MargheraMestreSlide-mainVeneziaViabilità

Viabilità. Interdizione al transito di entrambe le corsie in direzione Venezia del nuovo viadotto

2 minuti di lettura

Dalle 20.30 di venerdì 4 novembre alle 6 di lunedì 7 novembre saranno previste delle modifiche alla circolazione lungo la S.R. 11 al di sopra del nuovo viadotto.

La decisione è stata presa, e sarà formalizzata con un’ordinanza di regolamentazione della circolazione da parte di Veneto Strade, per consentire alla società Rete Ferroviaria Italiana – R.F.I. Spa adeguati spazi di cantiere per l’esecuzione dei lavori di adeguamento funzionale della stazione ferroviaria di Venezia Porto Marghera.

Lo scorso fine settimana si sono svolte, senza creare significativi problemi alla circolazione, le prime attività propedeutiche necessarie per dare avvio nei prossimi giorni alle operazioni di vero e proprio scavo.

Da questa sera, quindi, si prevede l’interdizione al transito di entrambe le corsie in direzione Venezia del nuovo viadotto. La circolazione verrà garantita con una sola corsia per senso di marcia nella restante metà viadotto, mentre resterà comunque percorribile la viabilità a raso in direzione Mestre adiacente la recinzione ferroviaria.

Come già previsto per lo scorso fine settimana, qualora dovessero registrarsi criticità o importanti rallentamenti, su indicazione della Polizia Locale, la circolazione in direzione Venezia potrà essere deviata su via delle Industrie/Pacinotti.

Il dettaglio delle lavorazioni previste da R.F.I. prevede, per questa fase, la rimozione campata di binario ERF, l’infissione di palancolati per il contenimento degli scavi, l’esecuzione di scavi di fondazione e il conseguente allontanamento del materiale di risulta, la realizzazione del piano di posa dei conci prefabbricati costituenti il nuovo sottopasso, il trasporto da zona di stoccaggio e posa dei conci prefabbricati mediante autogru, il tensionamento dei conci prefabbricati, il riempimento degli scavi e la ricostruzione della sede e posa campata di binario ERF.

R.F.I. ha comunicato che seguiranno ulteriori giornate di chiusure parziali o totali per completare il sottopasso ferroviario, ma che tuttavia prima di comunicarne le date definitive si riserva di completare le prossime fasi per verificarne il buon esito.
“Come avvenuto precedentemente – spiega l’assessore alla Viabilità Renato Boraso – anche questa fase attuativa ha visto coinvolti i tecnici del Comune e di Veneto Strade nel coordinare la compresenza di due imponenti cantieri lungo la principale arteria di collegamento a Venezia. Per questo motivo chiediamo a quanti avranno necessità di percorrere questa strada di avere quella giusta pazienza che consenta alle imprese di procedere con i lavori. Le delicate attività previste da R.F.I. richiederanno l’interdizione del flusso ciclopedonale dell’attuale sottopasso, per le quali è già stata emessa dai nostri Uffici della Mobilità un’ordinanza di chiusura.

Nonostante le interferenze – prosegue l’assessore – con soddisfazione stiamo comunque vedendo proseguire e giungere al termine i lavori della nuova viabilità di accesso alla macroisola prima zona industriale di Porto Marghera. E’ questa pertanto l’occasione per rinnovare il mio sincero ringraziamento alle imprese oltre che ai diversi Enti e professionisti che continuano, con grande sinergia e nonostante le difficoltà, a prodigarsi per raggiungere l’importante obiettivo di trasformazione infrastrutturale e strategica del nostro territorio”.

Articoli correlati
MoglianoSlide-mainSpeciale 25 novembre contro la violenza sulle Donne

Continuano gli eventi a Mogliano Veneto per dire NO alla violenza in ogni sua forma

2 minuti di lettura
L’annuale Staffetta lungo il Terraglio termina quest’anno con l’inaugurazione di un’opera in memoria di tutte le vittime di violenza Nell’ambito delle molte…
AmbienteCulturaSlide-mainVenezia

Venezia e i cambiamenti climatici all'Ateneo Veneto

1 minuti di lettura
Venezia è un patrimonio tanto inestimabile quanto fragile e ha mostrato tutta la sua fragilità nel novembre 2019, quando l’acqua alta ha…
Slide-mainVeneto

Selva di Cadore, 3,1 milioni di euro per la sicurezza del territorio

2 minuti di lettura
L’Assessore al Dissesto Idrogeologico Gianpaolo Bottacin si è recato a Selva di Cadore, nel bellunese, per un sopralluogo a due cantieri curati…

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio