MestreSlide-mainVenezia

Venezia. In arrivo 330 milioni di finanziamenti dallo Stato e dall’Europa. Come cambierà la città

4 minuti di lettura

L’assessore Zuin presenta l’emendamento alla delibera sul Bilancio di previsione 2021-2023. In arrivo 330 milioni di euro di finanziamenti dallo Stato e dall’Europa

“330 milioni per cambiare radicalmente il volto della città, renderla ancora più vivibile con nuove opere e manutenzioni”. Con queste parole l’assessore al Bilancio Michele Zuin ha illustrato nel pomeriggio di oggi, mercoledì 13 luglio, un emendamento di Giunta alla delibera sul Bilancio di previsione 2021-2023. “Le risorse, che provengono da finanziamenti dello Stato e dell’Europa – ha spiegato Zuin – contribuiscono a portare avanti l’opera iniziata da questa Amministrazione sei anni fa per migliorare la qualità della vita dei nostri cittadini”.

L’assessore ha quindi illustrato i tre punti chiave che hanno portato ad ottenere i contributi: “La capacità del sindaco Luigi Brugnaro di cercare e farsi assegnare i finanziamenti individuando nelle pieghe del bilancio nazionale specifici capitoli che prevedono la possibilità di ottenere finanziamenti; il riconoscimento da parte dello Stato e dell’Europa nei confronti dell’Amministrazione quale interlocutore qualificato e affidabile nel portare avanti i progetti e infine la capacità di farsi trovare pronti, in ogni momento, con progetti specifici e finanziabili”.

Nello specifico, l’emendamento prevede un investimento di 66,3 milioni di euro in ambito ambientale con 16 progetti gia programmati tra i quali: “5 milioni per l’estensione delle fognature del Lido, 3 milioni per l’acquedotto Veritas a piazzale Roma, 16,5 milioni per vasca di prima pioggia e impianto idrovoro a Bissuola – ha spiegato Zuin ponendo l’accento sui progetti già pronti e immediatamente realizzabili a fronte della possibilità di ottenere un finanziamento – Altri 16 milioni saranno investiti per le nuove condotte di adduzione di Venezia centro storico e Lido, poi ancora 7,8 milioni di euro per lo scavo dei rii e la pulizia dei gattoli”.

Una parte dei finanziamenti rientra invece nel Bando React, si tratta di fondi residui nell’ambito della programmazione europea del Pon2014-2020 all’interno della quale Venezià è stata inserita alla pari delle altre grandi città. “In questo ambito il finanziamento è pari a 65 milioni – ha aggiunto Zuin – l’emendamento prevede 33 interventi per la parte di investimento e 21 per quella corrente. E’ previsto un investimento di 13,7 sul digital (hardware e software) per il potenziamento della Smart Control Room al Tronchetto e l’implementazione del sistema di controllo e gestione emergenze e l’ampliamento dei servizi di Dime multicanali. Altri 16,7 milioni riguardano l’investimento per nuovi percorsi ciclabili. Ne abbiamo già fatti tanti- ha spiegato l’assessore – continuiamo nell’ottica di rendere la città più green con nuovi percorsi: realizzazione pista ciclopedonale di via Asseggiano; itinerario da via Pertini a via porto di Cavergnago; realizzazione pista ciclabile via delle macchine-via Pacinotti; realizzazione pista ciclabile del Tronchetto; collegamento ciclabile di attraversamento del centro di Tessera; realizzazione pista ciclabile Lido Pellestrina; realizzazione pista ciclabile Tessera-Ca’ Noghera; realizzazione pista ciclabile Asseggiano-Forte Gazzera; realizzazione pista ciclabile Tessera-Campalto”. Nell’ottica dell’investimento sulle nuove energie, l’emendamento di Giunta prevede inoltre l’investimento di 1,4 milioni per l’acquisto di nuovi autobus a idrogeno “diamo così seguito – ha commentato l’assessore – alla scelta di aver aperto, tra i primi in Italia, un distributore a idrogeno nella nostra città. Sul fronte dell’efficientamento energetico degli immobili pubblici è inoltre previsto un investimento di 11,4 milioni per interventi alla scuola ‘De Amicis’, negli impianti sportivi, all’ex Edison e alle Casermette di Forte Marghera”.

Per quanto riguarda la parte corrente, è di 8,9 milioni di euro l’importo in emendamento per la tutela della qualità ambientale. “Tra i vari interventi – ha confermato Zuin – prevediamo opere di bonifica a Forte Marghera, Sacca Fisola ed ex Cave Casarin, oltre alla realizzazione di nuove strutture ludico-sportive nelle aree verdi e il rilancio dell’ex Centro Civico del Parco Bissuola. Sempre in parte corrente utilizziamo 4 milioni di euro, decideremo le modalità in Giunta, per le famiglie in stato di bisogno anche a fronte della crisi provocata dallo stato di pandemia. Un altro importante capitolo riguarda il finanziamento di 50 milioni per i lavori dell’emergenza Acqua Alta, altri 15 saranno gestiti dall’ex Magistrato della Acque. Sono previsti 34 interventi, il consolidamento delle rive tra le quali: Schiavoni, Giardini Biennale, Vittorio Veneto e San Biasio per circa14 milioni. Altri 2,7 milioni serviranno per la messa in sicurezza idraulica di San Pietro in Volta e Porto Secco, poi 3,2 milioni per l’opera già avviata da tempo che è la messa in sicurezza del muretto di marginamento di Pellestrina”.

Ricordando l’avvio della distribuzione dei primi contributi statali del PNRR (Piano nazionale di ripresa e resilienza), l’assessore ha poi illustrato gli ultimi interventi che rientrano nell’emendamento della delibera di Giunta: “In questo frangente sono destinati alla Cultura, nello specifico di Venezia alla Biennale – ha commentato – Grazie a un accordo tra Comune e Biennale queste risorse saranno inserite nel nostro bilancio e utilizzate per interventi di reciproco interesse e a tutela della città come la manutenzione dei marginamenti perimetrali in rio della Tana e rio San Daniele, per un importo complessivo di 25 milioni di euro. Un altro importante intervento, pari a 15 milioni di euro e che rientra nella politica della mobilità, è il risanamento del rio delle Galeazze dove vorremmo ripristinare il passaggio dei vaporetti Actv.

Altri 9,2 milioni sono stati infine destinati per interventi al Lido, in particolare per il Palazzo del Cinema e la Sala Darsena; 5,6 milioni per l’edificio polifunzionale a Forte Marghera e 2,8 milioni per il Centro Civico alla Bissuola. All’interno del maxi emendamento c’è anche il via libera ai 500 mila euro di contributo a favore delle imprese artigiane del centro storico, provvedimento annunciato in fase di presentazione della variazione di bilancio, e i cui criteri di assegnazione devono ancora essere definiti – ha precisato Zuin annunciando le ultime due novità presenti nell’emendamento – Destineremo 300 mila euro dei fondi previsti per i festeggiamenti dei 1600 anni di Venezia al Teatro La Fenice perché possa essere incrementata la programmazione e l’offerta di eventi per l’anno 2021, altri 500 mila euro sono invece inseriti a bilancio per l’avvio di uno studio fattibilità di opere di urbanizzazione nel quadrante di Tessera per la realizzazione della Cittadella dello Sport”.

Articoli correlati
NewsSlide-mainSociale

“Io ho l’Alzheimer, ma l’Alzheimer non avrà me”. Evento gratuito di sensibilizzazione nella Giornata mondiale all’Alzheimer

2 minuti di lettura
Presenti all’evento l’assessore Francesco Truccolo e il consigliere Katia Lovisotto con delega al Sociale del Comune di Cimadolmo (TV), insieme alla felicitatrice…
MoglianoSlide-main

Un uomo di 62 due anni rivenuto morto in via Casoni

1 minuti di lettura
Mogliano. Un uomo di 62 anni si è suicidato nella sua abitazione in via Casoni.Su tratta di Vittorio Favaro poliziotto in pensione…
Slide-mainVenezia

Mira. Uomo cade da barca nel Brenta e muore

1 minuti di lettura
Mercoledì scorso alle ore 16:00 i vigili del fuoco sono intervenuti in Via Pallada a Mira nel Naviglio del Brenta per la…

    RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!