Home / Posts Tagged "via Torino"

La Giunta comunale, riunitasi mercoledì a Ca’ Collalto a Mestre, ha approvato il progetto definitivo per l’adeguamento ferroviario funzionale alla viabilità di accesso alla macroisola prima zona industriale di Porto Marghera. Nello specifico si prevede la riconfigurazione di un tratto di binario ferroviario afferente la cosiddetta “Linea Petroli” (di proprietà comunale e in gestione a E.R.F. – Esercizi Raccordi Ferroviari spa), situata in prossimità dell’accesso allo stabilimento Fincantieri. La linea viene utilizzata per il trasporto dei prodotti della raffineria Eni di Porto Marghera.

 

Questo intervento sarà propedeutico alla realizzazione della nuova viabilità, che prevede la riorganizzazione del tratto della SR 11 tra l’accesso alla Fincantieri e l’accesso a via delle Industrie con la realizzazione della rotatoria a raso e del nuovo sovrappasso collegato a via Torino. La deviazione del binario è necessaria per garantire la piena funzionalità della rotatoria, che così viene resa indipendente dal transito dei convogli ferroviari, per un importo complessivo di 650mila euro.

 

 

“Questo intervento – spiega l’assessore ai Lavori pubblici Francesca Zaccariotto – è propedeutico alla realizzazione della nuova Viabilità di accesso alla Macroisola Prima zona Industriale di Porto Marghera che questa Amministrazione ha approvato nel novembre dello scorso anno e che prevede (come stabilito dall’Accordo di programma per la riconversione e riqualificazione industriale dell’area di crisi industriale complessa di Porto Marghera, e interamente finanziato dal ministero dello Sviluppo economico per un importo complessivo di 16.950.000 euro):

– la demolizione di entrambe le rampe esistenti ‘da’ e ‘per’ via Torino, il transito dell’asse principale della SR11 a 2+2 corsie in viadotto al di sopra della nuova rotatoria di collegamento alla zona industriale di Porto Marghera;

– la realizzazione di una seconda rotatoria sopraelevata e la creazione di una rampa di discesa per il collegamento diretto per Venezia; la realizzazione di una rampa a doppio senso di marcia per il collegamento tra le due rotatorie;

– la realizzazione di una rampa a senso unico a raso per il collegamento Venezia–rotatoria a raso.

 

        

 

 

        

 

Tutti interventi – conclude Zaccariotto – che andranno quindi a dare una risposta concreta al territorio della terraferma veneziana ponendosi come obiettivo la connessione funzionale del tessuto insediativo a nord e sud della SR11 permettendo un collegamento diretto tra Mestre e Marghera, la separazione funzionale di flussi viari aventi caratteristiche diverse (traffico urbano da traffico industriale) e il recupero della piena funzionalità viaria del cavalcavia di via Torino”.

Polvere di lievito e zucchero hanno messo in allarme gli uffici postali di via Torino a Mestre, da dove sono stati fatti uscire immediatamente i clienti.

 

Il fatto è accaduto lunedì, quando gli addetti alle poste hanno visto uscire da un pacco della polvere bianca. Messi in allarme, sono state, avvertite immediatamente le Forze dell’Ordine e i Vigili del Fuoco, che sono intervenuti con il Nucleo Nbcr.

 

Intervenuta anche la destinataria del pacco sospetto, che ha chiarito trattarsi di polvere di lievito e zucchero da lei ordinati.

Alle 12 l’allarme è rientrato.

 

Fonte: Venezia Today

Sabato 19 maggio in tutto il quartiere, chiamati a raduno bimbi, ragazzi, nonni, famiglie

 

Giornata all’insegna dell’ambiente sabato prossimo al quartiere Ovest-Ghetto.

 

Associazione di quartiere, Presidente Andrea Foffano in testa, e Amministrazione comunale, infatti, hanno lanciato l’iniziativa “Puliamo i nostri fossi e il nostro quartiere”.

 

Alle 15.00 raduno presso il parcheggio di via Torino per poi partire, armati di tanta buona volontà, alla raccolta dei rifiuti che finiscono nei fossati per mano di qualche persona che non ha a cuore l’ambiente in cui vive.

 

Associazione di quartiere e comune si appellano ai giovani, ai nonni, alle famiglie per trascorrere una giornata assieme, rendendosi utili per il bene comune.

 

Unici requisiti richiesti scarpe e vestiti comodi, guanti e mantellina catarifrangente, ma soprattutto tanta voglia di lavorare insieme.

Il copione è sempre lo stesso. Sono agili e velocissimi. Aprono in un attimo le finestre o le serrature dei portoncini d’ingresso degli appartamenti e in pochissimi minuti mettono tutto a soqquadro facendo razzia di ciò che ha valore.

Mercoledì mattina era toccato a un appartamento al terzo piano di un condominio in via Cappuccina. Approfittando della festività, i proprietari erano usciti la mattina per passare una giornata all’aria aperta. Al loro ritorno si sono trovati l’amara sorpresa di essere stati derubati di soldi e gioielli.

 

Giovedì mattina la replica in un appartamento di via Torino. In questo caso i malviventi non si sono fatti alcuno scrupolo a entrare in camera da letto e mettere tutto sotto sopra per poter portare via più oggetti preziosi nel minor tempo possibile.

Fonte: VeneziaToday

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni