Home / Posts Tagged "Rotary"

Sarà la fotografa Giorgia Fiorio a ritirare il premio “Donna nelle Professioni” 2019, istituito dal Rotary Club Treviso Terraglio e giunto alla sua XIII edizione.

 

 

La cerimonia si terrà martedì 26 marzo alle ore 20 a Mogliano Veneto presso Villa Braida, dove ha sede il Rotary Club Treviso Terraglio. Fiorio sarà premiata per l’impegno nella ricerca intorno alla figura umana e ai temi profondi dell’esistenza, i sentimenti e la cultura, con riguardo alle diverse forme d’espressione del sacro nelle comunità di tutto il mondo.

 

In cosa consiste il Premio

 

Il Premio Donna nelle Professioni valorizza alle nuove generazioni, le donne impegnate a livello professionale e solidale. In passato sono state premiate: Ilaria Capua, Marina Salamon, Carla Pinarello, Elisabetta Maschio, Elisa Menuzzo, Giuliana Benetton, Maria Pia Zorzi, Francesca Gallo.

 

 

Chi è Giorgia Fiorio

 

 

Giorgia Fiorio, torinese di nascita ma veneziana di adozione, esordì nella musica per poi dedicarsi alla fotografia. Affermatasi sia in Italia che all’estero, da trent’anni ritrae la figura umana interrogandosi sul confine tra realtà e apparenza nella dialettica presenza-visione.

 

 

Dal 1990 al 1999, con il progetto “Uomini” ha sviluppato un lavoro documentario intorno alle comunità chiuse maschili nella società occidentale. Il decennio successivo seguì il progetto “Il Dono”, riguardante la “relazione tra l’Essere e il Sacro” nei più antichi rituali dell’umanità, tanto da ricevere l’alto patrocinio dell’UNESCO.

 

 

Fiorio fondò e diresse (dal 2002 al 2012) il seminario internazionale di fotografia contemporanea Reflexions Masterclass, e dal 2007 al 2015 fu docente all’International Center of Photography di New York. Dal 2013 collabora come Professionista Affiliato dell’Istituto Superiore di Tecnologia, Informazione, Comunicazione e Percezione della Scuola Sant’Anna Pisa.

 

 

Collabora con l’Università Ca’ Foscari di Venezia allo sviluppo del progetto “Humanum, L’archeologia dell’Essere”, guardando all’eredità culturale della figurazione umana nella statuaria arcaica nella percezione del nostro tempo.

 

 

Nell’ambito dello stesso progetto, il dispositivo museografico La Dama Warka e l’Archeologia dei Significati presentato all’Iraq Museum di Baghdad da dicembre 2017 a maggio 2018, ha ricevuto il Patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO nel 2016, il Patrocinio del Ministero di Beni e delle Attività Culturali e del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale nel 2017.

Il bando e i moduli per le candidature – da presentare entro il 31 marzo 2019 – sono già scaricabili dal sito www.rotary2060.org

 

Un riconoscimento alla professionalità ma anche alla moralità di chi opera nella provincia di Venezia o nell’ambito della Città Metropolitana di Venezia: è questo, in sintesi “Virtuosi 2019: Premio Rotary per le Eccellenze al servizio della Comunità”, che sarà presentato venerdì 15 febbraio (alle 12) all’M9 Museo del Novecento di Mestre.

 

È la nuova iniziativa dei club Rotary di Venezia, Venezia Mestre Torre, Venezia Noale Dei Tempesta, Venezia Riviera del Brenta, Chioggia, Caorle, Portogruaro, S. Donà di Piave, Jesolo e l’Eclub (l’innovativa formula rotariana di affiliazioni e riunioni online, i cui soci possono risiedere in qualunque Paese del mondo). Dieci Club Rotary, tutti appartenenti al Distretto 2060 (che riunisce gli 89 Club triveneti), che hanno unito le forze – sostenuti anche dal Distretto stesso – per assegnare un pubblico riconoscimento a chi, con il proprio impegno nell’attività professionale e/o imprenditoriale a servizio della società civile, costituisce un vero esempio dei valori etici promossi dal Rotary International. Il premio sarà, infatti, conferito a chi – non rotariano né legato da vincoli di parentela a un socio Rotary – sarà segnalato dalla comunità e considerato meritevole per competenza e rigore morale a servizio della comunità stessa.

 

Riccardo De Paola, Governatore del Distretto Rotary 2060 che venerdì 15 febbraio presenterà l’iniziativa accanto ai presidenti dei Club veneziani coinvolti, afferma: “Il Rotary è prima di tutto impegno morale e oltre un milione di rotariani in tutto il mondo sono variamente impegnati in moltissimi progetti, che noi definiamo ‘service’, che pur se molto diversi tra loro sono tutti legati dal comune denominatore del “servire al di sopra di ogni interesse personale”. Ce lo ha insegnato il nostro fondatore, Paul Harris, definendo il Rotary un “modello di vita che cerca di conciliare l’eterno conflitto tra il legittimo desiderio del proprio guadagno e il dovere di usarlo al servizio della comunità”. Ed è un modello di vita che siamo impegnati non solo a seguire ma anche a promuovere e a diffondere, convinti che esista una sorta di contagiosità dell’agire rotariano. Per questo sono particolarmente orgoglioso dell’iniziativa promossa dai club veneziani, che vogliono in questo modo evidenziare l’impegno dei professionisti che hanno scelto di andare, come noi, in direzione contraria alla crisi di valori che affligge il nostro Paese e il mondo intero. Ma anche sollecitare la comunità a riconoscerli e a segnalarli e, non da ultimo, a imitarli”.

 

Ulteriori informazioni verranno fornite durante l’appuntamento all’M9 di Mestre, aperto alla cittadinanza e al quale sono invitati i giornalisti interessati.

 

Iniziativa del Rotary col patrocinio del Comune il 12 giugno a Villa Condulmer

 

Lo sport è la metafora della vita: ti insegna a compiere sacrifi­ci, a credere in ideali, a lottare per qualcosa, a rialzarti dopo una caduta.

 

Le storie di campioni, come di atleti qualsiasi, specie se paratleti, sono spesso paradigma di come andrebbe affrontata la quotidianità.

 

Per questo il Rotary Club Treviso Terraglio di Mogliano Veneto, col patrocinio del Comune, assessorato allo sport, ha chiesto a due atleti di successo del nostro territorio di raccontarsi nel corso di una serata aperta a tutti, che si svolgerà a Villa Condulmer, martedì 12 giugno alle 20.00 (ore 20.00: aperitivo a bu­et – costo €15,00 su prenotazione; ore 20.45: ingresso libero e presentazione degli atleti, con saluto per l’Amministrazione Comunale dell’assessore Oscar Mancini).

 

A raccontarsi, presentati da Valter Durigon, formatore di educazione fisica, ci saranno Andrea Cipressa, olimpionico medaglia d’oro nel fioretto a squadre (con Stefano Cerioni, Mauro Numa e Angelo Scuri) ai giochi olimpici di Los Angeles 1984, ora CT Nazionale Italiana Fioretto Medaglia d’oro Olimpica a squadre, e Fabrizio Pescatori, Medaglia d’oro ai Mondiali di Nuoto Acque libere

 

Previsto anche l’intervento del neo presidente del rugby Mogliano, Maurizio Piccin.

 

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni