Home / Posts Tagged "sindaco Arena"

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato da Fratelli d’Italia in merito ai contributi elargiti dal sindaco uscente ad alcune associazioni

 

Assistiamo in questo ultimo periodo, con l’avvicinarsi delle elezioni, a situazioni e realtà vergognose e fuori da ogni ragionamento politico ed etico.

 

Il sindaco uscente negli ultimi 6 mesi ha elargito fondi pubblici a pioggia, ciò che noi definiamo vergognoso e sfacciato è l’assoluta noncuranza avuta anche in questo caso, per tutto il periodo del suo mandato, solo oggi si accorge di tante realtà che fino ad ora si sono rimboccate le maniche e hanno contribuito alla vita sociale di Mogliano senza chiedere nulla in cambio.

 

Nel programma della coalizione di Centro-Destra di cui facciamo parte è prevista l’approvazione di un regolamento chiaro per l’assegnazione dei contributi comunali.

 

Oggi l’assessore Minello si affanna per incontrare gli operatori turistici che sono stati completamente lasciati soli, lo fa solo dopo che il problema è stato sollevato dal nostro candidato Davide Bortolato, provando a mettere una pezza al suo mandato assolutamente sterile, tanto è vero che moltissimi albergatori ancora non erano a conoscenza del MogArt.

 

Troviamo anche fuori luogo e molto grave il fatto che il presidente dell’ACRA di Mogliano, dopo aver ricevuto con una Determina dirigenziale datata il 05/04/2019, 18500€ di contributi pubblici e con 800.000€ versati per la sistemazione del Centro Anziani, scelga di schierarsi nella lista Il Ponte all’interno della coalizione di Arena.

 

Ci auguriamo che tutto questo possa far capire l’importanza di una amministrazione presente dal primo giorno del mandato e che non si affanna solo negli ultimi 4 mesi prima delle elezioni in contributi a raffica e opere pubbliche di pura natura elettiva.

Un pieghevole dell’Amministrazione comunale è in distribuzione alle famiglie. Spiega cosa è stato fatto nel mandato Arena e perché

 

Un cantiere dopo l’altro, dalle frazioni al centro, dalla viabilità agli spazi e agli edifici destinati alle funzioni pubbliche, negli ultimi anni Mogliano ha certamente modificato il proprio volto.

 

Non si è trattato di un maquillage, ma di un vero e proprio progetto generale di riqualificazione della città e del suo territorio, dopo anni di incuria e di inerzia.

 

Per spiegare cosa è stato fatto e cosa stanno preparando i cantieri tuttora aperti e perché, per far capire il senso delle opere, l’amministrazione ha prodotto un pieghevole in questi giorni in distribuzione alle famiglie.

 

Con dovizia di immagini vengono indicate le principali realizzazione dell’amministrazione guidata dal sindaco Carola Arena nel corso del mandato ricevuto dai cittadini.

 

“Con soddisfazione ricevo i commenti dei cittadini che vedono come, in questi ultimi anni, Mogliano sia diventata un grande cantiere a cielo aperto, con tanti lavori pubblici realizzati e tanti tuttora in corso. Una sferzata di novità che ha fatto seguito ad anni di sterili dibattiti e di totale stasi. Nonostante le molte difficoltà ereditate dal passato ed una situazione finanziaria sull’orlo del deficit, siamo riusciti a trovare le risorse per progettare e realizzare quanto era nel nostro programma e anche di più.  In primo luogo, abbiamo lavorato per riqualificare gli spazi e gli edifici destinati alle funzioni pubbliche, quelle strutture cioè che offrono servizi di vario tipo ma tutti essenziali per le necessità dei cittadini. Dalle scuole al Distretto socio sanitario, con un grande impegno anche sul fronte della viabilità per riqualificare la mobilità dal punto di vista ecologico e della sicurezza, portando ad oltre 30 chilometri la rete di piste ciclabili cittadine. È in corso la riqualificazione dell’area ex Macevi e di piazza Donatori di Sangue. Insomma, solo citando i principali interventi si capisce che l’impegno è stato notevole e ha visto lavorare incessantemente l’amministrazione assieme agli uffici comunali”, commenta il sindaco Carola Arena.

 

 

 

Lo scorso venerdì notte si è verificato l’ennesimo furto nella sede della società sportiva Union Pro. Purtroppo i furti nelle case e nei centri sportivi a Mogliano sono in aumento e la sorveglianza diffusa con delle telecamere, da più parti invocata, è lontana a venire.

 

Sulla situazione, il Consigliere di minoranza Davide Bortolato fa il punto: “Siamo all’ennesima incursione dei ladri negli impianti sportivi della Union Pro e del Tennis Club, è la conseguenza di cinque anni di nulla dell’amministrazione Arena sul fronte della sicurezza. A Mogliano i furti sono continui.”

 

“Le associazioni sportive che gestiscono gli impianti  sono esasperate, moltissime famiglie convivono con il terrore dei ladri dopo aver subito un furto in casa e l’amministrazione comunale non fa nulla.”

 

“Il Terraglio che dovrebbe essere il biglietto da visita della nostra città – prosegue Bortolato – è diventato una cloaca, dove dilaga la prostituzione e la criminalità ad essa legata, lo spaccio di droga è sempre più esteso in città e l’amministrazione comunale non fa nulla.”

 

“Come Consiglieri di opposizione più volte abbiamo sollevato il problema sicurezza in Consiglio Comunale e sempre siamo stati accusati di fare allarmismo e il sindaco Arena ha rifiutato le nostre proposte di telecamerizzazione massiccia e di attuazione di sistemi come il controllo di vicinato.”

 

“L’unica cosa che riesce bene alla Arena sono le continue promesse che poi sistematicamente non mantiene, mette a bilancio soldi per le telecamere che poi nessuno vede e perde importanti occasioni come il finanziamento governativo che altri comuni, vedi Marcon, sono riusciti ad accaparrarsi.”

 

“A Mogliano – conclude Bortolato – serve un governo capace di dare sicurezza ai propri cittadini e capace di togliere la prostituzione dal Terrraglio come si era fatto con la Giunta precedente. Ora abbiamo una grande occasione per cambiare le cose, le votazioni amministrative di fine maggio.”

Prossimamente, in distribuzione, una mappa completa delle reti ciclabili per la promozione della corretta circolazione stradale in bicicletta

 

Il sindaco, Carola Arena, ha aperto ufficialmente la cerimonia in Municipio in occasione della tradizionale festa di San Sebastiano, patrono dei Vigili, facendo il punto in occasione del bilancio annuale dell’attività della Polizia locale.

 

Presenti anche l’assessore alla Sicurezza, Filippo Catuzzato, e il Comandante della Polizia locale, Stefano Forte. È seguita una cerimonia religiosa nella Chiesa di Santa Maria Assunta.

 

“Come Amministrazione abbiamo particolarmente a cuore il temi della Sicurezza e dell’Educazione stradale, della Sicurezza del territorio e videosorveglianza; lo abbiamo dimostrato, con i fatti, in questi anni. Nel 2018,  è continuato, con forza, il nostro impegno per la promozione dell’Educazione stradale nelle scuole. È fondamentale che i nostri ragazzi, cittadini del futuro, crescano con la consapevolezza e la convinzione dell’importanza del rispetto delle norme della strada.

 

In particolare, mi fa piacere ricordare che nel 2018, è stato promosso un progetto innovativo, sempre sulla Sicurezza stradale articolato in vari incontri tenuti dalla Polizia locale che ha coinvolto 5 aziende del territorio per un totale di 130 lavoratori. L’iniziativa ha suscitato molto interesse e, per questo, potrà anche essere potenziata in futuro.

 

Capire il valore della sicurezza stradale significa comprendere che anche le multe, oltre ad essere un elemento sanzionatorio, sono uno strumento per garantire e favorire il rispetto delle norme e per tutelare tutti gli utenti, rendendo la circolazione più sicura.

 

A queste azioni, prossimamente se ne accompagneranno altre. Voglio anticipare che stiamo preparando un mappa che raccoglierà la rete delle piste ciclabili per far conoscere ai cittadini i percorsi esistenti e quelli previsti, per promuovere l’uso della bicicletta, aiutandoli a conoscere e ad adottare un comportamento corretto nella circolazione stradale rispettando le specifiche norme del Codice della strada.

 

La Sicurezza del territorio si articola sotto due profili. Il lavoro della Polizia locale, che ringrazio per l’impegno costante, continua ad essere necessario e importante. Agendo di concerto con le altre forze dell’ordine attive in Città, garantisce un maggiore controllo del territorio e la presenza in loco fa da deterrente rispetto ai comportamenti di malintenzionati.

 

La grandissima collaborazione che il Comandante e tutta la sua squadra hanno sempre garantito con efficienza e costanza in questi anni hanno permesso il pieno raggiungimento di tanti traguardi.

 

Pertanto, a nome di tutta la cittadinanza, rinnovo il ringraziamento per la grande dedizione con cui svolgono quotidianamente il loro lavoro.

 

Inoltre, a supporto del controllo del territorio da parte della Polizia locale, in questi anni, dal 2014 ad oggi, abbiamo investito per l’implementazione del sistema di videosorveglianza”, ha dichiarato il sindaco, Carola Arena.

 

 

La prevenzione è stata realizzata con gli interventi di pattugliamento stradale, con un aumento delle violazioni alle norme accertate nonostante un numero minore di controlli specifici, con i pattugliamenti serali nel corso dei mesi estivi, con il controllo della prostituzione e dei reati legati alla tratta di esseri umani, con la presenza di pattuglie di vigili alla stazione, per controllare il sottopasso, la galleria Palme e le vie Matteotti e Roma, a tutti i mercati settimanali e del venerdì, a tutte le manifestazioni promosse dall’amministrazione.

 

C’è stato, inoltre, un maggiore impegno sulla formazione del personale delle aziende del territorio sulla sicurezza stradale. Nel 2018 il progetto ha coinvolto 130 dipendenti di cinque aziende presso la cui sede la Polizia locale ha svolto lezioni sul codice e sui comportamenti previsti. La Polizia locale ha anche continuato l’attività didattica nelle scuole, con 222 ore di lezione a 1.925 alunni di 80 classi.

Infine ha predisposto il progetto di ampliamento della videosorveglianza per poter accedere ai finanziamenti statali.

 

Per quanto riguarda i verbali per violazioni Codice della Strada, sono stati complessivamente 8.367 (+ 14 % sul 2017), con 16 patenti ritirate, 35 violazioni per mancata copertura assicurativa, 172 violazioni per mancata revisione del veicolo, 3.900 (+30%) violazioni circa per passaggio con semaforo rosso accertate da apposite apparecchiature di controllo, 6 violazioni per guida in stato di ebbrezza, 35 veicoli sottoposti a sequestro amministrativo, 2 veicoli a fermo amministrativo, 70 violazioni rilevate con telelaser ed autovelox, 100 violazioni per transito vietato autocarri, 33 violazioni per utilizzo del cellulare durante la guida, 67 incidenti stradali rilevati con 10 denunce per lesioni personali a seguito di sinistro stradale.

 

Inoltre, a seguito delle altre attività, si sono registrate 33 informative all’Autorità Giudiziaria, 4 abusi edilizi, 113 violazioni ai regolamenti comunali, oltre 1.600 accertamenti per attività anagrafica, informativa e subordinata, oltre 350 autorizzazioni rilasciate (occupazione suolo pubblico, transito autocarri, pubblicità, passi carrai ecc.), identificazione di 112 esercenti attività di meretricio su strada, 222 ore di educazione stradale in scuole di ogni ordine e grado che hanno interessato 80 classi, 1.925 tra bambini e ragazzi.

 

La Polizia locale, che a Mogliano opera con 13 vigili in divisa, ha avuto quasi una segnalazione al giorno, nel 2018, da parte di cittadini. In 62 casi riguardanti i problemi ambientali, negli altri disturbo alla quiete, anomalie sulle strade, incidenti e soste vietate.

 

“La collaborazione con i cittadini è importantissima sia sul fronte della viabilità sia della sicurezza. Una segnalazione tempestiva può, infatti, consentire alla Polizia locale di intervenire immediatamente e spesso raccogliere gli elementi utili a chiarire la dinamica degli eventi e le persone coinvolte, o in alcuni casi a prevenirli, quindi tutti i moglianesi sono invitati a chiamare il comando, nel dubbio che qualcosa non stia andando per il verso giusto”, ha commentato l’assessore alla sicurezza, Filippo Catuzzato.

Sono 1325 i posti auto nei parcheggi del centro di Mogliano a disposizione dei cittadini, a partire dalle ore 14.00 di oggi, lunedì 14 gennaio 2019, con l’inizio ufficiale dell’avvio dei lavori di riqualificazione di Piazza Donatori di Sangue.

 

Rispetto a quelli attuali, sono ben 170 circa i parcheggi aggiuntivi. Più precisamente: 736 liberi, 266 a disco orario, con ulteriori 109 posti auto a regime misto (tra libero e a disco orario) e 214 a pagamento, di cui 144 privati, aperti all’uso pubblico a fianco della stazione.

 

L’elenco nel dettaglio*

 

Parcheggi liberi

via Toti dal Monte (n.74), via Marconi (n.37), via Degli Alpini 40, via Granatieri di Sardegna (n.17), via Pra’ Dei Roveri (n. 226), via Menotti (39), via Trevisanato (50), piazza Trevisanato (45), Parco Piscine (78), via Barbiero (90)

 

Parcheggi liberi solo il lunedì (dalle 7.30 alle 14.30)

via Tavoni (n.40)

 

Parcheggi liberi/a disco orario solo il lunedì mattina (fino alle 15.30)

via Verdi (n.109)

 

Parcheggi a disco orario

via Pia (n.85), via De Gasperi (n.60), piazza Pio X (n.50), parcheggio del cimitero (n.71).

In particolare il parcheggio di fronte al cimitero sarà totalmente disponibile a disco orario di 90 minuti dalle 15.30 alle 20.00 di lunedì, il martedì e giovedì dalle 8.00 alle 20.00 e nelle giornate di mercoledì, venerdì e sabato dalle 15.30 alle 20.00. Sarà invece disponibile per metà superficie (lato via Dalla Chiesa), dalle 8.00 alle 15.30, il mercoledì, venerdì e sabato, perché occupato dal mercato del pesce e degli ortaggi, e totalmente indisponibile il lunedì mattina perché occupato dai banchi del mercato.

 

Parcheggi a pagamento

Metropark (n.144), via IV Novembre (n.70).

 

 

“Il Piano straordinario dei parcheggi è partito alle 14.00 di oggi, in concomitanza con l’apertura dei lavori per la realizzazione della nuova Piazza Donatori di Sangue, che darà presto un’area riqualificata al tradizionale mercato moglianese. Sono disponibili più di 1300 posti, oltre 170 in più oltre agli attuali.

 

Da oggi è anche in distribuzione una mappa che raccoglie i parcheggi disponibili per favorire la conoscenza di tutte le opportunità.

 

Sarà comunque a disposizione la Polizia locale, presente nei giorni di mercato, per fornire eventuali informazioni sulle soluzioni disponibili.

 

Il Comune confida nella collaborazione dei cittadini e si scusa per i possibili disagi. “Stiamo lavorando per riqualificare il Centro storico di Mogliano: un importante obiettivo che la nostra Città aspetta da oltre 40 anni e che con impegno stiamo portando avanti”, commenta il sindaco Carola Arena.

 

 

*i numeri riportati tra parentesi corrispondono ai posti auto disponibili.

Almeno due importanti categorie di moglianesi non sono soddisfatte di questa Amministrazione giunta ormai agli sgoccioli; mi riferisco ai giovani di Officina 31021, che hanno visto disattese le promesse a loro più volte fatte, e di cui il nostro giornale si è più volte occupato, e agli anziani disabili e colpiti da malattie mentali degenerative. Insomma sembra che questa Amministrazione si sia disinteressata del futuro della città, i giovani, e degli ultimi.

 

Quest’ultima categoria di cittadini esprime infatti il proprio disappunto contro l’Amministrazione Arena attraverso le parole di Giuliana Tochet, Presidente dell’associazione Il Pesco, che ha la sua sede presso l’istituto Gris.

 

“Da più di un anno – dice la Tochet – chiedo sia all’amministrazione del Gris che all’Amministrazione comunale, che si fregia di aver fatto molto per l’Alzheimer, di avere degli spazi più adeguati visto il continuo avvicinarsi di persone con malattie mentali degenerative”.

 

“In quattro anni da 6 persone iniziali siamo arrivati a 34 suddivise in cinque giorni alla settimana al mattino e tre pomeriggi, per un laboratorio di socializzazione per persone molto anziane che soffrono di solitudine”.

 

“Tutti i giorni un cospicuo gruppo di volontari accompagna queste persone – prosegue la Tochet – . Il Pesco non è solo Alzheimer, ma ci sono il laboratorio Ricrearti, seguito da Debora Basei, e il laboratorio Bijoux, seguito da Cinzia Schiavon, che intrattengono persone socialmente svantaggiate, anche del Centro di Salute Mentale”.

 

“Ben 12 persone si fermano a pranzo con noi grazie al progetto del Buon Samaritano, che ormai da due anni Il Pesco ha intrapreso con la raccolta del cibo non porzionato nelle scuole che sarebbe destinato ai rifiuti”.

 

“È chiaro che con una media di 40 persone al giorno (tra mattino pranzo e pomeriggio) una sola stanza non può considerarsi igienicamente accettabile. Questo il motivo per cui ho presentato un progetto al Comune di Mogliano per avere degli spazi idonei, ma il silenzio di questa Amministrazione si sta facendo troppo pesante!”

 

“Ho presentato – conclude la Tochet – un progetto di raccolta fondi attraverso il portale del Centro Marca Banca e ho inoltre pensato a una raccolta fondi anche attraverso FB, social molto seguito anche da persone sensibili al progetto dell’associazione. Auspico che qualche persona di cuore ci possa trovare almeno una casa in affitto con una porzione di giardino dove passeggiare con i nostri nonnini”.

Il prossimo 9 novembre si effettuerà l’asta dei beni della SPL, società dichiarata fallita per 6mila euro nel luglio 2016 nel Consiglio comunale.

 

I beni in questione sono ubicati in via Ronzinella Area Sif, dove alloggia la Polizia locale (prezzo 200mila euro), in via Marignana al civico 86/A e nelle scuole Piranesi (prezzo 204mila euro).

 

L’ex assessore della giunta Azzolini e attuale Consigliere di minoranza, Davide Bortolato, dichiara: “La scelta di far fallire la società SPL porta la firma del sindaco Arena. Nel Consiglio comunale del 30 luglio 2016, la maggioranza PD ha votato compatta il fallimento di SPL. L’asta e la conseguente perdita degli immobili è una delle logiche conseguenze di quella scellerata decisone”.

 

“Come gruppo avevamo chiesto la convocazione del Consiglio comunale per presentare formale opposizione alla procedura fallimentare che poteva essere tranquillamente bloccata, essendo SPL una società totalmente partecipata dal Comune. In quell’occasione il Presidente del Consiglio Coluccia convocò di proposito fuori tempo il Consiglio comunale, cioè oltre i termini per fare opposizione al fallimento della società”.

 

“Tutti gli sforzi – conclude Bortolato – della precedente amministrazione Lega Azzolini per salvare gli immobili sono stati vanificati dall’arroganza dell’Arena, interessata più a denigrare l’avversario politico che al bene dei moglianesi”.

Riceviamo e pubblichiamo questa nota del Consigliere comunale della città di Treviso, Riccardo Barbisan, in merito all’assenza dei rappresentanti della Regione Veneto all’inaugurazione della nuova rotonda realizzata a Mogliano

 

«Il 4 ottobre è stata inaugurata la rotonda tra via Zermanesa e via dello Scoutismo a Mogliano. Scopro con molto dispiacere che non c’era nessun rappresentante della Regione Veneto, malgrado la stessa abbia contributo con €165.000, fondamentali per la realizzazione dell’opera. Alla Regione Veneto, di fatto, è stato impedito di partecipare visto che l’invito all’inaugurazione è arrivato solamente 24 ore prima della stessa e il sindaco si è negato al telefono con l’assessore alle Infrastrutture della Regione Veneto. Capisco che ci si avvicini alla campagna elettorale del prossimo maggio e che il PD come partito e come amministrazione moglianese sia in forte difficoltà, ma ciò non giustifica assolutamente questo comportamento assai scorretto tra istituzioni che danneggia in primis i cittadini».

 

Riccardo Barbisan

 

L’Amministrazione Arena ha deciso di installare 30 nuove telecamere di sorveglianza per aumentare la sicurezza.

 

Le telecamere saranno posizionate in specifiche aree come azione di prevenzione e di contrasto ai fenomeni di criminalità ormai diffusi e persistenti. Le nuove 30 telecamere andranno in aggiunta delle 45 già esistenti.

 

Siamo felici che l’Amministrazione Arena abbia deciso di implementare la rete di videosorveglianza sul territorio comunale, accogliendo le innumerevoli richieste fatte in tal senso da tempo da molti Consiglieri.

 

Il Consigliere Davide Bortolato, lista Azzolini Sindaco, a tal proposito precisa: “Peccato che la decisione arrivi fuori tempo massimo ormai a fine mandato per evidenti fini elettorali.”

“Sono ormai quattro anni che dall’opposizione continuiamo a ripetere che serve investire nella sicurezza e in particolare sull’installazione massiccia di telecamere.”

“La maggioranza – conclude Bortolato – ci ha sempre accusato di fare allarmismo e che non servono nuove telecamere. Evidentemente avevamo ragione noi.”

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni