Home / Slide-main  / Un costoso tuffo a Venezia

Un costoso tuffo a Venezia

Questa notte, verso le 2.30 circa, un cittadino straniero, mentre stava nuotando in Canal Grande nei pressi del Ponte di Rialto, è stato fermato da agenti della Polizia Locale del Servizio sicurezza urbana mentre erano

Questa notte, verso le 2.30 circa, un cittadino straniero, mentre stava nuotando in Canal Grande nei pressi del Ponte di Rialto, è stato fermato da agenti della Polizia Locale del Servizio sicurezza urbana mentre erano impegnati nel pattugliamento notturno di Venezia a mezzo di natanti, sotto il coordinamento della Centrale operativa. È stato proprio attraverso i filmati delle telecamere di sorveglianza visionati in Comando che è stata ricostruita l’intera dinamica del comportamento del turista. Il giovane, un cittadino lettone di 26 anni residente nella città di Jelgava, a 40 km dalla capitale Riga, si era tuffato per 2 volte nel giro di un minuto dalla Fondamenta de la Prison e stava nuotando tra la fondamenta stessa e il Ponte di Rialto. Una volta uscito dall’acqua, gli agenti hanno rilevato che il turista era completamente ubriaco, tanto da avere problemi a tenersi in piedi.

 

“L’intervento della Polizia Locale si è rivelato piuttosto concitato – spiega il commissario capo della Polizia Locale, Gianni Franzoi – poiché il 26enne si trovava in compagnia di 5 amici suoi connazionali che hanno cercato di opporsi agli accertamenti, determinando anche qualche momento di tensione. Al termine delle operazioni, al turista lettone è stato comminata una doppia multa: il tuffo gli è costato 450 euro, mentre la contravvenzione per ubriachezza ha previsto il pagamento di altri 102 euro. Data la gravità di quanto accaduto saranno informate le autorità diplomatiche lettoni”.

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni