Home / Posts Tagged "temporale"

La parte meridionale di una vasta depressione presente sull’Europa settentrionale isola un vortice ciclonico sul mar Ligure e determina una fase di instabilità sul Veneto tra oggi e domani con varie precipitazioni, anche a carattere di rovescio e temporale.

 

Fino alle prime ore di domani saranno probabili temporali localmente intensi sulla pianura centro meridionale, con accumuli localmente anche abbondanti su Rodigino e zone limitrofe (bassa Padovana, Basso Veronese, costa meridionale), in particolare ai confini con l’Emilia Romagna.

 

Il quadro meteorologico ha indotto il Centro Funzionale decentrato della Protezione civile regionale a diramare lo stato di attenzione (allerta gialla) per criticità idrogeologica nel caso di forti temporali sino alle ore 10 di domani. Eventuali criticità idrogeologiche potranno interessare  la pianura centrale e polesana, in particolare bacini idrografici del Bacchiglione e del basso Brenta, Po,Fissero-Tartaro-CanalBianco e Basso Adige, Basso Piave, Sile e il bacino scolante in laguna.   

 

Il possibile verificarsi di rovesci o temporali localmente anche intensi, potrebbe creare disagi al sistema di drenaggio urbano e lungo la rete idrografica minore. 

L’instabilità prevista in Veneto tra il pomeriggio odierno e le prime ore di mercoledì 14 agosto, con rovesci e temporali più probabili lunedì sulle zone montane e pedemontane, si estende domani anche alla pianura, specie dal tardo pomeriggio/sera. Saranno possibili locali fenomeni intensi, come forti raffiche di vento, locali grandinate e forti rovesci.

 

Dati i fenomeni meteorologici previsti, il Centro funzionale decentrato della Protezione Civile del Veneto ha emanato un avviso di ‘allerta gialla’ per criticità idrogeologica, nel caso di temporali forti, valido sino alle prime ore di mercoledì per i bacini idrografici dell’Alto Piave, Piave Pedemontano, Alto Brenta-Bacchiglione-Alpone, Adige Garda e Monti Lessini, Basso Brenta e Bacchiglione. Sono possibili fenomeni di criticità solo idraulica nei bacini del Po, Fissero-Tartaro-CanalBianco e Basso Adige, Livenza, Lemene e Tagliamento, Basso Piave, Sile e Bacino scolante in laguna.

 

Il possibile verificarsi di rovesci o temporali localmente anche intensi, potrebbe creare disagi al sistema fognario e lungo la rete idrografica minore. Si segnala, inoltre, la possibilità d’innesco di fenomeni franosi superficiali sui versanti e la possibilità di innesco di colate rapide specie nelle zone di allerta delle aree montane e pedemontane.

È in arrivo una nuova ondata di maltempo sul Veneto. Sarà meno pericolosa e devastante di quella che ci ha colpito nei giorni scorsi, ma comunque sempre pericolosa. Il Centro della Protezione Civile ha dichiarato allarme rosso fino alle 14 del 2 novembre. La criticità è particolarmente importante per i Bacini Alto Piave e Alto Brenta Bacchiglione.

Il Servizio meteorologico del Centro funzionale decentrato (CDF) della Regione Veneto ha reso noto che da domani pomeriggio, sabato 27 ottobre, fino a lunedì 29 ottobre, saranno possibili precipitazioni anche a carattere di rovescio o temporale.

 

Secondo il bollettino dell’agenzia Arpav, una perturbazione in avvicinamento da ovest nel fine settimana richiamerà sul Veneto un flusso umido e molto instabile. Venti di scirocco tesi o forti sulla costa.

POST TAGS:

Il Servizio meteorologico del Centro funzionale decentrato (CDF) della Regione Veneto ha reso noto che da questo pomeriggio fino a domani, sabato 21 luglio, saranno possibili condizioni d’instabilità con frequenti rovesci e temporali.

 

Saranno probabili fenomeni intensi accompagnati da forti rovesci, grandinate e raffiche di vento con quantitativi di precipitazioni localmente consistenti. La fase maggiormente perturbata, con fenomeni intensi più probabili e frequenti, si potrà verificare tra la notte e le prime ore di sabato.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni