Home / Posts Tagged "mimose"

Il candidato sindaco Davide Bortolato non replica alle critiche mosse dal Centro Sinistra in merito alla sua presenza nella casa di riposo dell’istituto Gris, dove ha regalato mimose agli anziani, ma propone soluzioni ai problemi di Mogliano ancora irrisolti

 

Il lavoro di ascolto dei cittadini per progettare la Mogliano di domani continua. Mentre i nostri competitors sono impegnati nelle basse polemiche sulle mimose, io ho incontrato e parlato con molti anziani che hanno grosse preoccupazioni per il loro futuro. Dati alla mano, l’età media in città e nella nostra regione si sta alzando sempre più, tanto che si comincia a parlare di quarta età.

 

Con noi, Mogliano avrà tutti quei servizi per gli anziani che oggi mancano.

Attueremo da subito un Piano cimiteriale per superare l’emergenza e la completa mancanza di posti che oggi si evidenziano in modo particolare nel Cimitero centrale.

Costruiremo delle residenze in CoHousing per anziani (simile al Don Vecchi di Mestre) in un’area vicina al centro e ai servizi, così da non escluderli dalla vita “della Piazza”.

Avremo un Centro diurno per Anziani.

I servizi alla persona saranno ampliati e incrementati: i pasti a domicilio i servizi di igiene, e l’assistenza a 360°.

 

Mogliano diventerà una città dove gli anziani potranno vivere sereni e parte della comunità.

Anche quest’anno, in occasione della Festa della donna, il corpo della Polizia locale di Venezia ha predisposto un servizio mirato di contrasto al commercio abusivo di mimose.

 

Tale servizio, che ha visto impegnati fin dalla mattina personale del Servizio sicurezza urbana, Servizio polizia di prossimità città di terraferma, e del Servizio attività produttive terraferma, ha portato al sequestro di 795 mazzi di mimose e alla contestazione di 4 verbali amministrativi e 49 verbali di rinvenimento.

 

L’attività di contrasto, diffusa su tutto il territorio di terraferma, si è concentrata soprattutto lungo le principali arterie di traffico, da via Miranese a via Fratelli Bandiera, fino a via Martiri della Libertà, senza tralasciare le principali vie del centro come Corso del Popolo e via Torino. È stato inoltre sequestrato il banchetto per la vendita abusiva che un cittadino italiano, già sanzionato dalla Guardia di finanza, aveva allestito a fianco della rotonda che da Trivignano porta a Olmo di Maerne.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni