Home / Posts Tagged "spettacolo"

Grandi spettacoli, serie teatrali, intrattenimento per famiglie sempre disponibili on demand

 

Dopo il successo della “Stagione sul sofà”, il palinsesto digitale che nei mesi di chiusura delle sale teatrali ha intrattenuto il pubblico da casa con oltre 300 contenuti proposti e oltre 1milione e 300mila visualizzazioni, il Teatro Stabile del Veneto incrementa la propria proposta sul web e presenta “Backstage”, la prima piattaforma digitale con contenuti teatrali realizzati per il web.

 

Completamente gratuita per gli utenti, a cui verrà richiesta la registrazione nella fase del primo accesso, con un layout moderno e intuitivo la nuova piattaforma – realizzata da NEREIDA SRL – offrirà al pubblico la possibilità di interagire con i contenuti digitali esprimendo il proprio gradimento con like, commenti e creando playlist personalizzate. Non un contenitore di spettacoli nati per la scena e registrati a teatro, ma uno spazio dedicato a produzioni originali create appositamente per il web: oltre ai video di maggior successo di “Una stagione sul sofà”, come i racconti sull’Iliade e l’Odissea di Omero non piange mai di e con Andrea Pennacchi e la Figlia di Shylock con la scenografia virtuale di 4Dodo, la web serie #YuriLibero di Matteo Righetto e la rassegna di “Famiglie connesse” con compagnie e artisti del territorio tra cui Stivalaccio Teatro, Theama Teatro, MatricolaZero e Susi Danesin, la piattaforma si arricchirà di contenuti sempre nuovi. Web-serie teatralivideo-spettacoli integrali come Le regole dell’adolescenza, lungometraggio dedicato alle scuole con la Compagnia Giovani dello Stabile del Veneto diretta da Lorenzo Maragoni, o un inedito racconto di Pennacchi che verrà presentato nei prossimi mesi, una nuova edizione di “Famiglie connesse” con le storie interpretate dagli attori della compagnia Matricola Zero, e approfondimenti dedicati alla scoperta dei ruoli dietro le quinte e di come nasce una produzione teatrale.

 

 

Il commento del presidente Giampiero Beltotto

“Nel periodo di chiusura delle sale abbiamo aperto virtualmente il sipario per entrare nelle case dei nostri spettatori e continuare ad intrattenere il pubblico con contenuti di qualità. Un esperimento che oggi possiamo dire riuscito e a confermarlo sono i numeri che hanno superato di molto il milione di visualizzazioni – dichiara Giampiero Beltotto, presidente del Teatro Stabile del Veneto –. La rete non sostituirà certamente lo spettacolo dal vivo, ma siamo convinti che mostrare il teatro anche in questa forma, renderlo ancora più accessibile sfruttando le potenzialità del digitale, sia la strada giusta da percorrere per un coinvolgimento sempre maggiore del pubblico. Ecco perché abbiamo creato Backstage una piattaforma digitale che integri la proposta dei nostri cartelloni e accompagni gli spettatori nella scoperta dell’intero mondo del teatro”.

Nuove lezioni al via da oggi, martedì 15 settembre. Le iscrizioni sono aperte

 

L’emergenza Covid ha mutato le nostre vite e ha stravolto gran parte del mondo artistico, ma non ha intaccato la nostra passione. Tema Cultura è pronta per la nuova stagione di corsi di teatro dedicati a bambini, ragazzi e adulti. Un’opportunità aggregativa, soprattutto per i più giovani, che dopo mesi di isolamento e lezioni a distanza potranno tornare finalmente a stare insieme imparando e divertendosi.

Le lezioni saranno inaugurate oggi e si svolgeranno nella sede “Spazio 11” a Campocroce di Mogliano Veneto (in via Zero Branco, 16) e presso “La Stanza Spazio Eventi” a Treviso (in via Pescatori, 23).

 

Corsi per bambini e ragazzi

Per quel che riguarda le lezioni rivolte ai bambini e ai ragazzi, i corsi introdurranno alle nozioni fondamentali di tecnica teatrale. Dalla fiducia reciproca al rispetto dell’altro, dalla comprensione di un testo al controllo della voce, dall’espressione corporea alla coscienza dello spazio scenico. Dall’Abc del teatro, dunque, fino alle componenti più affascinanti: le costruzioni di un personaggio e di un vero e proprio spettacolo. E poi sessioni di pittura emozionale e di scenografia.

Tema Cultura è anche abilitata a concedere certificazione al fine del riconoscimento dei crediti scolastici.

 

Corsi per adulti

Lo scopo del progetto per gli adulti, invece, è riassunto nel motto “Conosci l’attore che è in te”. Il programma proporrà tecniche di rilassamento e riscaldamento, improvvisazione, nozioni primarie di dizione e di lettura espressiva. Ci sarà spazio anche per un “viaggio” nella storia del teatro.

Alla fine del corso sarà rilasciato certificato di frequenza.
Tutti i corsi si concluderanno con la messa in scena di uno spettacolo.

 

Info utili

Tema Cultura consegnerà tutto il materiale necessario. Saranno forniti costumi, oggetti scenici, basi musicali e quanto utile alla realizzazione dello spettacolo di fine corso.

Adottato, naturalmente, un protocollo di regolamentazione legato alla normativa anti-Covid, che dovrà essere condiviso e accettato in ogni sua parte dall’utenza.

Tutti i corsi sono a numero chiuso, massimo 12 persone per corso.

L’iscrizione si riterrà confermata dopo una prova gratuita.

Orari, costi e ulteriori dettagli sui corsi nel sito www.temacultura.it.

Per informazioni e iscrizioni: [email protected] – 346.2201356

Sabato 12 e domenica 13 settembre sarà possibile scoprire la Treviso Medievale con gli studenti del Liceo Canova

 

Sabato 12 e domenica 13 settembre, nel centro storico di Treviso, sarà possibile partecipare ad un percorso incentrato sul modo di vivere in Città nel Medioevo attraverso dieci tappe che faranno da sfondo ad altrettanti ambiti di vita del 1300 trevigiano. L’iniziativa, organizzata con la collaborazione del liceo Canova in un programma di alternanza scuola/lavoro, ha permesso la formazione di 25 studenti che si sono resi disponibili per questo progetto extrascolastico. Il “viaggio” infatti si potrà fare in due modi: 10 tappe tutte di fila insieme all’organizzatrice delle giornate all’insegna della cultura Medievale, Manuela Parma, oppure in ordine casuale con la presenza, in ogni punto di interesse, di studenti preparati sull’argomento.

 

 

L’iniziativa, che gode del Patrocinio del Comune di Treviso, è aperta a tutti con la possibilità di conoscere tutti i segreti della Treviso medievale in inglese, francese, tedesco e russo. Il percorso è stato pensato anche per i non vedenti. Si partirà dalle Mura all’altezza dei bastioni per introdurre un concetto più ampio che è quello, sempre attuale, di appartenenza ad un territorio per approdare successivamente a San Francesco, un tempo sede dell’Inquisizione a Treviso, per comprendere il concetto di religione. Alla Pescheria sarà possibile conoscere le usanze culinarie dei nostri antenati e scoprire alcune importanti invenzioni che usiamo ancora oggi. La quarta tappa sarà Santa Caterina che, grazie al ciclo di affreschi di Sant’Orsola, illustra quella che era la moda del periodo e quindi il vestiario medievale. Si proseguirà poi con Piazza Santa Maria dei Battuti, già sede del vecchio ospedale di Treviso, che fa da cornice a quella che era l’arte medica dell’epoca. Seguirà Piazza dell’Umanesimo Latino, oggi sede universitaria, che sarà il luogo in cui si parlerà dell’istruzione medievale, delle università e della stampa a caratteri mobili. Alla Loggia dei Cavalieri si potranno conoscere le feste e i giochi che hanno reso famosa Treviso come la marca gioiosa et amorosa e quella che all’epoca era anche nota come urbs picta e Piazza dei Signori per alcuni approfondimenti su quello che era il governo del comune all’epoca. In Piazzetta Monte di Pietà si potrà apprendere quale fosse il concetto di denaro nel Medioevo. Ultima tappa la chiesa di San Nicolò per parlare di occhiali, lenti di ingrandimento e non solo. Anche i bambini potranno assistere alle visite grazie ad un linguaggio semplice e accattivante. Farà da cornice a questo itinerario una serie di proposte di intrattenimento fra le quali un giro in barca sul Sile che nel Medioevo era navigabile lungo tutto il suo corso con partenza presso la società “Canottieri Sile”.

 

 

Per i bambini sarà possibile realizzare delle opere con la creta con l’aiuto e la vigilanza di Ilenia. Non potevano mancare le streghe che ci ammalieranno con magiche letture e trattamenti miracolosi.  Verranno inoltre coinvolte le attività della città che prepareranno insieme ai piatti della cucina contemporanea, anche pietanze tipiche del Medioevo con alcune sorprese come lo “spritzevo”, lo spritz del Medioevo e un gelato con ingredienti medievali. Tutto questo per dimostrare che la cultura, oltre ai libri, può comprendere e dare supporto anche all’economia di un territorio. Un contributo sarà ben accetto in quanto vi è la volontà da parte degli studenti di devolvere quanto raccolto per un’opera cittadina. Conoscere la nostra storia e il nostro territorio ci porta a scoprire da dove proveniamo, dove siamo nel presente e dove stiamo andando o addirittura dove potremmo andare. Quali sono le opportunità che possiamo sfruttare.

 

Per prenotazioni e informazioni è possibile scrivere a [email protected] o chiamare il numero 333.6263991.

 

Ci sono quasi tutti: la signora Giancarla e il marito Sergio Baldan, il nonno Pino (o Gino o Lino…), la Lory Martinuzzi, i tossici, i marinai Actv, Batman e Robin. I personaggi di Carlo & Giorgio, il noto duo comico veneziano, sono i protagonisti del quarto e ultimo appuntamento della rassegna online Teatro D’Asporto, in collaborazione con il Teatro Stabile del Veneto. Un’iniziativa che ha riscosso un grande successo, totalizzando fin qui oltre 30000 visualizzazioni. Da mercoledì 2 settembre (alle ore 20.00) fino a domenica 6 (alle 23.00) sarà visibile sui canali YouTube di Carlo & Giorgio e del Teatro Stabile del Veneto, lo spettacolo “Esserci o non esserci: Tutto (o quasi) pur di andare in TV”, in cui i due comici interpretano appunto i loro personaggi più amati dal pubblico.

 

 

Il filo conduttore dello spettacolo, che nonostante gli anni trascorsi dal suo debutto (nel 2005), si rivela sorprendentemente attuale, è la smania di comparire in televisione. Perché quando l’apparecchio è sempre acceso, come succede per esempio in casa della famiglia Baldan, a un certo punto succede che la vita vera diventa quella che si vede sullo schermo e la realtà si confonde con la finzione. E così il dubbio amletico diventa “esserci o non esserci” e la risposta è scontata: esserci ad ogni costo per essere finalmente “qualcuno”, per esistere.

 

Ad essere ammaliati dalle sirene del piccolo schermo non sono solo i personaggi già conosciuti di Carlo & Giorgio: sulla scena irrompono misteriose figure provenienti dal passato, anch’esse attirate dalla possibilità di andare in tv. Una per tutte, nientemeno che William Shakespeare, eccitato dall’idea di riscrivere il suo Otello ambientandolo in un reality show. Perché, c’è poco da fare: dalla tirannia della tv e degli indici d’ascolto, è proprio difficile salvarsi.

POST TAGS:

Ritorna Restival, il Festival della Restera di Casale sul Sile. Dal 26 al 30 agosto 2020, al Parco delle Vecchie Pioppe è appuntamento con la musica, il food e l’artigianato locale: dalle tribute band al rock, dal cabaret alla samba, passando per Sir Oliver Skardy e la Funkasin Street Band, fino alle “Piazze del Gusto” e alla “Via Mercato e Mestieri” per gustare la migliore gastronomia e scoprire i prodotti dell’artigianato.

 

Tante le iniziative per giovani e famiglie per 5 giorni di relax e divertimento immersi nel verde, in un parco di 22.000 Mq che garantirà la necessaria sicurezza del pubblico. Una manifestazione che si conferma come uno degli appuntamenti più attesi del territorio e che avrà ingresso completamente gratuito.

 

Il Festival della Restera di Casale sul Sile per questa edizione 2020 si svolgerà in una nuova location: il parco delle Vecchie Pioppe. Un’area estesa oltre 22.000 Mq, facilmente raggiungibile a piedi dal centro cittadino, che garantirà ampi spazi di movimento in totale sicurezza. A ospitare gli eventi musicali e le performance di danza e cabaret nel Restival Park sarà l’“Arena Spettacoli” con posti a sedere per tutti gli eventi e un Maxi Schermo per poter godere anche da lontano tutti gli spettacoli.  Non mancheranno poi anche l’area dedicata alle “Piazze del Gusto” con proposte culinarie locali e la “Via Mercato e Mestieri” con 40 stand espositivi di artigianato locale ricco di specialità e curiosità. L’ingresso a Restival Park sarà gratuito per tutte le date previste e in ogni caso sarà limitato da una capienza prefissata come da normativa vigente.

“Restival 2020 è ormai ai nastri di partenza. Una manifestazione simbolo di ritorno a una nuova normalità nella quale, anche e soprattutto quest’anno, il relax, la musica e il divertimento possono e devono andare d’accordo con il rispetto della salute di tutti, visitatori e lavoratori. Un’occasione per incontrarci e tornare emozionarci insieme, in totale sicurezza, dando un segno di speranza e rinascita al settore dello spettacolo e all’economia della nostra zona – spiegano gli organizzatori –. Noi ci siamo con tutto il nostro impegno per garantire, come sempre, di vivere con serenità il Festival della Restera e non vediamo l’ora di rivedere il nostro pubblico. Siamo certi che tutti i visitatori del Restival Park collaboreranno affinché gli eventi si svolgano nel pieno rispetto delle norme di sicurezza, dall’uso delle mascherine al distanziamento interpersonale e all’igienizzazione delle mani.”

Il programma

Mercoledì 26 agosto:

LIVEPLAY ColdPlay Tribute Band

I Liveplay nascono a fine 2013 e sono attualmente band di riferimento in Europa nel tributo ai Coldplay, con un tour di oltre 300 date in tutta Europa. Oltre all’assoluta fedeltà, alle sonorità e ai ruoli originali dei Coldplay, elemento distintivo dei Liveplay è la capacità di coinvolgere scenograficamente ed emotivamente il pubblico.

Giovedì 27 agosto:

JACK IN BLACK

I Jack in Black nascono dalla passione dei componenti per la musica Rock in tutte le sue incarnazioni. Dai grandi classici anni ’60 fino ai giorni nostri, non disdegnano qualche divagazione nel mondo del Pop, ma sempre con l’energia e lo spirito Rock.

 

FABRIZIO FONTANA

Fabrizio Fontana è un camaleontico personaggio, diretto, demenziale, intelligente e geniale. Uno dei pochi comici del panorama nazionale in grado di proporre in un’unica serata TV tre personaggi diversi come James Tont, Il Concorrente Gianmaria Fontana e il mitico Capitan Ventosa. Il bagaglio comico di Fontana inoltre, prevede un’infinita gamma di personaggi inediti e di monologhi, dove l’artista mettendosi a nudo, crea con la sua spontaneità, una naturale empatia con il pubblico.

 

Venerdì 28 agosto:

ALL’INCIRCO VARIETÀ

Un crescendo pirotecnico di comicità, magia, acrobazia, poesia e follia. Uno spettacolo d’arte varia, a cavallo tra il circo teatro e il cabaret. La coppia Lannutti & Corbo danno vita ad un varietà popolato da personaggi bizzarri e assurdi: un imbonitore, una soubrette, Saverio l’oggetto del desiderio e un acrobata che vuole vivere in un mondo alla rovescia.

 

InSOLITI QUATTRO

La Grande Musica torna a Restival. Per dare un segno tangibile di un ritorno alla normalità, quattro grandi artisti internazionali con importanti collaborazioni, suoneranno per la prima volta insieme sul nostro palco. Un grande omaggio alla gente di Restival.

Davide Pezzin: basso (Ligabue, De Andrè)
Ernestticco: percussioni (Zucchero, Ramazzotti, Jovanotti, Pat Metheny)
Emanuele Grafitti: chitarra acustica (40Fingers)
Maurizio Camardi: sax (Paolo Fresu, Claudio Fasoli)

 

Sabato 29 agosto:

SAMBAFIT RITMO DO BRASIL SHOW

Non un semplice ballo, ma una fusione di discipline brasiliane, tanto diverse quanto complementari, tali da creare un mix coinvolgente. Una performance esplosiva e unica che porta agli appassionati il meglio della cultura brasiliana.

 

PITURA STAIL Ft. SIR OLIVER SKARDY

Il primo Tributo Ufficiale ai Pitura Freska la storica band nata nella laguna Veneziana. Atmosfera di festa per una serata di spettacolo e musica per gente di tutte le età puntando a valorizzare il canto in dialetto Veneto. Sul palco di Restival saranno accompagnati da Sir Oliver Skardy, al secolo Gaetano Scardicchio, nell’arco degli ultimi vent’anni abbondanti, indissolubilmente legata a quella della più popolare reggae band italiana: i Pitura Freska.

 

Domenica 30 agosto:

(Dalle ore 17.30) SUNDAY PARK LIFE

Restival dedica la domenica pomeriggio agli spettacoli dei migliori Artisti di Strada.

Un pomeriggio all’insegna del divertimento per tutte le famiglie. Spettacoli come” A Ruota Libera” dove il tema centrale è la bicicletta: i due giovani protagonisti arrivano a cavallo di un Tandem con tanto di musica. Bolle di sapone giganti, monocicli da due metri, torce infuocate o coltelli volanti. Ma potrete vedere anche l’uomo di gomma Otto il Bassotto cioè un Uomo (bè… quasi…. un Bassotto!) che ha trasformato il caucciù nella sua unica fonte di vita e ragion d’essere. Con una faccia di gomma ed un cervello che gli rimbalza, con numeri incredibili, oltre i limiti del possibile, all’insegna del motto: con i palloncini si può fare davvero qualsiasi cosa!

E ancora: Abe il trampoliere mangiafuoco; Josef con il suo magico organetto mobile; ViviFit Fitness Show con fantastiche danze acrobatiche. Una domenica a Restival Park assolutamente da non perdere!

 

FUNKASIN STREET BAND

Funkasin Street Band è la prima realtà del genere in Veneto nata per portare nuova musica tra le strade e una super carica di energia tra la gente. I Funkasin riescono a trasmettere al pubblico la propria carica grazie ad uno stile funk fuso con altri generi come il pop, la disco e il rock, il tutto completato da diverse coreografie pensate per coinvolgere la gente… di sicuro non riuscirete a rimanere fermi.

Restival aprirà al pubblico alle 18.00 e gli spettacoli inizieranno sempre alle 20.00 (domenica 30.08 a partire dalle 17.30). Per seguire tutto il programma: basta consultare il sito www.restival.it o la pagina Facebook: Restival – il Festival di Restera. Il festival gode del patrocinio della Regione Veneto e del Comune di Casale sul Sile.

Il festival gode del patrocinio della Regione Veneto e del Comune di Casale sul Sile.

Una band così easy che possiamo andare ai concerti in bicicletta”: Microrchestra è una delle orchestre più piccole al mondo, dove la cura meticolosa agli arrangiamenti e al suono è la chiave del successo di questi musicisti veneziani.

 

All’interno del contenitore Parole e Musica del programma Brezza d’estate 2020 messo a punto dall’amministrazione comunale di Casier, la band fa tappa martedì 25 agosto alle ore 21.00 nell’incantevole “chiostro” gentilmente concesso dalla Parrocchia S. Vigilio di Dosson.

 

Stefano Olivato (in foto) all’armonica cromatica e ukulele basso, Leonardo di Angilla al pandeiro, cajon e percussioni e Stefano Scutari alla chitarra accompagneranno il pubblico nella musica e nei racconti musicali da Michael Jackson a Jobim, uno degli inventori del genere bossa nova e O Maestro della musica popolare brasiliana.

 

Stefano Olivato, Stefano Scutari e Leo Di Angilla sono tre musicisti d’eccezione. Grande musica arrangiata, interpretata e arricchita da aneddoti e racconti, da questo trio originale e fantasioso che conta numerose produzioni discografiche alle spalle.

 

Da raccontare hanno moltissime cose, vista la grande esperienza e le collaborazioni con personaggi dello spessore di Stefano Branduardi, Jovanotti, Paolo Jannacci, Claudio Lolli, Ornella Vanoni, Patty Pravo e decine di altri grandi artisti. I musicisti di Microrchestra hanno suonato nei più importanti teatri del mondo, quali la Carnegie Hall, New York, il Teatro La Fenice, di Venezia, Bussola Domani di Viareggio, l’Auditorium S. Cecilia e il Teatro Sistina di Roma.

 

La serata sarà impreziosita dalla particolare atmosfera accogliente e intima del giardino che la ospiterà, in totale sicurezza.

 

Poiché il numero dei posti è limitato, si prega di prenotare chiamando al numero 0422.381504.

 

Ingresso gratuito.

Si intitola “Teatro da mangiare, teatro da bere” ed è la proposta di Tema Cultura per l’edizione 2020 dell’Estate Incantata: dal 27 agosto, sei spettacoli pensati per stuzzicare l’appetito di vecchi e nuovi appassionati di teatro, andranno in scena al tramonto tra le vie della città

 

Stuzzicare la fame di conoscenza tra assaggi di musica d’altri tempi e sorsate di storie uscite dalla vena creativa dei più grandi scrittori e drammaturghi di sempre. È la ricetta dell’associazione Tema Cultura, che per l’edizione 2020 dell’Estate Incantata – organizzata dall’Amministrazione Comunale di Treviso – promuove la rassegna “Teatro da mangiare, teatro da bere”: sei spettacoli teatrali in scena al tramonto in alcuni degli angoli della città preferiti da turisti e avventori del posto per l’aperitivo o la cena, trasformati per l’occasione in palcoscenici a cielo aperto.

 

 

Le date

A dare il via al divertimento in salsa culturale sarà lo spettacolo “Pomo pero disi il vero”, fissato in calendario per giovedì 27 agosto in piazza Indipendenza, vicolo “Hostaria dai Naneti”: a partire dalle 19.30, tra parole del teatro classico ed espressioni dialettali prenderà vita il racconto delle peripezie di un amante insoddisfatto, che tenterà di risollevare le sue sorti interpellando un insolito genio, stipato nientemeno che in una bottiglia di prosecco. In sottofondo, la chitarra di Francesco Zanetti, che firma testo e regia, nel cast insieme agli attori Giulia Pelliciari e Giacomo Vianello.

 

Venerdì 28 agosto toccherà al primo dei tre originali flash mob del ciclo “Teatro all’improvviso”, che allo scoccare delle 19.30 esploderà in un punto della città a sorpresa a cura dei giovani attori di “Tema Academy”, la compagnia formata dai ragazzi che frequentano la scuola di teatro di Tema Cultura. Da William Shakespeare a Harold Pinter: un’esperienza tutta da scoprire, lasciandosi guidare dalla scia di indizi che precederà l’evento, disseminata sulle pagine Facebook e Instagram ufficiali dell’associazione.

Gli altri due flash mob (diversi dal primo) sono attesi venerdì 4 e venerdì 11 settembre.

 

 

Grazie alla collaborazione con lo staff del “Ristorante Alfredo”, in via Collalto giovedì 3 settembre a partire dalle 20.30 Edoardo Siravo si esibirà in prima regionale in “Significar mangiando”, un omaggio ad Arturo Filippini.

 

A fare da protagonisti, i piatti della tradizione locale che il noto ristoratore ha reso celebri anche oltreconfine e quelli descritti dalle penne di Tomasi di Lampedusa, Proust, Campanile, Montale (per citarne alcuni). Accompagnamento musicale a cura di Piero Trofa.

 

Evento su prenotazione, posti limitati.

 

Giovedì 10 settembre sarà la volta di “Donna di cuori, fante di danari”, in programma alle 19.30 in piazza Carducci nei pressi del bar “The Lodge”. Paola Zuliani e Giacomo Vianello metteranno in scena la parabola dell’amore, ripercorrendo con ironia i vari capitoli della storia di una giovane coppia di innamorati. Adattamento testuale e regia di Giovanna Cordova.

 

Il commento della direttrice artistica

«Come tutti gli altri eventi contenuti nella rassegna “Estate incantata”, promossa dal Comune di Treviso, questo spettacolo è la dimostrazione che nonostante tutto si può ripartire solo se l’attività degli operatori culturali, come in questo caso, è sostenuta da un’Amministrazione pronta e decisa a non fermarsi di fronte alle difficoltà, che predilige i fatti alle belle parole e alle rassicurazioni che non portano a nulla. Credo che sia questa la via giusta, l’unica che riuscirà a far ripartire il motore della cultura nel nostro Paese» afferma Giovanna Cordova, direttrice artistica di Tema Cultura.

 

Organizzati nel pieno rispetto delle misure anti-Covid, gli spettacoli sono a ingresso gratuito (in caso di maltempo saranno rinviati ad altra data).

Dal 27 luglio al 2 settembre Teatro Stabile del Veneto e Comune di Venezia riportano lo spettacolo dal vivo tra i parchi, le piazze e le ville della laguna e della terraferma

 

Dopo un lungo inverno passato in casa, lo spettacolo dal vivo, oggi più che mai, per rimanere vitale ha bisogno di incontrare la gente, di creare comunità, riattivando anche quelle zone periferiche solitamente escluse dai principali circuiti culturali ed artistici, concentrati maggiormente nei centri storici. Per questo la collaborazione tra lo Stabile del Veneto e l’Amministrazione comunale si rinnova per il secondo anno consecutivo portando a Chirignago, Mestre, Campalto, Pellestrina, Burano e alla Giudecca due produzioni dello Stabile del Veneto pensate per i bambini e le loro famiglie che trascorreranno 12 serate estive in compagnia dei personaggi delle fiabe.

 

La rassegna, promossa nell’ambito del progetto “Estate 2020. Musica, teatro, sport e cinema tra terra e laguna” cofinanziato dall’Unione Europea – Fondi Strutturali e di Investimento Europei | Programma Operativo città Metropolitane 2014-2020, proporrà al pubblico due titoli UCCI!UCCI! di Stivalaccio Teatro che dopo l’appuntamento di oggi a Chirignago al Parco di Villa Bisacco, sarà a Mestre al Parco Piraghetto il 28 luglio, e MI PORTI AL PARCO con Susi Danesin che parte da Pellestrina il 28 luglio (ore 17.30) a Piazzale Bernardino Zendrini per proseguire poi a Chirignago, Mestre, Venezia, Campalto e Burano.

 

Il progetto “Sottocasa. Teatro nelle Città”, permette di trasformare qualsiasi spazio in un teatro, di aprire alla comunità luoghi ovunque collocati per accogliere cultura e socialità, di scoprire squarci insoliti della città capaci di ospitare un pubblico multigenerazionale, dai bambini agli anziani e soprattutto di recuperare la tradizione orale veneta del “Filò”, rintracciando la memoria di un’epoca in cui era essenziale vivere esperienze di condivisione. Un programma fortemente voluto dal sindaco Luigi Brugnaro, che mira a coinvolgere i cittadini in eventi culturali che li rendano protagonisti della vita della città.

 

 

Ucci Ucci.
Pollicino e altre fiabe

28 Lug 2020, ore 18.00
Mestre: Parco Piraghetto (Via Alfredo Catalani 9)

27 Ago 2020, ore 18.00
Campalto: CepVillaggio Laguna

 

È un tuffo nelle fiabe della tradizione, da Collodi a Calvino passando per i ricordi dei nonni, lo spettacolo di Stivalaccio Teatro a cura di Michele Mori e Sara Allevi, che accompagna grandi e piccini al tempo in cui le storie venivano raccontate prima di addormentarsi. Sul palco i narratori sono due bambini, Emilio e Susanna, rispettivamente Michele Mori e Anna De Franceschi, che dopo aver ascoltato la fiaba di Pollicino, nel buio della loro stanza da letto, temono e s’immaginano l’arrivo dell’Orco. Se però Emilio è terrorizzato Susanna è eccitata e pronta ad affrontare il terribile mostro. L’importante è non dormire, per non farsi cogliere impreparati! Ma come fare? Per non addormentarsi le provano davvero tutte anche se con scarsi risultati. Poi l’idea! L’unica cosa che può tenerli svegli è la paura stessa! Cominciano così a raccontarsi le storie che più li terrorizzano, condite da streghe, fantasmi e genitori crudeli. La paura diventa dunque un gioco in cui i due bambini si troveranno a recitare e inventare, fino a dimenticarsi dell’Orco, o meglio, a saperlo affrontare con il sorriso.

 

 

Mi porti al parco?!
Racconti animati per famiglie.

Susi Danesin porta il pubblico di bambini e adulti a viaggiare in posti fantastici, a ridere di personaggi buffi e strampalati e a sognare di possibili mondi, attraverso la letteratura per ragazzi. Storie di desideri. Storie di pazienza e un pizzico di follia.

 

Ogni incontro sarà ricco di storie raccontate attraverso la capacità mimica e ritmica-sonora della narratrice che partirà dal libro per integrarlo fisicamente alla propria drammaturgia coinvolgendo il pubblico… a debita distanza!

 

Questi racconti sono stati proposti durante il lockdown per Famiglie Connesse, iniziativa di teatro online dello Stabile del Veneto.

 

Susi Danesin, attrice, formatrice teatrale da anni si occupa di promozione della lettura e teatro ragazzi, mettendo insieme la sua esperienza nel teatro corporeo alle narrazioni tratte dalla letteratura per l’infanzia.

 

28 Lug 2020, ore 17.30
Pellestrina: Piazzale Bernardino Zendrini (Sestriere Zennari)

03 Ago 2020, ore 18.00
Chirignago: Circus Chirignago (Via Fratelli Cavanis)

04 Ago 2020, ore 18.00
Mestre: Giardini di Via Piave

06 Ago 2020, ore 18.00
Venezia: Giudecca, Corte dei Cordami

24 Ago 2020, ore 17.00
Mestre: P.le Madonna Pellegrina

25 Ago 2020, ore 17.00
Campalto: CepVillaggio Laguna

31 Ago 2020, ore 17.00
Mestre: Villa Querini (Via G. Verdi, 36/38)

01 Set 2020, ore 17.00
Mestre: Parco della Bissuola

02 Set 2020, ore 17.00
Burano: Fondamenta dei Squeri

Un programma che esplora le diverse anime del jazz e della musica etnica con la presenza di affermati gruppi della scena nazionale e locale. Quattro appuntamenti, tra il 28 luglio e il 4 settembre, caratterizzeranno il cartellone di “Fuori Musica”, rassegna in programma a Mestre promossa dal settore Cultura del Comune di Venezia con la collaborazione di Veneto Jazz. Il programma è stato presentato oggi al Centro culturale Candiani. La rassegna, che prevede un finale misto tra il teatro e la canzone, è realizzata grazie al cofinanziamento dei Fondi Strutturali di Investimento Europei, Programma Operativo Città Metropolitane 2014-2020 (PON Metro).

 

Gli eventi

Si inizia il 28 luglio, all’arena del parco Bissuola, con il soul funk di Licaones, che vede ai fiati Mauro Ottolini (trombone) e Francesco Bearzatti (sassofono), entrambi affermati protagonisti della recente scena del jazz italiano e internazionale.

 

Il 29 luglio, sempre al parco Bissuola, “Mi Linda Dama” propone una interpretazione delle tradizione musicale sefardita, con canti antichi proposti con nuovi arrangiamenti. Il gruppo è composto da Namritha Nori (voce), Giulio Gavardi (chitarra, saz turco, bouzouki), Niccolò Giuliani (percussioni), con ospite speciale Maurizio Camardi (sax soprano, sopranino, duduk) e la ballerina Silvia Cagnazzo.

 

 

Il 3 settembre lo spettacolo si sposta in piazzetta Malipiero a Mestre, con Tragos de Tango (in foto di copertina, ndr), formazione tipica delle origini del tango argentino, formata da Walter Lucherini (bandoneon), Daniele Vianello (contrabbasso) e Lino Brotto (chitarra) che presenteranno in anteprima il nuovo album “Mirada Fatal”. Il giorno dopo nella stessa location esibizione di Sorah Rionda, musicista, cantante, compositrice, arrangiatrice, gaitera e ballerina, con un’intensa attività a Cuba e in tutta Europa. Con Thomas Sinigaglia (fisarmonica) e Luca Nardon (percussioni), presenta il nuovo album “Renacer”, ispirato a Venezia, città dove ha trascorso un periodo della sua vita e alla quale dedica il suo ultimo lavoro.

 

 

Per chiudere l’8 settembre un fuoriprogramma: nel giardino di Villa Erizzo, Veneto Jazz presenta “Memorie di Atlantide”, uno spettacolo di teatro-canzone scritto e interpretato da Giovanni Dell’Olivo, accompagnato sul palco dal suo storico gruppo, il “Collettivo di Lagunaria”. Sul palco si esibiranno in 13 brani: Giovanni Dell’Olivo (chitarra, bouzouki e voce), Alvise Seggi (contrabbasso), Stefano Ottogalli (chitarra), Walter Lucherini (fisarmonica), Serena Catullo (voce), Arianna Moro (performer), con regia di Vito Lupo e Arianna Moro.

 

 

Info

Gli spettacoli sono tutti a ingresso gratuito e si può entrare solo se muniti di mascherina e previa misurazione della temperatura corporea. Sarà possibile accedere alla platea e ai luoghi dello spettacolo dalle 20, un’ora prima dell’inizio delle manifestazioni fissato alle 21. Verrà inoltre richiesta la registrazione all’anagrafica prima di accedere al proprio posto. Per maggiori informazioni consultare il sito www.culturavenezia.it.

Dal 23 luglio al 12 settembre la stagione estiva dello Stabile del Veneto anima il palcoscenico del Teatro Mario Del Monaco con oltre 30 serate e 20 titoli in cartellone

 

Ha il sapore dolce del primo gelato dopo un lungo inverno questa stagione estiva che ci riporta finalmente a teatro. Dal 23 luglio fino al 12 settembre, per oltre trenta serate con venti spettacoli, tra concerti lirici, nuove produzioni teatrali, anteprime, letture sceniche e una visita guidata, la prima stagione estiva del Teatro Mario Del Monaco va in scena con un cartellone da “Tutti i gusti del teatro”.

 

Dopo mesi di chiusura, la stagione estiva ideata dallo Stabile del Veneto in collaborazione con il Comune di Treviso segna così il ritorno dello spettacolo dal vivo in teatro, che apre finalmente al pubblico nel rispetto di tutte le norme di sicurezza, dalla sanificazione al distanziamento dei posti, all’obbligo di mascherina.

 

 

In scena novità, grandi nomi e compagnie emergenti

Un programma all’insegna della pluralità che spazia dai grandi classici alla nuova drammaturgia, dal teatro di narrazione alla commedia dell’arte, attraverso temi che parlano sempre e comunque al nostro tempo.

“È con grande felicità che il teatro riprende la sua normale continuità e il suo naturale corso – dichiara Cristiano Corazzari, assessore alla cultura della Regione Veneto. – È passato un anno da quando il Del Monaco è entrato a far parte della famiglia dello Stabile e solo poche settimane dalla firma dell’accordo di collaborazione con Arteven, importanti passi che dimostrano quanto la Regione voglia ampliare la presenza e la diffusione del teatro su tutto il territorio regionale e sia presente per sostenere lo spettacolo dal vivo ancora di più in questo periodo di enormi difficoltà. Solo poche settimane fa abbiamo presentato con il Presidente Zaia il piano di interventi messo in campo dalla Regione per favorire una significativa ripartenza delle attività culturali. La stagione estiva è un nuovo inizio, una ripartenza per tutti, un momento finalmente felice dopo questi mesi difficili”.

 

“La Città si arricchisce di un calendario per i cittadini con spettacoli di assoluta qualità, dai classici alla drammaturgia passando per la commedia dell’arte, in orari complementari”, dichiara l’assessore ai Beni Culturali e Turismo, Lavinia Colonna Preti. “Inoltre, grazie a questa programmazione verrà data la possibilità a professionisti del mondo dello spettacolo di lavorare ed esprimere la propria arte dopo un periodo particolarmente complicato come quello dell’emergenza Covid-19”.

 

 

Il primo cartellone estivo

L’estate tutta da gustare al teatro trevigiano propone dieci produzioni e co-produzioni firmate Teatro Stabile del Veneto. Si comincia con la presentazione in anteprima di Oscillazioni con Matteo Cremon (24>25 luglio, ore 19), una co-produzione con La Piccionaia-Centro di Produzione Teatrale sviluppata grazie alla residenza artistica WeArt3 del Teatro Comunale di Vicenza 2020 a partire da un testo di Vitaliano Trevisan, attore che sarà a Treviso anche con Il mondo e i pantaloni (06 > 07 Agosto, ore 19) insieme a Giorgio Sangati e Angelica Leo. A seguire Intimità (27>28 luglio, ore 19), spettacolo della compagnia veneta Amor Vacui, che sarà in scena anche con il nuovo spettacolo Tutta la vita (05 settembre, ore 19) presentato in forma di studio. E poi una novità in anteprima: Cèa Venessia. Odissea nostrana dal NordEst all’Australia (03 > 04 Agosto, ore 19), spettacolo, prodotto insieme a Stivalaccio Teatro e OperaEstate Festival Veneto, dedicato alla storia della prima colonia fondata da un insediamento di migranti veneti e friulani in Australia, con Stefano Rota per la regia di Marco Zoppello. Continua la sperimentazione con un nuovo spettacolo presentato in forma di studio da Fabio Sartor; La fatica d’essere spettatore (24 > 25 Agosto, ore 19) un adattamento italiano tratto da L’effort d’être spectateur, che è valso allo scrittore, drammaturgo, compositore, regista e attore francese Pierre Notte il prestigioso premio “Molières” 2020. Segna il ritorno della tradizione, del teatro d’attore e della commedia dell’arte Don Chisciotte. Tragicommedia dell’arte (28 > 29 Ago 2020, ore 19) di Stivalaccio Teatro. La storia del romanzo di Cervantes viene riletta sul palco trevigiano con originalità grazie al carisma straordinario degli attori e registi Michele Mori e Marco Zoppello. Viene presentato al pubblico trevigiano in forma di studio anche lo spettacolo Franca, come te solo la Valeri (01 Settembre, ore 19), un omaggio alla grande artista Franca Valeri interpretata dall’attrice padovana Lucia Schierano in un immaginario dialogo. Dopo il debutto in prima regionale al Castello Carrarese, approda al Del Monaco, Pane o libertà Su la testa (02 > 03 settembre, ore 19) di e con Paolo Rossi, co-produzione con lo Stabile di Bolzano, in cui stand up comedy, commedia dell’arte e commedia greca si mescolano in un solo spettacolo dando voce alle storie di maestri come Jannacci, Gaber, De Andrè, Fo e persino al fantasma della Callas. A settembre, infine, è una maschera malvagia che ha ispirato letteratura, cinema e fumetti, come il Jocker a salire sul palco con L’uomo che ride (07 > 08 Settembre, ore 19), di Dario Merlini e interpretato da Michele Maccagno per la regia di Silvio Peroni.

 

Insieme alle produzioni dello Stabile Veneto, il Teatro Mario Del Monaco ospita altri tre spettacoli tutti da assaporare. Il primo è Donna non rieducabile (29>30 luglio, ore 19), il viaggio “negli occhi di Anna Politkovskaja” prodotto da Officine della Cultura in collaborazione con il Teatro Stabile del Veneto, scritto da Stefano Massini, per la regia di Silvano Piccardi, che vede protagonista Ottavia Piccolo, signora della drammaturgia contemporanea, e le musiche per arpa composte ed eseguite dal vivo da Florale da Sacchi. A seguire Pomo pero dime ‘el vero (26 > 27 Agosto, ore 19), gioco scenico a cura di Giorgio Sangati liberamente tratto dai testi di Luigi Meneghello con Laura Cavinato e Valerio Mazzucato, prodotto dall’Associazione Culturale Terracrea, e Il canminante. Racconto di un cammino lungo il fiume Piave (09 > 10 settembre, ore 19). In scena Mirko Artuso, autore e interprete, narra il suo cammino durato nove giorni lungo il Piave con l’accompagnamento musicale della band rock/blues degli Hanky Panky.

 

 

La musica riporta sul palco artisti della Marca e nomi internazionali

Per completare tutti i gusti del teatro al Del Monaco non poteva mancare la musica lirica. Organizzata dal Comune di Treviso in collaborazione con lo Stabile del Veneto, la rassegna di concerti porta sul palcoscenico trevigiano quali il soprano Hui He, Teresa iervolino, Roberto e Diletta Scandiuzzi e l’Orchestra Ritmico Sinfonica diretta dal maestro Diego Basso, ma anche Enrico Rava Quartet, tra gli ospiti in programma per il Treviso Suona Jazz Festival, e la serata inaugurale del Festival chitarristico delle Due Città.

 

A inaugurare la stagione estiva (23 e 31 luglio, ore 20.45) è Treviso nell’Olimpo della lirica, il concerto che vede protagonisti i maggiori artisti trevigiani, vere e proprie star internazionali della lirica acclamate in tutto il mondo. Diletta Scandiuzzi, mezzosoprano, Lucio Gallo, baritono, Roberto Scandiuzzi, basso, Federico Brunello, pianoforte, propongono un programma raffinato ed intenso dedicato ai massimi compositori del melodramma e del belcanto, i protagonisti della storia della musica del XIX secolo (ovvero Verdi, Rossini, Bellini, Bizet, Puccini, Giordano, Donizetti). Il concerto è un excursus stilistico che va a ritroso, per alleggerirsi quasi come una catarsi che dal dramma traghetta alla commedia.

 

Omaggio al compositore Premio Oscar Ennio Morricone

A seguire la serata evento In ricordo di Ennio Morricone (05 agosto, ore 20.45) omaggio al musicista e compositore Premio Oscar recentemente scomparso. Diretti dal maestro Diego Basso, conoscitore ed estimatore di Morricone, Claudia Sasso, soprano, Luca Minelli, tenore, e l’Orchestra Ritmico Sinfonica Italiana interpretano le più celebri colonne sonore, selezionate tra le oltre 400 musiche da film che il Maestro ha composto, per un concerto inedito capace di fondere musica sinfonica e cinema.

 

E poi Spagna e Veneto nella chitarra contemporanea (08 agosto, ore 20.45). La chitarra di Massimo Scattolin, accompagnata dall’Orchestra da Camera di Radio Veneto Uno diretta da Giorgio Sini, porta a Treviso la musica spagnola, dalle arie antiche di corte alle tradizioni popolari delle diverse aree geografiche del paese.

 

La rassegna di concerti continua (31 agosto, ore 20.45) con La grande opera in forma cameristica, in collaborazione con Associazione Lirica Trevigiana. La splendida voce della soprano Hui He, il Quartetto d’archi Verona Lirica e il pianoforte di Roberto Corlianò accompagnano il pubblico trevigiano lungo un suggestivo percorso musicale composto da pagine immortali del melodramma lirico.

 

L’estate al Del Monaco ha anche il sapore del jazz. Nell’ambito del Treviso Suona Jazz Festival (04 settembre, ore 20.45), la formazione dell’icona del jazz italiano ed internazionale recentemente premiato “Musicista Italiano dell’anno”, Enrico Rava Quartet sale sul palco del teatro cittadino per regalare una serata all’insegna della pura energia.

 

Voci, passione e calore (11 settembre, ore 20.45) è il concerto che vede Teresa Iervolino, mezzosoprano, e Biagio Pizzuti, baritono, Luca Capoferri pianoforte, in collaborazione con Associazione Lirica Trevigiana, presentare un repertorio brillante e fascinoso per un programma lirico accattivante. I timbri caldi e corposi conducono gli ascoltatoti attraverso atmosfere divertenti quanto romantiche, dalla sottile frivolezza di Mozart, Rossini, Donizetti alla focosa passionalità della Carmen di Bizet e delle romanze popolari e di tradizione partenopea.

 

A chiudere la rassegna di concerti (12 settembre, ore 20.45) al teatro trevigiano è la grande serata inaugurale del Festival chitarristico internazionale delle Due Città.

 

 

Il teatro come occasione di ripresa

“È una stagione dove la collaborazione con la città di Treviso e l’amministrazione comunale è centrale – dichiara Giampiero Beltotto, presidente Teatro Stabile del Veneto. – Non si tratta di un semplice lavoro tra soci, ma di una condivisione ampia sulla scelta dei titoli, degli artisti e degli spazi. Pensiamo insieme e agiamo insieme. I gusti predominanti di questa stagione sono infatti collaborazione, libertà e coraggio. Quindi lavorare insieme con tutte le realtà del territorio da quelle pubbliche a quelle private, per ritornare a essere liberi di andare a teatro, riflettere e divertirsi con la cultura senza avere paura”.

 

“La stagione estiva al Teatro Comunale Mario Del Monaco di Treviso, la prima concreta occasione di ripresa della musica dal vivo in Teatro – afferma Stefano Canazza, curatore del programma musicale per il Teatro Del Monaco. – L’opportunità di un ritorno per offrire al pubblico, anche nella pausa estiva, dei concerti lirici di alto profilo in formazioni ridotte”.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni