Home / Posts Tagged "Santa Croce"

Martedì pomeriggio gli uomini del Commissariato San Marco, impegnati in un servizio in abiti civili, mirato al contrasto dei reati contro il patrimonio, mentre si trovavano presso il supermercato COOP di Fondamenta Santa Chiara hanno udito le grida di una cassiera che segnalava l’uscita di un giovane con della merce non pagata.

 

I poliziotti sono accorsi verso le casse e, qualificandosi, hanno intimato all’uomo di fermarsi. Questi, al contrario si è dato ad una fuga precipitosa e una volta raggiunto dopo un inseguimento fuori dal negozio, ha opposto resistenza agli Agenti, che lo hanno comunque bloccato dopo una violenta colluttazione.

 

L’autore del furto, un cittadino italiano 26enne con precedenti per reati contro il patrimonio, rapina, resistenza e violenza a pubblico ufficiale, è stato arrestato per rapina. 

 

L’arresto è stato convalidato ed all’esito dell’udienza per direttissima di ieri il giudice ha applicato la misura della custodia cautelare in carcere, disponendo la traduzione dell’arrestato alla Casa Circondariale di Venezia.

Dopo Dorsoduro, San Polo, Santa Croce, San Marco, Cannaregio, Castello e la Giudecca, da martedì 16 aprile è partita anche a Burano e Mazzorbo la raccolta dei rifiuti porta a porta.

 

“Continua la rivoluzione che abbiamo avviato nel 2015 – commenta l’assessore all’Ambiente Massimiliano De Martin – una rivoluzione che ha visto i cittadini rispondere positivamente, a vantaggio di tutta la collettività. Vogliamo rendere la città sempre più pulita, uniformando le modalità di gestione dei rifiuti. È giusto che tutti, residenti o visitatori che siano, abbiano le stesse opportunità, compresi coloro che abitano nelle Isole. Per questo motivo non ci fermeremo qui e a breve introdurremo il porta a porta anche a Murano. La nostra è una politica ambientale che guarda non solo all’igiene pubblica, ma anche a favorire l’aumento del tasso di riciclo degli scarti, in un’ottica di economia circolare. Del resto sono i numeri a darci ragione. Con l’introduzione del porta a porta in centro storico, a fine 2018 le richieste di derattizzazione sono diminuite di quasi un terzo e il tasso di differenziata appare in miglioramento”.

 

Due possibilità: netturbino a domicilio o rifiuti ai punti di raccolta

Il modello di raccolta sarà lo stesso avviato in precedenza nei sestieri del Centro storico. I cittadini potranno aspettare direttamente che il netturbino suoni il campanello di casa tra le 8.30 e le 12 circa (da lunedì a sabato, festivi esclusi) e ritiri i sacchetti con il rifiuto residuo e la differenziata del giorno. In alternativa, potranno conferirli nei punti di raccolta da lunedì a sabato, dalle 6.30 alle 8.30, secondo il seguente calendario: lunedì, mercoledì, venerdì cartone e Tetrapak; martedì, giovedì e sabato vetro, plastica, lattine e metalli; dal lunedì al sabato rifiuto residuo. Le barche di Veritas, dove i cittadini potranno personalmente portare i rifiuti stazioneranno, tra le 6.30 e le 8.30, in Fondamenta Santa Caterina, in Fondamenta dei Squeri e in Fondamenta Pizzo (all’incrocio con rio terà Pizzo).

 

Dopo un periodo iniziale di tolleranza, scatteranno le multe per chi non rispetta le nuove regole, con sanzioni che partiranno da 167 euro. In questi giorni la novità è stata illustrata alla cittadinanza con un pieghevole in italiano e in inglese, con tutte le istruzioni per non incorrere in errori.

 

L’APP Scoasse

Alla campagna di comunicazione messa in atto da Veritas si aggiunge l’APP “Scoasse” che, da quando è entrata in funzione nel maggio scorso, è stata scaricata già da migliaia utenti. L’APP propone due ‘percorsi’ differenziati, uno per i residenti (in italiano) e l’altro per gli ospiti (in inglese). Una volta geolocalizzata la posizione dell’utente, consente anche di visualizzare sulla mappa della città la posizione e gli orari dei punti di raccolta dei rifiuti, quelli di distribuzione dei sacchetti di carta per la differenziata e per la raccolta dell’olio da cucina usato, dell’Ecocentro e dell’Ecomobile, delle fontane, dei bagni pubblici e dei punti di sosta turistici. Tra i servizi offerti anche il calcolo del percorso per raggiungere la meta desiderata, una guida alla differenziata per imparare a smaltire i rifiuti in modo corretto, una mappa dei punti di raccolta sestiere per sestiere e un’opzione di notifica, che ricorda i giorni e gli orari di conferimento di ogni tipologia di rifiuto.

Dalle 11.30 i vigili del fuoco sono impegnati in un incendio scoppiato al secondo piano di uno stabile in sestiere Santa Croce a Venezia: una persona è deceduta due sono rimaste intossicate.

 

Le squadre sono intervenute con due autopompe lagunari e hanno soccorso le due persone all’interno dell’appartamento, che sono state prese in cura dal personale della Suem 118.

 

Niente da fare purtroppo per una terza persona deceduta, come constatato dal personale medico.

 

Un vigile del fuoco è rimasto leggermente ferito nelle prime fasi di soccorso e spegnimento del rogo. Le operazioni di soccorso sono tuttora in atto.

La Giunta comunale ha approvato, su proposta dell’assessore ai Lavori Pubblici Francesca Zaccariotto, il progetto definitivo degli interventi per il conseguimento dell’idoneità statica e l’adeguamento igienico sanitario della scuola primaria Manzoni a Venezia.

 

L’edificio, conosciuto come il Fondaco del Megio, fu eretto intorno al XIII secolo per essere utilizzato come magazzino per il sale e, in seguito, per lo stoccaggio dei cereali. Nel tempo ha subìto grandi rimaneggiamenti fino agli anni ‘20 del Novecento quando, acquisito dal Comune di Venezia, venne trasformato in scuola. Operazione che portò alla completa demolizione della parte interna, mantenendo inalterate solo le murature storiche della facciata lato Canal Grande e sul rio del Megio.

 

“Il progetto redatto da Insula – spiega Zaccariotto – prevede di eseguire, dopo un’attenta indagine sugli elementi strutturali dell’edificio, interventi generalizzati di miglioramento sismico, la verifica dei controsoffitti e la portata dei solai, intervenendo con un loro eventuale consolidamento, la creazione di un giunto strutturale tra il corpo di fabbrica e il vano scala, il ripristino delle fessurazioni con garzature dell’intonaco sui muri non portanti del corpo Nord.

 

Tutti interventi che si realizzeranno nel periodo estivo approfittando dell’interruzione delle lezioni così da non creare disagi all’attività didattica. Inoltre – continua Zaccariotto – si provvederà al restauro del muro storico del lato giardino e a quello di una porzione di copertura mai restaurata prima. Nello specifico si interverrà sulle due falde più alte con rimaneggiamento dei coppi e messa in opera di guaina impermeabilizzante. Lavori per un totale di 750mila euro che andiamo a destinare a una scuola che, pur essendo in condizioni di sicurezza, necessita del certificato di idoneità statica e dell’analisi di vulnerabilità sismica.

 

Da quando ci siamo insediati – conclude l’assessore – il sindaco Luigi Brugnaro ha lavorato per fare in modo che i luoghi dell’istruzione, quali le scuole, della cultura come i musei e dello sport, le palestre e i campi da gioco, venissero dotati di tutte le certificazioni di sicurezza possibili. Un impegno economico e di risorse importante che, purtroppo nel passato si è scelto di rimandare, in deroga alle direttive nazionali. Noi abbiamo detto basta a questa routine e stiamo realizzando i fatti. I cittadini, ma soprattutto le famiglie che portano i figli alla Scuola Manzoni aspettavano questa notizia da anni. La risposta è arrivata”.

Venerdì scorso, 16 febbraio, il gruppo storico “La Grande Guerra” ha effettuato la seconda uscita annuale, dedicata alle azioni della Brigata Lombardia.

 

Prima tappa a Santa Croce, dove è stata deposta una corona al monumento ai Ragazzi del ’99. Poi il gruppo (una quarantina di soci), si è portato lungo la sponda del Piave dove ha visitato i nidi di mitragliatrici, i vari bunker ben conservati e la grotta del Tavaran Grando.

La Grotta è un magnifico fenomeno carsico dovuto all’erosione del fiume; la visita è stata possibile grazie al fatto che il Piave non era in piena e si è limitata alla discesa nel grande androne dove si forma un laghetto. Il successivo cunicolo a sinistra non è stato ancora esplorato interamente.

 

Prima di pranzo, puntata a Casa serena, caposaldo italiano dove si infranse l’urto austriaco nelle prime giornate della Battaglia del Solstizio (15-23 giugno 1918).
Nel pomeriggio interessantissima visita guidata al Castello di Collalto.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni