Home / Posts Tagged "prezzo"

Con “Io sono Comico” arriva la travolgente simpatia di Teresa Mannino: oggi, martedì 27, e domani, mercoledì 28 marzo, alle ore 21.00, l’artista siciliana porta in scena in doppia replica al Teatro Toniolo di Mestre il suo nuovo spettacolo Sento la Terra girare.

 

Dopo 154 date in tutta Italia con Sono nata il ventitré, Teresa Mannino torna in teatro con un lavoro ancora una volta ispirato dalla sua amata Sicilia, intelligente, ironico, stralunato.

Le sue storie attraversano tutta l’Italia, per accendere un sorriso, far riflettere, scatenare risate a non finire.

 

“Io sono Comico” 2017-2018 è promosso da Direzione Attività Culturali del Comune di Venezia, in collaborazione con DalVivo Eventi srl.

 

“Vivo chiusa in un armadio, per mesi, anni. Un giorno decido di uscire, apro le ante e un piccolo raggio di luce artificiale mi acceca, esco e provo ad aprire gli occhi, li apro e leggo che il principe Harry si sta sposando e che l’asse della terra si sta spostando. Mi butto stranamente sulla notizia meno glamour. Com’è possibile che l’asse terrestre stia variando? Finché sparisce la primavera, cambiano le stagioni, ma l’asse della Terra… Pare che, a causa dello scioglimento dei ghiacci, i Poli diventino più leggeri e l’asse si sposti. Come quando, al parco, il compagno strafottente che hai di fronte scende all’improvviso dal dondolo e ti fa cadere giù. Bastardo! Leggo che le cose stanno cambiando in modo radicale e velocissimo, gli animali si estinguono a un ritmo allarmante, come quando sono spariti i dinosauri 66 milioni di anni fa. Nel mare ci sono più bottiglie di plastica che pesci, sulle spiagge più tamarri che paguri. Leggo che non c’è più acqua da bere e aria da respirare. Cose di pazzi! Ma la prova che qualcosa di epocale sta accadendo arriva quando vedo la pubblicità del filo interdentale per cani. Segno certo che stiamo per estinguerci al ritmo di zumba! Ma si parla sempre d’altro, di posteggi per mamme etero, di tablet a scuola, di ascolti televisivi, di fake news, di bonus bebè. Fuori dall’armadio scopro che il mondo va a rotoli, rotoli di carta igienica. Allora, cerco delle strategie: non uso più rotoli, di nessun tipo, chiudo l’acqua mentre mi insapono, tengo spente le luci dell’albero di Natale, vendo la macchina e faccio l’orto sul balcone. Ma ciò non migliora la situazione del pianeta e in più mi sono complicata la vita. La strategia deve essere un’altra. Decido di richiudermi nell’armadio, ma l’armadio non è più lo stesso, dentro quell’armadio sento la Terra girare”

Teresa Mannino

 

Biglietti: platea € 30,00 + d.p. – galleria € 25,00 + d.p.

Prevendita:
Biglietteria Teatro Toniolo, piazzetta Cesare Battisti, Mestre, aperta dalle 11.00 alle 12.30 e dalle 17.00 alle 19.30. Chiusa il lunedì.

Tel. 041 971666

 

CIRCUITO VIVATICKET
www.vivaticket.it
vendita telefonica tel. 899666805

 

INFO
www.culturavenezia.it/toniolo

Una chitarra e una voce maschile un ukulele e una voce femminile, la musica di Ilaria Graziano e Francesco Forni è un originale mix di blues, folk, country, tango argentino, canzoni napoletane e dolce vita, cantato in inglese, francese, spagnolo e italiano, un affascinante viaggio attraverso Napoli, Messico e Texas. Il loro concerto è uno spettacolo difficile da dimenticare, un continuo scambio tra il suono caldo e avvolgente della chitarra e voce di Francesco, la strepitosa vocalità di Ilaria, che sembra venire da un altro tempo e spazio e due Stomp Box a segnare il battito cardiaco dei loro brani.

 

Ilaria Graziano e Francesco Forni hanno all’attivo tre dischi. “From Bedlam to Lenane” vince il premio MarteAwards2012 come “miglior disco”. Alcuni brani diventano parte delle colonne sonore di film di successo: “La Strada” e “On Y Va” de “L’arte della felicità” di Alessandro Rak (premiato da numerosi riconoscimenti internazionali, il più recente l’European Film Awards), “Mad Tom Of Bedlam” della commedia sentimentale “Maldamore”. Il 5 dicembre 2013 esce il secondo album, “Come 2 Me”, che viene accolto molto positivamente dalla critica. Undici brani originali, dedicati all’amore, la guerra, la morte, il mondo di sogni, il viaggio: sembrano venire direttamente da un immaginario legato ai romanzi di pirati, ai western e ai blues rurali.

 

“Twinkle Twinkle” è il loro terzo disco, a tre anni di distanza dal precedente, scritto e concepito in tour. E non poteva essere altrimenti visto che negli ultimi due anni sono stati in giro per il mondo, da Budapest a Praga, da Londra a Montréal, da Ginevra a Bruxelles, con più di 70 date in Francia e un tour con lo spettacolo “Angelicamente Anarchici” di e con Michele Riondino. Le nuove canzoni  e gli arrangiamenti, sempre essenziali e minimali, ma con una gamma di suoni e di scenari più varia, prendono ispirazione direttamente dalla strada percorsa, rispecchiando la corrispondenza tra il tempo che stavano vivendo e l’universo emotivo che stava guidando le loro scelte, parlando di emozioni vive.
Il titolo riporta a una semplice ma eterna melodia e rappresenta quella particolare scintilla, diversa per ognuno, quella stella che brilla nella notte e che indica una direzione in ogni condizione di offuscamento, di confusione, di tenebra. Anche l’immagine del disco rispecchia questo movimento, non una posa, ma una sospensione, qualcosa che richiama al buio e alla luce presente in esso, che rappresenta il loro viaggio emotivo e il loro stato d’animo, aprendo uno spiraglio, una fessura da cui poter guardare dentro quei piccoli e sottili attimi di intimità…

 

I concerti più importanti: Sziget Festival, il Müpa Theatre Budapest e l’Utcazene Festival in Ungheria, il Sunset e La Bellevilloise e Le Divan du Monde di Parigi, Sponz Fest, Concert Marche (CZ), lo Slaughtered Lamb e il Campfire Fest di Londra, L’Epicentre e il Senes du Chapiteau in Svizzera, il Folk Mediatone di Lyone, il Mundial Montréal e Le Ballatou in Canada, Le chien à Plume di Langres, Musicastrada Festival

 

 

Informazioni utili:

Ingresso: intero euro 10 – ridotto euro 7 – ridotto speciale per i giovani fino a 29 anni (posti limitati) euro 3

https://www.facebook.com/francesco.ilaria/

http://www.ilariagrazianofrancescoforni.com/

https://www.youtube.com/user/ForniGraziano

www.culturavenezia.it/candiani

Smith & Wesson non è il nome di una pistola, ma quello di una coppia sgangherata: Tom Smith (interpretato da Natalino Balasso), meteorologo e Jerry Wesson (interpretato da Fausto Russo Alesi), pescatore. In un Far West popolato da truffatori e falliti, i due vengono avvicinati da una giornalista alla caccia di una storia memorabile, Rachel (interpretata da Camilla Nigro).

 

“Ci aspettiamo tutti qualcosa dalla vita, ma non abbiamo concluso niente”: è questa la frase, tratta dal copione, che racchiude l’essenza della piéce teatrale scritta da Alessandro Barrico e interpretata da Natalino Balasso, Fausto Russo Alesi, Camilla Nigro e Mariella Fabbris.

 

La scena è ambientata nel 1902, vicino alle cascate del Niagara, dove il contrasto tra il sublime della natura e la meschinità delle miserie assume toni chiarificatori anche per il meno introspettivo degli spettatori. A rafforzare questo sentimento è la scenografia carica di simbolismi: c’è un grande telo di plastica a simboleggiare la grandezza delle cascate e una gabbia metallica che diventa il contenitore della condizione umana.

 

Lo stile letterario inconfondibile di Alessandro Barrico, che racconta storie profonde e drammaticamente disarmanti, riuscendo a strappare anche delle risate tra il pubblico, assieme alla bravura degli attori, rendono lo spettacolo divertente, mai noioso e ricco di temi di riflessione e piacevole sorprese.

 

Il teatro in questo spettacolo recupera la funziona pedagogica e introspettiva, senza cadere nella pesantezza intellettuale. Smith & Wesson riunisce un gruppo di artisti che hanno fatto delle relazioni e del loro sviluppo nel tempo un’autentica cifra stilistica. Alessandro Baricco e Gabriele Vacis da vent’anni condividono esperienze importanti: dalla Scuola Holden a progetti culturali, spettacoli, reading. Natalino Balasso è stato protagonista in diversi spettacoli di Gabriele Vacis (Libera Nos a Malo, Rusteghi, entrambi produzioni dello Stabile).

 

Lo spettacolo andrà in scena domani, mercoledì 21 marzo, alle ore 19.30, e dopodomani, giovedì 22 marzo, alle ore 21, al Teatro Toniolo di Mestre.

 

PREVENDITA BIGLIETTI:

Biglietteria Teatro Toniolo, p.tta Battisti, Mestre (11.00-12.30 e 17.00-19.30, chiusa il lunedì)

Tel. 041 971666

 

VENDITA ON LINE

www.vivaticket.it

 

INFO

www.culturavenezia.it/toniolo

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni