Home / Posts Tagged "Museo Salce"

Il Museo nazionale Collezione Salce di Treviso organizza per il mese di settembre un ciclo di tre visite guidate tematiche alla mostra “Leopoldo Metlicovitz. L’arte del desiderio”, allestita fino al 13 ottobre 2019.
L’iniziativa è a cura del personale del Museo.

 

La visita guidata, destinata a un pubblico adulto, si propone di approfondire alcuni temi legati alla produzione del cartellonista, illustratore e pittore Leopoldo Metlicovitz (Trieste 1868 – Ponte Lambro 1944), dialogando con le opere esposte in mostra.

 

 

Calendario

Mercoledì 11 settembre, ore 15.30

METLICOVITZ E LA MODA. Cartelloni aristocratici per un pubblico di Grandi Magazzini

Dopo una breve introduzione sulla nascita del grande magazzino in Italia, verranno prese in rassegna le celebri affiches create da Metlicovitz per l’azienda napoletana dei fratelli Mele, all’insegna del “massimo buon mercato”. Fin dal 1890 la ditta Mele si affiderà per la propria promozione all’affissione murale di elevata qualità, garantita dallo stabilimento cromolitografico Ricordi di Milano. Anche Metlicovitz verrà ampiamente coinvolto in questa operazione di pre-marketing.

 

Mercoledì 18 settembre, ore 15.30

METLICOVITZ E L’OPERA. I manifesti musicali per Casa Ricordi

Grazie a Giulio Ricordi, patron dell’omonima azienda e melomane convinto, Metlicovitz si accosta al mondo della musica: avrà modo di conoscere i grandi compositori dell’epoca (compresi Verdi e Puccini). A lui il compito di pubblicizzare i debutti di opere divenute poi “classici” della lirica italiana, da Madama Butterfly (1904) a Turandot (1926). La visita guidata alternerà l’illustrazione dei celebri cartelloni “musicali” all’ascolto di brani d’opera e operetta.

 

Mercoledì 25 settembre, ore 15.30

METLICOVITZ E IL PROGRESSO. Creare nuovi bisogni, vendere nuovi prodotti

Tra fine Ottocento e inizio Novecento, sviluppo industriale e innovazioni tecnologiche rivoluzioneranno gli stili di vita di ampi strati della società. Tra le creazioni Metlicovitz, numerose quelle ideate per promuovere i più moderni prodotti: dalla piccola lampadina a bulbo (Tantal Lampe 1908-10), ai ritrovati dell’industria chimica (Sunlight Sapone 1910-12) e alimentare (Vero estratto di carne Liebig 1911). Non mancherà l’illustrazione del celebre cartellone ideato per l’Esposizione milanese del 1906, dedicato all’inaugurazione del traforo del Sempione.

 

 

Info utili

La prenotazione è obbligatoria a[email protected] | 0422.591936 – (max 20 persone)

Durata: 60′

Costo: attività gratuita + biglietto ingresso (€8 intero | €4 ridotto | €2 giovani dai 18 ai 25 anni)

Indirizzo: via Carlo Alberto, 31 – 3110 Treviso
sito
facebook

Il Museo nazionale Collezione Salce di Treviso (Via Carlo Alberto 31), in collaborazione con l’associazione culturale Heritage Italy, propone un nuovo calendario di visite guidate alla mostra da poco inaugurata dedicata al cartellonista, scenografo e pittore Leopoldo Metlicovitz (Trieste 1868 – Ponte Lambro 1944). Un viaggio nell’eleganza della Belle Epoque, nel segno di un artista versatile che contribuì a creare un’eccellenza italiana, come Casa Ricordi. Sarà un’occasione per singole persone, famiglie, coppie o piccoli gruppi di amici, di assaporare il percorso espositivo accompagnati da guide esperte.

Si inizia sabato 1° giugno, alle ore 16.

 

CALENDARIO COMPLETO

GIUGNO

sabato 1°, ore 16

domenica 9, ore 16

sabato 15, ore 16

domenica 23, ore 16

sabato 29, ore 16

 

LUGLIO

domenica 7, ore 16

sabato 20, ore 16

 

AGOSTO

domenica 4, ore 16

sabato 24, ore 16

 

 

Prenotazioni: [email protected], oppure 340 2814124 (anche tramite whatsapp o sms)

Costi: Euro 4 + biglietto d’ingresso al museo (Euro 8 intero; Euro 4 ridotto; Euro 2 agevolato)

Luogo di incontro: biglietteria del museo (via Carlo Alberto 31, Treviso)

Le visite si effettueranno con un numero minimo di 5 partecipanti.

Domenica 26 maggio il Museo nazionale Collezione Salce (via Carlo Alberto 31) compie due anni.

 

Per festeggiare la giornata l’ingresso sarà gratuito per tutti dalle 10 alle 18. I visitatori potranno visitare la mostra, da poco inaugurata, dedicata al cartellonista, illustratore, pittore e scenografo Leopoldo Metlicovitz (Trieste 1868-Ponte Lambro 1944).

 

Alle ore 11.30 verrà offerto un aperitivo.

 

La giornata si concluderà alle 18.30 con il concerto su musica di J. P. Rameau per clavicembalo, violino e viola, nella vicina chiesa di San Gaetano, promosso da Antiqua Vox nell’ambito della rassegna “Restituire Bellezza”.

Mostra a cura di Valeria Arena, Daniele Ferrara, Mariachiara Mazzariol, Roberta Rizzato
dal 16 maggio al 13 ottobre 2019 | mercoledì > domenica: 10-18

 

Da 5 a 10 lire. Questo è quanto Giovanni Ricordi offriva al ragionier Nando Salce, suo attento collezionista, nel febbraio 1904 per cedergli le ultime novità create da Leopoldo Metlicovitz. E nonostante un prezzo non così trascurabile, al termine di una trattativa epistolare, Salce aderiva alle richieste dell’editore milanese, proprio perché sapeva apprezzare l’opera dell’incisore triestino, ben valutando la capacità di fascinazione e la forza grafica delle sue creazioni per Casa Ricordi. Il collezionista trevigiano era perfettamente consapevole di essere di fronte ad uno dei maestri assoluti del cartellonismo italiano.

 

Ed è proprio da queste lettere manoscritte e da altri preziosi documenti sino ad oggi mai esposti che prende idealmente avvio la retrospettiva che il Museo Nazionale Collezione Salce dedica, dal 16 maggio al 13 ottobre, a Leopoldo Metlicovitz.

 

La mostra trevigiana fa seguito a quella che Trieste, città natale dell’artista, gli ha dedicato nel centocinquantenario della sua nascita al Museo Revoltella e al Civico Museo Teatrale “Carlo Schmidl”. Riprendendone naturalmente tutti i capolavori fondamentali, ma scegliendo di indagare Metlicovitz sotto nuovi punti di vista. Soffermandosi appunto sul suo rapporto con la Ricordi, ma esplorando anche aspetti diversi e poco noti della sua amplissima produzione grafica, dai calendari alle piccole locandine. “Creazioni” che nella loro specificità mostrano il “marchio Metlicovitz”, inconfondibile e potente.

 

Un ulteriore approfondimento è riservato al tema del paesaggio, per nulla scontato in un artista che era maestro della figura e della teatralizzazione e di cui, invece, si mostra attentissimo lettore. Sono manifesti turistici e dedicati a prodotti per l’agricoltura che mettono in piena evidenza il paesaggio e manifesti che promuovono l’uso dell’automobile, per i quali l’ambiente funge da sfondo. Di Leopoldo Metlicovitz saranno in mostra molti dei suoi lavori più rappresentativi dedicati a prodotti commerciali e industriali, ma anche a grandi eventi come l’Esposizione internazionale di Milano del 1906, a famose opere liriche, da Madama Butterfly a Turandot.

 

Nella ricca “Linea del tempo” che accompagna la mostra, si ricorda che Metlicovitz, dopo un apprendistato tra Trieste ed Udine, nel 1888 approdò a Milano. E lì fu proprio grazie all’intuito di Giulio Ricordi che Metlicovitz poté esplicare tutte le proprie potenzialità espressive, non solo come grande esperto dell’arte cromolitografica, ma pure come disegnatore e inventore di quegli “avvisi figurati” (così chiamati allora) che segnarono anche in Italia la nascita dell’arte del cartellonismo in sitonia con quanto il “modernismo” internazionale andava proponendo nelle arti applicate sotto i vari nomi di Jugendstil, Modern Style, Art Nouveau, Liberty.

 

“L’esigenza – sottolinea il Direttore del Polo Museale del Veneto Daniele Ferrara – di attrarre l’attenzione del pubblico su questo o su quel prodotto ha sollecitato gli artisti impegnati nella grafica pubblicitaria a progettare immagini che, tramite l’eleganza del disegno, l’impatto del colore, l’espressione dei sentimenti, la forza iconografica, risultassero penetranti e persuasive nell’immaginario collettivo. Le venature più intime e individuali di un artista vengono a scoprirsi nel confronto a viso aperto con lo spettatore ed è questo uno degli elementi più interessanti dell’arte della pubblicità. Metlicovitz fu un maestro in questo ambito della produzione artistica. A distanza di oltre un secolo alcune sue opere costituiscono ancora delle vere e proprie “icone”: penso ai manifesti per la Turandot e per Madama Butterfly realizzati per le Officine d’Arti Grafiche Ricordi, la storica casa editrice musicale con cui Metlicovitz lavorò. Il “riuso” di quelle immagini, anche al solo scopo di ornamento – di una stanza, di una scatola, di un segnalibro – testimonia la loro incisività, in altra epoca e in altro modo. Così leggiadre e al tempo stesso così dense di significato e capaci sempre di commuovere”.

Da mercoledì 24 a domenica 28 aprile saranno gli ultimi cinque giorni per visitare la  mostra “Illustri persuasioni. Verso il boom 1950-1962 ” (orario 10-18), allestita al Museo nazionale Collezione Salce di Treviso (via Carlo Alberto 31).

 

Ultimi appuntamenti:

• venerdì 25 aprile, ore 15: visita guidata

• sabato 27 aprile: ingresso gratuito in occasione della Festa del patrono della città di Treviso + visita guidata a pagamento

 

Per info e prenotazioni visite guidate: [email protected], oppure 340 2814124 (anche tramite whatsapp o sms)

Link:

http://www.collezionesalce.beniculturali.it
https://www.facebook.com/museocollezionesalce/

Il Museo Salce di Treviso raddoppia l’appuntamento culturale per il primo weekend di aprile; venerdì 5 aprile l’ingresso sarà gratuito per tutti; sabato 6 aprile alle ore 15 sarà la volta della visita guidata alla mostra “Illustri persuasioni. Verso il boom 1950-1962”.

 

 

Il Museo nazionale Collezione Salce si trova a Treviso in Via Carlo Alberto 31. Questi gli appuntamenti in programma per il weekend:

 

  • venerdì 5 aprile:  ingresso gratuito per tutti dalle 10 alle 18 nell’ambito dell’iniziativa MIBAC #iovadoalmuseo (20 giorni gratis nei musei statali italiani a scelta dei singoli istituti)

 

 

Per info e prenotazioni: heritagei[email protected], oppure 340 2814124 (anche tramite whatsapp o sms). Costi: Euro 4 + biglietto d’ingresso al museo (Euro 8 intero; Euro 4 ridotto; Euro 2 agevolato)

Con la proroga della mostra Illustri persuasioni. Verso il boom 1950-1962″ fino al 28 aprile 2019, il Museo nazionale Collezione Salce di Treviso (via Carlo Alberto, 31) in collaborazione con l’associazione culturale Heritage Italy, propone nuove date per le visite guidate.

 

 

Questo il calendario:

Marzo

• domenica 24 ore 15.00

• sabato 30 ore 15.00

 

Aprile

• sabato 6 ore 15.00

• domenica 14 ore 15.00

• sabato 20 ore 15.00

• giovedì 25 ore 15.00

• sabato 27 ore 15.00

 

Sarà un’occasione per singole persone, famiglie, coppie o piccoli gruppi di amici, di assaporare il percorso espositivo accompagnati da guide esperte.

 

 

Per info e prenotazioni: 

Le visite si effettueranno con un numero minimo di 5 partecipanti

Prenotazioni a [email protected] oppure al 340.2814124 (anche tramite Whatsapp o SMS)

+39 0422 591936
https://www.facebook.com/museocollezionesalce/

 

Costi:

Euro 4 + biglietto d’ingresso al museo (Euro 8 intero; Euro 4 ridotto; Euro 2 agevolato)

 

 

Luogo di incontro:

biglietteria del museo (via Carlo Alberto 31, Treviso)

 

 

Continuano le ormai “classiche” visite guidate alla mostra Illustri persuasioni. Verso il boom 1950-1962, allestita al Museo nazionale Collezione Salce di Treviso (via Carlo Alberto, 31): il prossimo appuntamento p per domani, domenica 27 gennaio, alle ore 15.

Attraverso i capolavori della grafica pubblicitaria – opera di Armando Testa, Franco Grignani, Bob Noorda, Giovanni Pintori e tanti altri – ci si immerge nel periodo compreso tra la Ricostruzione postbellica e l’esplosione del miracolo economico degli anni Sessanta, che cambierà il volto sociale e culturale dell’Italia.

 

L’iniziativa, realizzata in collaborazione con l’associazione culturale Heritage Italy di Treviso, sarà un’occasione per permettere a singole persone, famiglie, coppie o piccoli gruppi di amici, di assaporare il percorso espositivo accompagnati da guide esperte.

 

Info e prenotazioni

h[email protected]

340.2814124

http://www.collezionesalce.beniculturali.it
https://www.facebook.com/museocollezionesalce

 

Costi

Euro 4 + biglietto d’ingresso al museo (Euro 8 intero; Euro 4 ridotto)

Nel periodo delle festività natalizie, il Museo nazionale Collezione Salce resterà regolarmente aperto dal mercoledì alla domenica, con orario 10-18.

 

 

Il museo, inoltre, in collaborazione con l’associazione culturale Heritage Italy, propone quattro visite guidate alla mostra “Illustri persuasioni. Verso il boom 1950-1962”: primo appuntamento domenica 23 dicembre alle 15. Le altre date: sabato 29, domenica 30 dicembre e sabato 5 gennaio, sempre alle ore 15.

 

 

Sarà un’occasione per singole persone, famiglie, coppie o piccoli gruppi di amici di assaporare – anche in queste giornate di festa – il percorso espositivo accompagnati da guide esperte. Attraverso i capolavori della grafica pubblicitaria –  opera di Armando Testa, Franco Grignani, Bob Noorda, Giovanni Pintori e tanti altri – ci si immerge negli anni tra la Ricostruzione e l’esplosione del miracolo economico, epoca che cambierà il volto sociale e culturale dell’Italia.

 

 

Costi a persona per le visite guidate: € 4 + biglietto d’ingresso al museo (€ 8 intero; € 4 ridotto)

Acquisto biglietti presso: biglietteria del museo (via Carlo Alberto 31, Treviso)

 

Per info e prenotazioni: 

[email protected]

340.2814124 / 377.4947270

http://www.collezionesalce.beniculturali.it
https://www.facebook.com/museocollezionesalce/

Nel periodo delle festività natalizie il Museo nazionale Collezione Salce resterà regolarmente aperto dal mercoledì alla domenica, con orario 10-18.

 

Il museo, inoltre, in collaborazione con l’associazione culturale Heritage Italy, propone quattro visite guidate alla mostra “Illustri persuasioni. Verso il boom 1950-1962 nei giorni di domenica 23, sabato 29, domenica 30 dicembre e di sabato 5 gennaio, tutte con inizio alle ore 15.

 

Sarà dunque un’occasione per singole persone, famiglie, coppie o piccoli gruppi di amici di assaporare – anche in queste fredde giornate di festa – il percorso espositivo, con l’ausilio di una guida esperta. Attraverso i capolavori della grafica pubblicitaria –  opera di Armando Testa, Franco Grignani, Bob Noorda, Giovanni Pintori e tanti altri – ci si immerge negli anni tra la Ricostruzione e l’esplosione del miracolo economico, epoca che cambierà il volto sociale e culturale dell’Italia.

 

Costi a persona per le visite guidate: € 4 €+ biglietto d’ingresso al museo (€ 8 intero; € 4 ridotto)

 

Luogo di incontro: biglietteria del museo (via Carlo Alberto 31, Treviso)

 

Per info e prenotazioni[email protected], oppure 340 2814124 / 377 4947270

 

www.collezionesalce.beniculturali.it

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni