Home / Posts Tagged "Rari Nantes"

Continuiamo con la pubblicazione a puntate del libro scritto dal nostro concittadino, Nuccio Sapuppo. In questa raccolta l’autore ha voluto raccontare – in forma di monografie – luoghi, avvenimenti e personaggi figli di Mogliano che si sono distinti per le opere che hanno compiuto nella loro vita

 

Anche le piscine sono di una utilità unica a disposizione di un agglomerato cittadino. Hanno la doppia unzione di occupazione del tempo libero ma anche per chi ne ha bisogno possono servire da vera e propria palestra di allenamento oltre che terapeutico per chi ha problemi di deambulazione.

 

Purtroppo la situazione delle piscine a Mogliano non è tra le miglior Dopo la scadenza del contratto di comodato tra la società che la gestiva ed Dopo la scadenza del contratto di comodato tra la società che la gestiva ed il Comune, la Rari Nantes è stata lasciata in uno stato di abbandono totale ed è diventata preda di vandali.

 

 

L’ex piscina comunale “Rari Nantes”

di via Barbiero

 

È proprio il caso di dire… c’era una volta una meravigliosa piscina a Mogliano, ove durante i suoi quarant’anni di attività migliaia di ragazzi di tutte le età hanno imparato a nuotare e dove per intero la popolazione di Mogliano, chi più e chi meno, ha trascorso ore di confortevole relax nelle sue acque. Tralasciando poi di considerare la folta schiera di giovani nuotatori di professione che hanno mosso le prime bracciate nelle acque della Piscina Rari Nantes di Mogliano. Oggi purtroppo è totalmente devastata dall’abbandono ed atti di vandalismo.
La struttura risale agli anni ’80 del secolo scorso ed era stata realizzata dal Cav. Ceolin su un terreno avuto in concessione dal Comune di Mogliano Veneto e dopo quasi quarant’anni di indefessa attività frenetica e i danni subiti dal guasto delle tubature, avrebbe necessitato di onerose opere di ristrutturazione. Ma nel frattempo è scaduto il termine della concessione da parte della Società proprietaria nei riguardi dell’Amministrazione Comunale di Mogliano, la quale di conseguenza si è rifiutata di affrontare le spese per riparare la struttura e renderla funzionante per poi restituirla. Quindi purtroppo oggi tutto l’impianto sta soffrendo dell’abbandono e dell’incuria totale ed è in balia del degrado assoluto e soprattutto di azioni di vandalismo da parte di gentaglia che dimostrano di non avere rispetto per le cose non proprie.
Un vero peccato perché l’utilità sociale della piscina era notevole per i cittadini di Mogliano.

 

 

La piscina My Energy

di Via Torni

 

Dopo un lungo periodo, durato ben due anni, di sosta per lavori di sistemazione al tetto e ristrutturazione generale, ha ripreso la sua attività la piscina di via Torni, in fianco all’Istituto Gris. La lieta notizia ha risollevato i cittadini di Mogliano appassionati di nuoto, colmando la delusione avvertita per la cessata attività della Piscina Rari Nantes di via Barbiero. La nuova piscina, rimasto ormai l’unico impianto natatorio di Mogliano, completa l’offerta della palestra Teen Eleven Fitness Club che se ne è aggiudicata la gestione. Il nuovo programma prevede parecchi nuovi corsi, anche riabilitativi con una particolarissima attenzione ai bambini.

Alessandro Polo, candidato nella lista Piazza Civica  invia al giornale le seguenti considerazioni sul degrado che ha colpito la piscina di Mogliano ormai chiusa da tempo.

 

C’era una volta… la Piscina Comunale Rari Nantes di via Barbiero!

 

 

Piazza Civica vuole segnalare il degrado in cui versa la piscina comunale di via Barbiero, una situazione non più tollerabile! Ormai sono diversi anni che la struttura risulta chiusa e preda di vandali, con rimpalli di responsabilità sulle manutenzioni, sfociate in una recente sentenza del TAR, che ha ritenuto il Comune responsabile della mancata messa in sicurezza dell’impianto sportivo. Dopo oltre 3 anni nulla si è mosso… e il degrado aumenta!

 

 

Stefano Bison, candidato di Piazza Civica: “Moltissimi moglianesi hanno nuotato in quella piscina, e in tanti hanno imparato a nuotare lì, il sottoscritto compreso. Vogliamo recuperare lo splendore della piscina di quegli anni, ma con una struttura migliore, più funzionale, moderna e con un’edilizia sostenibile ed efficiente dal punto di vista energetico. Sappiamo per certo che ci sono imprenditori che hanno voglia di investire in questa sfida. Basta la volontà politica!”

Mogliano è da sempre madre di campioni sportivi, molti sono stati i giovani concittadini che si sono distinti nelle varie discipline dello sport. Ultima ma non ultima ricordiamo la fantastica Bebe Vio.

 

 

Oggi nella nostra città è nata una stella del nuoto, si tratta della giovanissima Giorgia Gosetto, classe 2005, che milita nella Rari Nantes Venezia e che già tante medaglie ha conquistato.

 

 

La giovanissima Giorgia il 1° aprile a Riccione ha conquistato la medaglia di bronzo ai Campionati Italiani di fondo indoor sulla distanza dei 3.000 metri. Ma non basta, perché Giorgia Gosetto, moglianese doc, ha vinto a Treviso a febbraio il titolo regionale nei campionati regionali in vasca corta sulla distanza degli 800 metri stile libero.

 

 

Brava Giorgia, ti vogliamo vedere alle Olimpiadi!

Il Tar del Veneto ha accolto il ricorso della Rari Nantes, che ha gestito le piscine fino al 2015. Due anni fa, con una ordinanza il Comune obbligava la società sportiva a provvedere alla messa in sicurezza degli impianti con un gravoso esborso.

 

A questo la Rari Nantes si è opposta ricorrendo al Tar, che ora ha emesso sentenza a suo favore, obbligando di fatto il Comune a provvedere alla messa in sicurezza degli impianti, riconoscendone la responsabilità per lo stato di degrado del luogo.

 

Il candidato sindaco della Lega, Davide Bortolato, così commenta: “L’incompetenza del sindaco Arena continua a provocare danni alla città e alle cose del Comune. Non siamo solo noi dell’opposizione a dirlo, ma ora anche i giudici ci danno ragione e condannano l’operato dell’attuale Amministrazione.”

 

“Ciò che si vede di bello in città è il frutto di progetti e accordi del passato, ma quando Arena parte da zero o deve rapportarsi con gli operatori, fa solo danni. Questo contro la Rari Nantes è l’emblema degli scontri ingaggiati dal sindaco con conseguenze pesantissime per la città sia a livello economico sia a livello sociale. Siamo senza piscina da quattro anni.”

 

“La sentenza del Tribunale – conclude Bortolato – attribuisce all’Amministrazione Arena la grave responsabilità di aver lasciato in balia dei vandali le piscine con le conseguenti prevedibili devastazioni.”

 

Anche l’ex sindaco Giovanni Azzolini entra a gamba tesa nell’argomento: “Con il blitz fatto avevamo denunciato lo scandaloso degrado in cui era abbandonata la piscina comunale, che fu un orgoglio della nostra comunità. Il sindaco deve curare i beni pubblici come un buon padre di famiglia, invece la Arena non ha alcuna cura per la nostra città.”

 

“Le sue idee strampalate nuocciono a tutti. Lasciai la città con una piscina comunale funzionante. La Arena con un bando surreale provò a sollecitare l’intervento dei privati lasciando loro carta bianca, addirittura la possibilità di edificare nel parco, ma nessun privato rispose, lasciando le piscine al degrado.”

 

“L’Assessore Catuzzato all’indomani del nostro blitz disse di avere una soluzione imminente. – prosegue Azzolini –  Poi non fece nulla, accusando con arroganza i vecchi gestori, ma la piscina è comunale ed è il Comune ad avere l’obbligo di mantenere le cose pubbliche.”

 

Ormai l’arroganza della Arena ci ha abituato a questo, pensa di avere sempre ragione ed è smentita dalla Magistratura. Nel caso Cadoro, ex area Macevi, ha dovuto cedere ai privati perché il Tribunale ha dato loro ragione. Così è stato nella causa contro gli amministratori di SPL, persa dal Comune. Oggi nuovamente una sua ordinanza viene cassata dal Tar.”

 

“Purtroppo tutti questi conflitti persi – conclude Azzolini – hanno fatto perdere tempo e danari alla città e intanto il degrado della zona piscine aumenta. Ciò che il Tar certifica è l’incapacità politica del sindaco Arena a governare la città. Le sole cose buone fatte che i cittadini vedono sono esclusivamente merito nostro, come la via Zermanesa, ma di questo non ci accusa.”

 

 

Ph: Biasin Photography

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni