Home / Cultura  / “Viaggio nell’inferno di Accra”: un reportage dalla capitale del Ghana

“Viaggio nell’inferno di Accra”: un reportage dalla capitale del Ghana

Questo pomeriggio, alle ore 17, in Piazza Eventi Unieuro del centro commerciale Auchan Porte di Mestre, si terrà l’evento “Viaggio nell’inferno di Accra” a cura dell’associazione Holy Bakhita e di Veritas spa.

Questo pomeriggio, alle ore 17, in Piazza Eventi Unieuro del centro commerciale Auchan Porte di Mestre, si terrà l’evento “Viaggio nell’inferno di Accra” a cura dell’associazione Holy Bakhita e di Veritas spa.

 

Si tratta di un incontro per presentare la realtà dello slum di Accra, capitale del Ghana, in cui opera il missionario laico veneziano Claudio Turina. Verrà descritta la situazione di estrema povertà in cui vivono gli abitanti di Accra sia attraverso la testimonianza di Turina sia attraverso la proiezione di “Salvate Sodoma e Gomorra”, un documento video girato da Ylenia Citino, docente universitaria a Roma e New York.

 

Turina, assieme a un sacerdote indiano, padre Subash, offre assistenza gratuita ai centomila abitanti dello slum di Accra. Sotto l’egida della diocesi locale, i due gestiscono un centro polifunzionale che comprende: un ambulatorio medico, una scuola per adulti analfabeti, un asilo con mensa per i bambini, scuole di avviamento professionale nei settori del taglio e cucito e informatica, corsi di inglese e assistenza in qualsiasi esigenza. Un’isola di umanità in un contesto di degrado assoluto.

 

 

Un reportage sulla vita in Ghana

Gli abitanti dello slum – privo di acqua e di allacciamenti elettrici – vivono di espedienti e lavoretti saltuari. La fonte di “reddito” principale viene dall’immensa discarica che confina con la baraccopoli, dove vengono accatastate migliaia di tonnellate di rifiuti industriali che provengono dall’Europa con navi porta container. Televisori, telefoni, computer, elettrodomestici e tutti gli altri prodotti della civiltà dei consumi che noi gettiamo finiscono in discariche come questa, dove folle di persone disperate li bruciano per ricavare il metallo contenuto e rivenderlo. Un lavoro svolto in condizioni di assoluta mancanza di norme di sicurezza, in mezzo a miasmi tossici.

 

Per illustrare meglio la situazione sarà presente all’incontro anche Andrea Zanotto, referente per Veritas spa in materia di Raee (rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche): Zanotto porterà un contributo sulla possibile gestione corretta dei rifiuti. 

 

Modera l’incontro il giornalista Vittorio Pierobon. La partecipazione è aperta a tutti.

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni