Home / Posts Tagged "musica"

Una cantante veneziana (la raffinata Piera Acone), stimata insegnante di conservatorio, dedita alla contaminazione dei generi musicali; un chitarrista blues (il creativo Roberto Dei Rossi) e un apprezzato organista jazz (Matteo Alfonso), costantemente alla ricerca del piacere che i suoni possono dare. Così nascono i Blazz, trio che sfrutta le naturali e collaudate connessioni trasversali tra blues, rhythm & blues (early r&b), soul e jazz. Propongo Aretha Franklin, Duke Ellington, Robben Ford, Garth Webber, Macy Gray, Brownstone, Etta James e molti altri in un’inedita versione.
Il trio si esibirà mercoledì 12 luglio alle 21 sulla terrazza dell’Hotel Carlton On The Grand Canal di Venezia per la maratona di musica e solidarietà Women for Freedom in Jazz.
L’ingresso è libero con consumazione obbligatoria.
“Women for Freedom In jazz” fa parte della rete di eventi del Comune di Venezia “Le Città in Festa”.

Informazioni e prenotazioni

Hotel Carlton On The Grand Canal
Santa Croce, 578 – 30135 Venezia
tel. 041.2752200 – [email protected]carltongrandcanal.com
www.carltongrandcanal.com

Domenica 21 luglio 2019 alle ore 20.45, nella Barchessa di Villa Condulmer, si terrà il concerto del Trio Veneto, che vedrà Enzo Ligresti al violino, Marco Dalsass al violoncello e Gabriele Maria Vianello Mirabello al pianoforte.

Ingresso 10 euro.

 

Musiche in programma

Bedrich Smetana: piano trio op.15 in sol minore.
Dimitri Shostakovich: piano trio n.2 op.67 in mi minore.

 

Terminato nel 1855, il piano trio op.15 in sol minore di Smetana, dall’andamento appassionato e rapsodico, esprime con immediatezza sentimenti di dolore, di rimpianto, alternati a motivi che talora indulgono tra malinconia e visioni fantastiche; si nota un certo entusiasmo verso le ardite innovazioni di Berlioz.
Tutti e tre i movimenti in cui il Trio è articolato, hanno come idea comune la scala cromatica discendente, emblematica espressione del dolore dai tempi del barocco.

 

La musica da camera di Shostakovich si sta rivelando in questi ultimi anni come la parte della sua opera di più alta qualità musicale e soprattutto di maggiore profondità e potenza spirituale. Il Trio per violino, violoncello e pianoforte n. 2 op. 67 venne composto da Sostakovic nel 1944, con dedica alla memoria di Ivan Sollertinskij, uomo di cultura e critico musicale suo grande amico. È una pagina drammatica e tesa, nella quale si alternano momenti di intenso lirismo a episodi scherzosi, al limite del grottesco.

Grande spazio alla musica e agli spettacoli di cabaret, danza, e acrobati sui due palchi di Restival 2019. Il festival della Restera di Casale sul Sile giunto alla sua quarta edizione.

 

La formula consolidata verrà ulteriormente ampliata: cinque serate di intrattenimento, da mercoledì 24 a domenica 28 luglio, in un’area che quest’anno raggiungerà la quota di 6.000 metri quadrati.

 

Due i palchi dove si esibiranno artisti dall’Italia e dal mondo: il “River stage” sul porticciolo e il “Tower stage” vicino alla Torre dei Carraresi. Quest’anno l’area food raddoppia ne “Le piazze del gusto” con 10 chioschi gestiti dai bar e ristoratori del territorio, con un’offerta che va dallo street food alla cucina etnica, dalla cucina tradizionale a quella vegetariana fino al gelato.

 

Via Mercato e Mestieri” è invece il percorso tra più di 50 stand di negozianti e artigiani, un vero e proprio mercatino ricco di specialità e curiosità. E anche quest’anno il festival della Restera pensa anche ai più piccoli, con l’area “Kid Play Arena” che oltre ai classici gonfiabili, sarà teatro di laboratori dove imparare e sperimentare in totale sicurezza.

Artisti italiani e internazionali animeranno la rassegna di eventi 

Si parte mercoledì 24 luglio con una serata inaugurale che vedrà alternarsi la grande musica e il cabaret d’autore. Dalla comicità del cabarettista toscano Paolo Migoneuna delle colonne del popolarissimo Zelig, a uno spettacolare tributo ai Queen e a Freddie Mercury con il gruppo internazionale dei QueenMania. Per concludere con il power-blues degli Zee Zee, progetto musicale nato nel 2017 dall’incontro fra il batterista Ale Rello e la cantante Miryam Magrini.

 

Si prosegue giovedì 25 luglio con i ritmi tipici dell’America Latina e le sonorità gipsy dell’Europa degli argentini Orquesta Informal, e i Rezophonic, supergruppo nato per sostenere le attività svolte in Kenya dall’organizzazione sanitaria no profit AMREF Italia, che coinvolge alcuni tra i migliori interpreti del panorama musicale italiano e internazionale.

 

Ancora cabaret venerdì 26 luglio con Cristiano Militello, voce del TG satirico Striscia La Notizia e conduttore radiofonico per R101, la world music con le percussioni e le incredibili coreografie degli Psycodrummers. A seguire, il sound rock, latin, blues con influenze messicane de El Cuento de la Chica y la Tequila.

 

La serata di sabato 27 luglio sarà animata dall’omaggio a Lucio Battisti di Sasha Torrisi, già cantante dei Timoria e vincitore di due dischi d’oro e uno di platino, e dal migliore reggae nostrano con i Pitura Stail e Sir Oliver Skardy, frontman dei Pitura Freska.

 

 

Novità di quest’anno: domenica dedicata agli artisti di strada

Chiusura in bellezza domenica 28 luglio con la raffinata ricerca musicale dei Magical Mystery intorno ai più celebri successi dei Beatles, le nuove sonorità dei Modo Diverso, e lo spettacolare incontro di danza e acrobazie ad altezze vertiginose dei Vertical Waves Project.

Novità di Restival 2019 è la “Sunday Street Life”, l’appuntamento dedicato agli artisti di strada. Domenica a partire dalle ore 16.00 fino a sera, nelle tante aree del festival si esibiranno giocolieri, acrobati, saltimbanchi e gruppi di danza.

 

Tutte le serate saranno introdotte da Dj Giorgio Sany.

Come recita lo slogan delle ultime edizioni, dunque, #vietatoannoiarsi!

 

Uno degli appuntamenti più attesi del territorio

“Restival è ormai un appuntamento consolidato – spiegano gli organizzatori – un punto di riferimento per tutta l’area a cavallo tra la provincia di Treviso e la Città Metropolitana di Venezia con una grande varietà di proposte artistiche: dalla musica al cabaret, fino alla danza e, novità di quest’anno, alla Street Performance. Una manifestazione con un programma sempre più ricco che possiamo offrire al pubblico grazie al contributo di sponsor che operano a livello nazionale e al sostegno di molte attività profondamente radicate nel nostro territorio”.

Restival apre al pubblico alle 18.30 e gli spettacoli sui due palchi inizieranno sempre alle 21.15. Per seguire tutto il programma: basta consultare il sito o la pagina Facebook.

Il festival gode del patrocinio del Comune di Casale sul Sile.

Oltre ventimila presenze nei tre giorni di evento, quasi cento band live. La “data zero” per il festival a Mestre ha messo in mostra una macchina organizzativa eccezionale: area in totale sicurezza, mobilità e parcheggi hanno funzionato al meglio, fan scatenati persino sotto la pioggia.

 

Decine di migliaia di giovani e famiglie, un parco verde bellissimo, tanta musica sotto il sole e pure sotto la pioggia. Si è appena conclusa la “data zero” di Home Festival Venice a San Giuliano, il parco urbano più grande d’Europa affacciato sulla Laguna di Venezia. Un evento atteso, un festival di tre giorni che ha portato la grande musica di nuovo a Venezia come non accadeva da anni. Per gli organizzatori di Home Festival un’ulteriore evoluzione, che vede il ritorno della grande musica in un’area ideale per i live internazionali.

 

L’edizione segna l’avvio di un progetto decennale che vedrà impegnati gli organizzatori di Home, il Comune di Venezia ed il suo braccio operativo VeLa SpA nello sviluppo dell’evento sia in termini artistici sia a livello di logistica e di integrazione con il territorio metropolitano. Il tutto grazie agli interventi in corso di realizzazione al Parco San Giuliano, che hanno gettato le basi per rendere disponibile un’area attrezzata per ospitare i grandi eventi internazionali.

 

Le attese erano altissime e per questo la macchina organizzativa si è mossa al massimo della sua capacità in termini di allestimenti e strutture con oltre cinquecento persone dello staff impegnate quotidianamente nella tre giorni di festival. Un ruolo fondamentale nel successo di questa edizione zero di Home Venice Festival a San Giuliano, che arrivava da nove anni di esperienza a Treviso, è da attribuire alla risposta delle istituzioni cittadine che hanno fornito la massima disponibilità per la buona riuscita della manifestazione: parcheggi gratuiti, navette, mezzi pubblici potenziati per avvicinarsi all’area; agenti della Polizia locale e delle Forze dell’ordine schierati per permettere alle persone di vivere il festival in maniera ottimale e per garantire la sicurezza.

Oltre cento artisti per oltre trenta ore di musica ininterrotte

Il resto è il racconto di tre giorni che resteranno a lungo nella memoria di chi li ha vissuti. La grande musica di Editors, Lp, Paul Kalkbrenner, Young Thug, Bloc Party (solo per citare alcuni tra gli oltre cento artisti che si sono esibiti) ha accompagnato giornate intere di divertimento, coi cancelli aperti dal primo pomeriggio fino a notte fonda per oltre trenta ore di musica ininterrotta su quattro palchi diversi per ogni genere e gusto musicale.

 

L’anima internazionale di Home Venice Festival ha sconfitto anche il maltempo, reggendo il confronto con l’improvvisa bomba d’acqua che ha colpito l’area sabato: i fan delle band sono tornati sotto al palco a ballare mentre un arcobaleno meraviglioso si stagliava su Venezia. Così, per un intero fine settimana a San Giuliano hanno vissuto gomito a gomito ragazzi e adulti di ogni provenienza geografica e cultura. Significativi i flussi dall’estero, in molti hanno scelto di vivere un week end a Venezia e Mestre grazie a Home: si segnalano spettatori provenienti da Australia, Estonia, Russia, Finlandia, Cina, Scozia e Inghilterra che appositamente hanno raggiunto San Giuliano per partecipare al festival.

 

Il San Giuliano si prepara al progetto decennale

Conclusa questa edizione, adesso è l’ora di guardare al futuro. L’organizzazione sta già lavorando in sintonia con l’amministrazione comunale per programmare l’edizione 2020 di Home Festival Venice. La via per portare la musica ed il pubblico delle grandi occasioni a San Giuliano è tracciata. Venezia, con questo evento, è tornata dopo molti anni a parlare il linguaggio delle moderne capitali mondiali, dimostrando di potersi affermare nei prossimi anni come una delle realtà metropolitane più attrattive in fatto di cultura giovanile. La “casa” ha aperto le sue porte a tutti a due passi dalla laguna di Venezia, e chi l’ha visitata l’ha fatto consapevole di aver vissuto un’esperienza da ricordare. L’Home Festival Venice chiude il primo capitolo e rilancia, consapevole che sempre più giovani e da tutto il mondo vorranno vivere un’esperienza “once in a lifetime”.

Visto il grande successo dell’edizione 2018, non poteva mancare anche quest’anno la nuova edizione di ORIENTE in via Verdi. Una grande occasione per vivere la città in modo diverso respirando echi e sapori di culture orientali.

 

La manifestazione viene organizzata dal gruppo Via Verdi Viva in collaborazione con il Comune di Venezia – Le Città in Festa, in continuità con le iniziative realizzate nel corso dell’anno nell’area pedonale di via Verdi. Si intende infatti proseguire con la linea di incentivare la partecipazione delle persone portando gli eventi nelle vie cittadine.

 

All’obiettivo della convivialità e dell’animazione di una sera mestrina si aggiunge quello del confronto culturale tra popoli diversi, confronto che avverrà attraverso manifestazioni artistiche tradizionali. Abbiamo infatti coinvolto altre realtà mestrine legate alle culture orientali.

 

Ricchissimo il programma, dalle dimostrazioni di Tai Chi con Taiji Quan “La scuola di Sana”, Falun Dafa, antica pratica di meditazione di scuola buddhista, a cura della omonima associazione, Wing Chun, alla possibilità di conoscere il Kundalini Yoga, dalle musiche e danze popolari cinesi nei tradizionali costumi all’incontro con il massaggio Thai Yoga e Shiatsu Shin Thai con Spazio Kundalini Yoga che offrirà anche la possibilità di partecipare ad una lezione gratuita di Yoga. Momento  particolarmente suggestivo avrà come protagonista i Mudra, l’antica arte del gesto simbolico delle mani, in collaborazione con il Centro Yoga Studium.

 

Dalle 19 alle 20 ci sarà anche un momento dedicato ai più piccoli che potranno avere un primo approccio con lo Yoga dedicato a loro.

 

La serata culminerà con lo spettacolo di danze bollywood di Gioia Cavedon assieme a 10 ballerine del gruppo Tamasha e successivamente il concerto dei Prema Swarupa con i Mantra e Canti a Madre Terra.

 

Musica, danze, cultura ma anche ottimo cibo dai sapori orientali grazie al Lee Cooper’s, locale di via Verdi, che organizzerà un servizio di ristorazione e mescita.

 

Informazioni e contatti:

Evento Facebook 

338.1805195

Lunedì 25 luglio primo appuntamento della XVIma edizione del Summer Nite Love Festival, organizzato dal gruppo Officina 31021 al Parco Primavera (ex piscine Rari Nantes) in via Barbero a Mogliano.

 

Sul palco l’armatore e capo missione della Mediterranea Saving Humans, Beppe Caccia insieme a Don Mattia Ferrari, reduce dal suo ultimo impegno sulla nave italiana, lo scorso 10 maggio.
La serata, volta a sostenere l’organizzazione che si occupa del recupero in mare dei migranti, dopo il dibattito previsto per le 20.30, avrà come protagonisti il gruppo musicale Storie Storte e Arianna Favretti con Innocenzo Caprioli in una performance dal titolo: Liberi di salvare.

 

Il festival, che si svolgerà dal 15 al 27 luglio, vedrà martedì 16 una serata dedicata alla luna dal titolo “Guarda che Luna!” protagonisti gli Astrofili Veneti, in collaborazione con il Circolo Galileo Galilei. Seguiranno serate musicali, incontri e dibattiti. L’ingresso è libero.

 

 

Silvia Moscati

Da martedì 9 luglio a giovedì 11 luglio a Marghera, Area Mercato, parte la 12^ tappa del Festival Internazionale dello Street Food 2019, all’interno della programmazione della manifestazione “Marghera Estate 2019”: un festival dedicato alla musica, al cinema e quest’anno anche al cibo da strada.

 

Dopo il successo dei primi undici appuntamenti del Festival Internazionale dello Street Food edizione 2019, cui hanno partecipato oltre settecentomila persone, il tour del “cibo da strada” approda a Marghera con tutte le sue prelibatezze italiane e straniere.

 

La manifestazione nasce dall’idea di portare nelle piazze, all’aria aperta, il cibo che generalmente non si ha modo di mangiare a casa, gustando sapori di varie nazionalità. 

 

 

Martedì 9 luglio Special Guest “Mario Get Far Fargetta”

Martedì 9 luglio, ospite graditissimo del Festival, sarà Mario Get Far Fargetta lo storico DJ del” DJ Time” (il programma cult dance di Radio DEEJAY che ha spopolato fino a qualche anno fa con record di ascolto importantissimi). Fargetta , Mario Get Far, sarà una vera e propria “prelibatezza” musicale all’interno del Festival dello Street Food in versione “veneziana”.

 

 

Ristoranti su ruote che girano l’Italia e propongono nuove prelibatezze gastronomiche

 

A Marghera saranno in pista chef qualificati che prepareranno “cibo da strada” di grande qualità e originalità, con prodotti tipici italiani e internazionali. Oltre 25 trucks da tutto il mondo e birrifici artigianali, creeranno un importante avvenimento culinario facendo da trade unions con i concerti e i film in programma a Marghera Estate 2019.

 

 

Tante cucine internazionali comporranno questa ricca carrellata gastronomica: dalla cucina serba a  quella irlandese, spagnola, argentina, americana. Sarà molto ricca anche la proposta delle particolarità nazionali come gli arrosticini, la cucina siciliana, la focaccia genovese, la porchetta di Ariccia, gli hamburger di Chianina, la bombetta di Alberobello, le fritture di pesce, contornati da ottimi birrifici artigianali italiani e stranieri come quelli bavaresi, cechi o americani.

 

 

 

Le novità in tema food dell’edizione 2019

Nel 2018 il Festival ideato da Alfredo Orofino è stato il primo a livello nazionale, toccando in lungo e in largo l’Italia con tantissimi appuntamenti.

 

L’edizione 2019 si prepara ad essere all’altezza delle aspettative e sempre all’insegna dell’eccellenza, coinvolgendo un maggior numero di città, ampliando l’interesse a cucine più ricercate come quella australiana con il canguro, il coccodrillo, la zebra, l’emu in padella e nel panino, e quelle provenienti dai Balcani con il kulak, la tolumba o il sultan jash.

Dopo l’appuntamento di Marghera, il tour continuerà il suo itinerario, toccando le maggiori piazze italiane per concludersi nel mese di ottobre. 

 

 

Info utili sul Festival

Date: da martedì 9 giugno a giovedì 11 luglio 2019

Area: Venezia – Marghera, Area Mercato

Orari: martedì ore 18-24, sabato e domenica dalle ore 12.00 alle ore 24.00

Ad anticipare la rassegna di fine estate di Casale Musica, un eccezionale evento del progetto Yamaha Silent WiFi Concert, il primo del suo genere in Veneto, per conciliare l’amore per il territorio e la passione per la musica: un suggestivo concerto eseguito su un pianoforte silenzioso e udibile dal pubblico lungo le rive del Sile tramite cuffie WiFi che saranno distribuite ai presenti.

 

L’evento gratuito, promosso dall’assessorato alla Cultura del Comune di Casale sul Sile in collaborazione con Mens Civica, avrà luogo sabato 29 giugno alle 21, al Porticciolo di Casale e vedrà come protagonista il pianista milanese Andrea Vizzini.

 

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria. Check-in dalle 19.00.
Le cuffie saranno consegnate agli spettatori previa esibizione della prenotazione (conferma e QR CODE) e rilascio di un documento di identità valido (carta di identità, patente o passaporto).

Grande spazio alla musica e agli spettacoli di cabaret, danza e acrobati sui due palchi di Restival 2019, il festival della Restera di Casale sul Sile giunto alla sua quarta edizione. Artisti italiani e internazionali animeranno la rassegna di eventi, uno degli appuntamenti più attesi del territorio, da mercoledì 24 a domenica 28 luglio lungo il Sile. Novità di quest’anno: la giornata di domenica sarà dedicata agli artisti di strada

 

La formula consolidata verrà ulteriormente ampliata: cinque serate di intrattenimento in un’area che quest’anno raggiungerà la quota di 6.000 metri quadrati. Due i palchi – il “River stage” sul porticciolo e il “Tower stage” vicino alla Torre dei Carraresi – dove si esibiranno artisti dall’Italia e dal mondo. L’area food raddoppia ne “Le piazze del gusto” con 10 chioschi gestiti dai bar e ristoratori del territorio con un’offerta che va dallo street food alla cucina etnica, dalla gastronomia tradizionale a quella vegetariana fino al gelato. “Via Mercato e Mestieri” è invece il percorso tra più di 50 stand di negozianti e artigiani, un vero e proprio mercatino ricco di specialità e curiosità. E anche quest’anno il festival della Restera pensa anche ai più piccoli, con l’area “Kid Play Arena” che oltre ai classici gonfiabili, sarà teatro di laboratori dove imparare e sperimentare in totale sicurezza. Novità di Restival 2019 è la “Sunday Street Life”, l’appuntamento dedicato agli artisti di strada: domenica 28 luglio nelle tante aree del festival si esibiranno gruppi di giocolieri, acrobati, saltimbanchi e gruppi di danza. Tra gli artisti presenti a quest’edizione di Restival, il cabarettista toscano Paolo Migone, la band argentina Orquesta Informal, Sasha Torrisi, già cantante dei Timoria, Sir Oliver Skardy, frontman dei Pitura Freska, e il gruppo di danzatori-acrobati dei Vertical Waves Project.

Per seguire tutto il programma basta consultare il sito o la pagina Facebook.

Il festival gode del patrocinio del Comune di Casale sul Sile.

L’associazione Amici della Musica “Toti dal Monte” è lieta di presentare un eclettico duo che, accostando due strumenti ricchi di sonorità diverse, dà vita a un repertorio vario e originale in grado di catturare atmosfere europee e nordamericane.

 

 

Il concerto rientra nell’ambito della rassegna Metropolis, con il patrocinio del Comune di Mogliano.

 

 

Si terrà questa sera alle 18.00, al centro sociale in Piazza Donatori.

 

L’ingresso è libero.

 

 

 

 

SAX APPEAL
Concerto Jazz

 

Fabio Calzavara sax contralto
Jeremy Norris pianoforte

 

In programma:

Pedro Iturralde       Suite Ellenique  
Eugéne Bozza        Aria   
Paule Maurice       Tableaux de Provence
George Gershwin     3 Preludes
Jeremy Norris       Jazz Suite

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni