Slide-mainVeneto

Università. Baldin (M5S): «Studenti fuori sede, la Regione garantisca alloggi dignitosi»

1 minuti di lettura

Il Consiglio regionale del Veneto ha votato all’unanimità la mia proposta volta a incrementare la qualità del servizio abitativo universitario e l’offerta di strutture abitative destinate agli studenti, prevedendo azioni urgenti in materia di interventi per l’edilizia residenziale». Ne dà notizia la consigliera regionale Erika Baldin, del MoVimento 5 Stelle. «Si tratta di una prima risposta alle richieste degli studenti dell’Unione degli Universitari (Udu), assieme al fondamentale impegno di alzare a 50 mila euro la soglia Ispe per le borse di studio».

«In alcune città del Veneto, penso in particolare a Padova, è in atto una vera e propria emergenza abitativa che coinvolge gli studenti fuori sede. In particolare, sono in difficoltà gli studenti stranieri che da tutto il mondo scelgono di venire in Veneto per studiare nelle nostre eccellenti università. Trovo assurdo che, una volta arrivati qui, non riescano a trovare una sistemazione dignitosa. Il pubblico deve intervenire a regolare e colmare le evidenti carenze del mercato», dichiara la consigliera, ricordando che «l’Università e il Comune di Padova sono già intervenuti con risorse proprie, stanziando complessivamente 1,3 milioni di euro per fronteggiare l’emergenza».

«Il diritto allo studio rientra tra le competenze specifiche della Regione, che interviene tramite le Aziende Esu. È compito della Regione, quindi, garantire alloggi dignitosi a tutti gli studenti e in particolare ai meritevoli ma privi di mezzi. Un obiettivo che non si raggiunge soltanto con gli studentati pubblici, che sono necessari ma non sufficienti. Urge però intervenire anche tramite le altre forme di facilitazione della residenzialità studentesca previste dalla legge regionale», sottolinea Baldin. L’ordine del giorno, approvato all’unanimità dal Consiglio regionale del Veneto nella seduta di martedì 14 dicembre, vincola la Giunta regionale a valutare gli opportuni provvedimenti in concerto con il Comitato Regionale di Coordinamento delle Università del Veneto (CoReCo).

Articoli correlati
AmbienteAttualitàMargheraSlide-main

Parco dell'Idrogeno a Porto Marghera

1 minuti di lettura
Il Consiglio comunale di Venezia ha approvato la delibera per la creazione del Parco dell’idrogeno e delle energie innovative a Porto Marghera…
Slide-mainSociale

Carlo Acutis primo santo «millennial» il futuro patrono di internet

1 minuti di lettura
Carlo Accutis sarà il primo santo dei millennials e della Rete Giovedì 23 maggio 2024 la Congregazione dei Santi ha annunciato i…
Marca TrevigianaSlide-mainSociale

"Volto in 3D": progetto per i genitori ipovedenti

2 minuti di lettura
L’ecografia ostetrica ha raggiunto nuovi traguardi tecnologici, offrendo esperienze sensoriali uniche ai genitori ipovedenti CONEGLIANO – Parte essenziale nel monitoraggio della gravidanza…