Home / Posts Tagged "Villa Querini"

Continua con grande intensità l’attività della Polizia locale di Venezia per contrastare lo spaccio di strada di sostanze stupefacenti.

Ieri pomeriggio, verso le 15, in via Puccini a Mestre, gli operatori del Nucleo operativo del Servizio sicurezza urbana hanno arrestato un sedicente cittadino della Guinea Bissau, ventunenne.

 

L’operazione è stata preceduta da una serie di controlli da parte degli operatori del Corpo su un gruppetto di spacciatori che di solito opera sulla pista ciclopedonale che scorre a margine del parco di Villa Querini. L’uomo arrestato ieri era stato infatti visto spacciare eroina anche nelle giornate del 29 e 30 gennaio e 1° febbraio. In tutte queste occasioni lo stupefacente era stato recuperato, ma lo spacciatore era sempre riuscito ad allontanarsi, approfittando del buio e del dedalo di stradine a ridosso della Villa.

 

Ieri il cerchio si è stretto attorno al pusher che, dopo avere contrattato al telefono una cessione di stupefacente, si è allontanato dal ponticello di via Olimpia per raggiungere un uomo appena sceso dall’autobus in via Circonvallazione, poi identificato in un quarantenne residente a Martellago. Quest’ultimo, dopo aver prelevato 50 euro in un bancomat della zona, ha consegnato la cifra allo spacciatore che gli ha consegnato una dose di eroina.

 

A questo punto gli agenti, tutti in abiti civili, sono entrati in azione hanno arrestato il pusher. Ispezionando poi con cura il retro della serranda di un negozio della vicina via Puccini, dove erano stati osservati dei movimenti degli spacciatori, gli agenti hanno trovato e sequestrato anche un etto e mezzo di hashish.

 

L’arrestato ha trascorso la notte nella cella di sicurezza del Comando generale del Corpo e questa mattina è stato portato davanti al giudice, che ha convalidato l’arresto e lo ha condannato a mesi 8 di reclusione e 1000 euro di multa.

 

Finalmente il giardino all’italiana che incornicia Villa Querini ritorna a essere verde, fiorito e curato, grazie a 350 nuove piante di bosso, il restyling delle aiuole di rose, il ripristino dell’impianto d’irrigazione a goccia, e la sistemazione dei vialetti di ghiaia e del manto erboso. L’intervento, che ha avuto un costo complessivo di 10mila euro, è stato reso possibile grazie al Rotary Club Venezia Mestre, che ha voluto restituire un angolo di bellezza alla città in occasione del 50. compleanno del Club.

 

L’inaugurazione si è svolta ieri pomeriggio alla presenza dell’assessore all’Ambiente Massimiliano De Martin, alla Coesione sociale Simone Venturini, e della presidente del Rotary club Venezia Mestre Tiziana Agostini accompagnata da una rappresentanza di soci.

 

 

“Il Rotary – ha spiegato Agostini – è un’associazione internazionale composta da professionisti che dedicano parte del loro tempo e delle loro risorse per migliorare la comunità. Quest’anno l’attività del Rotary a livello internazionale è stata improntata da una forte coscienza ambientalista: sono stati piantati oltre 1 milione e 200mila alberi; abbiamo tuttavia valutato che nella nostra città non ci fosse bisogno di nuove piante, perché Mestre è ricca di parchi e aree verdi, ma che fosse necessario manutenere le aree esistenti, ripristinando uno degli angoli più belli di Mestre. Abbiamo quindi restituito questo spazio e lanciamo un messaggio di sensibilizzazione a tutti i cittadini affinché ne abbiano cura e lo valorizzino”.

 

Nel ringraziare l’associazione a nome dell’Amministrazione comunale, l’assessore De Martin ha sottolineato: “È un intervento che merita di essere ammirato e non solo per la sua composizione. Ora è importante far vivere questo parco con famiglie, giovani e bambini, così come è avvenuto al parco del Piraghetto che pullula di iniziative e attività. Il parco di villa Querini si trova proprio a due passi dell’emeroteca, il cui cantiere inizierà a breve, e dell’M9 che aprirà a Natale”.

 

Con l’occasione, l’assessore ha voluto esprimere anche un ringraziamento agli uffici comunali che si occupano di manutenzione del verde pubblico e curano la potatura degli alberi, garantendo la sicurezza. “Questa città aveva l’indice di verde pubblico per mq più basso di tutta Europa. In questi decenni sono stati fatti numerosi interventi”.

 

Anche l’assessore Venturini ha espresso riconoscenza al Rotary club “per essere riuscito a mettere in risalto un simbolo di Mestre, che si colloca in quello che sarà il chilometro della cultura e del turismo. Il fatto che la città possa offrire un bel biglietto da visita alle persone che alloggeranno in terraferma dà una dimensione di internazionalità che prima mancava”.

 

“È il modo migliore – ha detto Venturini rivolto ad Agostini, che oggi concluderà il mandato di presidente del Rotary club – di consegnare alla città un testimone che i cittadini dovranno portare avanti e gestire sia nella bellezza dell’operazione che nel messaggio educativo che avete lanciato”.

 

Per l’occasione è stata anche predisposta una cartolina che riproduce un’opera di Ernani Costantini dedicata in forma artistica alla restituzione del luogo.

 

    

Miracolosamente Mestre comincia a rivivere, dando chiari segni di una vivacità ormai dimenticata da anni.

 

La riqualificazione del parco di Villa Querini, finalmente ora allietato dalle risate e dai giochi di bambini, e le cene notturne nel quartiere Piave con 500 persone, partecipate da tutti senza distinzione né di razza né di religione, sono segnali di una città che sta riprendendo coscienza di sé e delle sue possibilità.

 

Ora è giunto il momento dell’ultima stupenda iniziativa al Piraghetto, ulteriore segnale positivo di risveglio, dove sabato sera sono state montate delle tende in fila indiana con il buio della notte rotto dalla sola luce delle pile elettriche.

 

Tanta gente di diverse etnie si è mescolata con allegria, tante lingue, ma soprattutto tanto puro dialetto veneziano, a molti incomprensibile.

Il 15 giugno scorso, l’associazione “ArteCultura Veneta” di Mestre ha riunito i residenti di via Circonvallazione e limitrofe attorno al parco di Villa Querini, per deliberare all’unanimità che lo storico parco deve avere al più presto una recinzione seria.

 

Ottenuto questo provvedimento, l’associazione chiederà all’amministrazione comunale di ottenere la gestione diretta del parco, assumendosi direttamente l’onere degli interventi necessari.

A Mestre, nel parco di Villa Querini, è stata allestita la seconda edizione della “Soffitta dei Tesori”.

La manifestazione è stata organizzata dall’associazione “Arte, Cultura Veneta”, allo scopo di contrastare il degrado dei parchi.

Nel parco sono state allestite bancarelle da 50 espositori provenienti dal Veneto.

 

Il prossimo appuntamento sarà il 14 aprile.

 

Domani, alle ore 12, nella sala riunioni di Villa Querini a Mestre, si svolgerà la conferenza stampa di presentazione del Progetto Grest 2018, che vedrà la collaborazione tra la Diocesi di Venezia, il comune di Venezia e le associazioni locali aderenti al progetto.

 

Interverranno all’incontro con i giornalisti l’assessore comunale alla Coesione sociale, Simone Venturini, e don Fabio Mattiuzzi del Coordinamento della Pastorale dei ragazzi.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni