Home / Venezia  / Mestre  / Un incontro sulle sfide degli anziani

Un incontro sulle sfide degli anziani

“Fare il punto della nostra azione, con il coinvolgimento di tutto il gruppo dirigente metropolitano e territoriale e programmazione del nostro lavoro per la seconda parte dell’anno”. Queste le parole di Daniele Tronco, Segretario dello

“Fare il punto della nostra azione, con il coinvolgimento di tutto il gruppo dirigente metropolitano e territoriale e programmazione del nostro lavoro per la seconda parte dell’anno”. Queste le parole di Daniele Tronco, Segretario dello SPI CGIL Metropolitano Venezia, nel presentare “Una visione d’insieme” l’iniziativa che vedrà coinvolte le 16 Leghe dei Pensionati veneziani, in programma il 1° luglio alle ore 9,30 nell’Auditorium del Museo M9 a Mestre, in via Pascoli.
Nutrito il programma con, in apertura, il saluto di Ugo Agiollo, Segretario Generale della Camera del Lavoro Metropolitana di Venezia e il contributo di Elena Di Gregorio, Segretaria Generale dello SPI Veneto.
Dopo la relazione introduttiva di Daniele Tronco, Segretario Generale dello SPI CGIL Metropolitano Venezia, sono previsti i contributi dei Responsabili dei Dipartimenti in cui sono strutturate le Leghe territoriali. Dopo il dibattito, le conclusioni saranno tenute da Ivan Pedretti, Segretario dello SPI Nazionale.
“Per quanto riguarda la nostra realtà – esordisce Tronco – “sono oltre 35.000 gli iscritti allo SPI Metropolitano. I pensionati totali residenti nella nostra provincia sono 220.000 e, di questi, sono 70.000 (31%) ad avere un assegno inferiore ai 1000 euro lordi, con 50.000 donne che rappresentano il 70% del totale. E sempre le donne sono le più penalizzate nelle pensioni inferiori al minimo, rappresentando il 65% del totale (26.000 su 40.000)”. “Se ciò non bastasse – prosegue il Segretario dello SPI – “dobbiamo fare i conti con i dati previsionali, non sono certo confortanti, di una popolazione sempre più anziana, con problematiche legate alla non autosufficienza  e ad altre criticità che si sovrappongono, quali solitudine, inadeguate politiche abitative e socio sanitarie, indigenza, truffe, ludopatia, per citarne solo alcune.
E, questione non certo secondaria, nei prossimi 15/20 anni si passerà dal 23% attuale degli over 65 a un 35%. Va da sé, che si dovrà pensare a una rete di servizi adeguata per poter far fronte ai nuovi e pressanti bisogni, che ne deriveranno.” “Anche il Sindacato” – sottolinea con forza Tronco – “dovrà essere all’altezza di queste sfide. Il nostro punto di forza è rappresentato dalla contrattazione sociale, attraverso la costruzione di piattaforme unitarie, senza dimenticare la campagna sui Diritti inespressi, che ci vede quotidianamente impegnati per la difesa e la tutela dei diritti dei nostri iscritti e non solo. “Temi importanti” – conclude Daniele Tronco – “che ci hanno visto mobilitati territorialmente e anche nazionalmente con grandi manifestazioni in piazza, non ultime quelle di giugno a Roma e a Reggio Calabria. Ecco perché è altrettanto importante affrontare questa grave situazione del Paese con ottiche innovative e buone pratiche, che confermino la nostra azione sindacale, a partire proprio dalle nostre Leghe territoriali.
E l’iniziativa di Mestre del 1° luglio dell’Assemblea delle Leghe dello SPI CGIL Metropolitano Venezia, che vede la presenza del nostro Segretario Nazionale dello SPI, Ivan Pedretti, va proprio in questa direzione”.

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni