AttualitàSlide-mainVenezia

Uffici Giudiziari. Carlo Nordio e il “Caso Venezia”

3 minuti di lettura

Il ministro della Giustizia Carlo Nordio a Venezia, una delle tappe del suo viaggio nelle sedi giudiziarie con particolari criticità. Un ritorno, ieri mattina, in Corte d’Assise, luogo che l’ha visto prestare servizio come magistrato per tutta la sua carriera. Il ministro nell’occasione ha incontrato i vertici degli uffici, del foro e il personale amministrativo. Subito dopo, Nordio si è recato al Palazzo di Giustizia di Treviso.

“La mia visita non è soltanto un tributo emotivo a un luogo dove ho esordito, ma è il riconoscimento che la sede di Venezia è la più sofferente e disagiata dell’intero Paese”, ha spiegato, ipotizzando “la possibilità di applicare la Legge speciale per Venezia”.

Positiva la reazione di FP CGIL di Venezia che, come spiega in una nota, “da anni chiede il riconoscimento della sede disagiata”, prendendo atto “con soddisfazione di quanto affermato dal Ministro della Giustizia Onorevole Carlo Nordio, che concorda sulla necessità di riconoscere un’indennità incentivante per il personale che presta servizio presso gli uffici Giudiziari Veneziani“.

“Sino a ieri – prosegue FP CGIL – ogni anno un Ministro della Giustizia, si svegliava e scopriva che gli Uffici Giudiziari di Venezia erano sull’acqua e che i fascicoli venivano trasportati con i motoscafi, talvolta stupiva che, però, questa fosse una novità anche per i nostri amministratori locali che spesso hanno utilizzato le nostre richieste per farne una passerella politica senza, di fatto, far nulla.

A riprova che il problema è proprio legato all’incapacità politica nazionale e locale di prendere atto di questa situazione e delle cause che l’hanno provocata, vi è la coesione tra le organizzazioni sindacali ed i capi degli uffici che in tutti questi anni hanno formulato le possibili soluzioni, rimaste, però, sempre inascoltate e mai prese in considerazione ai tavoli nazionali.

Oggi emerge sempre più, stavolta dinanzi agli occhi del nuovo Ministro della Giustizia che sembra essere consapevole delle fragilità della laguna, la difficoltà di questi uffici che scontano anni di malgoverno, di mancanza di una pianificazione di interventi mirati a risollevare gli organici della giustizia veneziana.

Chi si trasferisce a Venezia sa che molto probabilmente non basterà lo stipendio per potersi mantenere; la collocazione delle sedi nei vari sestieri e la presenza di barriere architettoniche mostrano anche l’inadeguatezza dei mezzi di trasporto, i cui costi sono sempre più elevati, per non parlare dei prezzi proibitivi degli alloggi e, in generale, del costo della vita.

Per questo si rende necessario un incentivo di carattere economico, come già accade in altre Amministrazioni che, evidentemente, sanno come tenersi il personale, mentre noi abbiamo addirittura rischiato di perdere i lavoratori a tempo determinato per i quali continuiamo a chiedere con forza la stabilizzazione.

La valorizzazione del personale deve essere il leitmotiv che guidi l’azione di questo Ministero, tenendo conto, non solo delle difficoltà legate ad un territorio tanto meraviglioso quanto lavorativamente ostile, ma anche del blocco da più di un decennio di riqualificazioni, progressioni economiche, mobilità verso altre sedi o addirittura verso altri enti.

Il Ministero della Giustizia oggi non è un’amministrazione appetibile per tutti questi motivi ma anche a causa dell’arretratezza delle infrastrutture informatiche e di un’organizzazione ormai troppo rigida per la flessibilità richiesta per conciliare vita lavorativa e personale.

Ormai abbiamo perso il conto di tutte le assunzioni in cui le sedi di Venezia, ovviamente, sono state rovinosamente scartate, basti pensare all’ultimo concorso, per 2.329 Funzionari Giudiziari, ha portato a Venezia solo 11 persone sulle 73 previste, praticamente il 15%.

Ci rendiamo conto che “Il Caso Venezia” non è facile da gestire ma, pur avendo denunciato da anni attraverso tutti i canali di informazione il rischio del collasso degli uffici giudiziari, nessuno ha mai dimostrato la sensibilità di aprire un tavolo sindacale che tratti solo ed esclusivamente di questo argomento.

La FP CGIL di Venezia ribadisce la necessità di tutelare l’insularità e la specialità di Venezia, riconoscendo gli uffici giudiziari siti nella città lagunare “a copertura necessaria” per incentivarne l’appetibilità, dando luogo a punteggi aggiuntivi in funzione della futura mobilità, in proporzione al periodo di permanenza e garantire in maniera continua e certa un’indennità di disagio come già accade, dal 2010, all’interno dello stesso Ministero della Giustizia ma per un altro Dipartimento che, evidentemente, è gestito meglio.

Facciamo nostre le parole del Ministro della Giustizia Nordio “la sede di Venezia è la più sofferente e disagiata dell’intero Paese” e speriamo che questo interesse si traduca stavolta in un confronto tra chi conosce la realtà giudiziaria e lavorativa di Venezia“.

In copertina, l’onorevole Carlo Nordio, Ministro della GIUSTIZIA, in occasione della cerimonia di giuramento del governo. Credits foto Francesco Ammendola – Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica.

Articoli correlati
MoglianoSlide-mainSpeciale 25 novembre contro la violenza sulle Donne

Continuano gli eventi a Mogliano Veneto per dire NO alla violenza in ogni sua forma

2 minuti di lettura
L’annuale Staffetta lungo il Terraglio termina quest’anno con l’inaugurazione di un’opera in memoria di tutte le vittime di violenza Nell’ambito delle molte…
AmbienteCulturaSlide-mainVenezia

Venezia e i cambiamenti climatici all'Ateneo Veneto

1 minuti di lettura
Venezia è un patrimonio tanto inestimabile quanto fragile e ha mostrato tutta la sua fragilità nel novembre 2019, quando l’acqua alta ha…
Slide-mainVeneto

Selva di Cadore, 3,1 milioni di euro per la sicurezza del territorio

2 minuti di lettura
L’Assessore al Dissesto Idrogeologico Gianpaolo Bottacin si è recato a Selva di Cadore, nel bellunese, per un sopralluogo a due cantieri curati…

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio