ha ottenuto la classificazione di “Ospedale di Zona”, diventando parte integrante del Servizio Sanitario Nazionale (S.S.N.). Attraverso il rispetto dei segni dei tempi e una costante evoluzione, nel 2002, la struttura ha ottenuto l’Autorizzazione Regionale all’Esercizio e, nel 2010, il primo Accreditamento Istituzionale, confermando la sua eccellenza e il suo impegno costante nella fornitura di servizi sanitari di alta qualità.

L’Ospedale Villa Salus, come struttura privata accreditata, è ora parte integrante dei piani socio-sanitari regionali. La sua storia affonda le radici nella carità e nell’impegno sociale, mantenendo vivo l’ideale di fornire cure mediche avanzate, rispettando i valori della vita e della dignità dei pazienti. In un connubio tra tradizione e innovazione, l’Ospedale Villa Salus continua a essere un faro di eccellenza nella sanità regionale, testimoniando la forza intrinseca della fede e della dedizione nell’offrire cure di qualità.

Per ulteriori informazioni riguarda la storia e i servizi di Villa Salus è possibile visitare il sito ospedalevillasalus.it

Articoli correlati
ItaliaSlide-mainSport

Mondiali Indoor, gli azzurri in gara

2 minuti di lettura
Iniziano domani i Mondiali Indoor di atletica di Glasgow. Dieci gli azzurri in gara. Diretta su Rai2 e Raisport GLASGOW – Si…
ArteMestreSlide-main

BANKSY PAINTING WALLS: effetti collaterali

2 minuti di lettura
Il primo Live Painting, evento parallelo alla mostra ”Banksy. Painting Walls” all’M9, si svolgerà sabato e domenica prossimi Mestre – Dopo l’apertura…
Arte, Cultura, Storia e ArcheologiaCulturaVille Venete

Villa Guidini, il grande splendore settecentesco

2 minuti di lettura
Nella suggestiva campagna zerotina si erge, piena di fascino e storia, la costruzione voluta alla fine del Seicento dalla famiglia Dente, oggi…