Home / Posts Tagged "microcriminalità"

La sicurezza urbana delle aree intorno alla stazione di Mestre tra via Piave e la Miranese continua a preoccupare i residenti.
Non solo spaccio, prostituzione e microcriminalità, anche il degrado dovuto a cattivo uso degli spazi pubblici contribuisce a peggiorare la qualità della vita in queste zone della città.

 

Quotidianamente ci sono file di auto che vengono lasciate in zona vietata, alcune anche per più giorni evidentemente da chi prende il treno per andare a trascorrere il weekend a Venezia, ma questo è fonte di pericolo per l’incolumità del transito veicolare e pedonale e causa di litigi tra i frequentatori della zona.

 

La capogruppo M5S Elena La Rocca nell’interrogazione presentata all’assessore alla Sicurezza urbana fa proprie le richieste dei cittadini e, constatata l’inefficacia delle episodiche pattuglie della Polizia locale come ha riconosciuto anche il Comandante in recenti dichiarazioni ai giornali, chiede che siano stati attivati con urgenza provvedimenti alternativi a quelli sanzionatori, quali l’installazione di sistemi di protezione fisica della viabilità pedonale, al fine di garantire con efficacia e rapidità la sicurezza urbana in via Trento e nelle aree prossime alla stazione ferroviaria di Mestre.

 

     

Venerdì scorso è stato perpetrato un furto nell’azienda agricola “Agritorni” di via Torni a Mogliano Veneto.

Sono stati asportati due trattorini, una fresatrice ed un carrello elevatore. La fresatrice è stata ritrovata poco dopo nella vicina Via Tommasini.

Il valore dei pezzi rubati si aggira intorno ad alcune decine di migliaia di euro.

Il furto è stato denunciato ai Carabinieri di Mogliano.

POST TAGS:

Le statistiche tendono a dimostrare che i reati nelle città sono in diminuzione. Sarà certamente vero, ma è anche vero che ogni regola ha un’eccezione. In questo caso l’eccezione sembra essere Mogliano.

 

A Mogliano infatti i ladri stanno lavorando a pieno ritmo, non bastavano le incursioni sempre più frequenti negli appartamenti, ora va di moda rompere i finestrini delle auto, BMW in particolare, e rubarne l’intero cruscotto.

 

Ultimamente nel Quartiere Ovest non si può più lasciare l’auto in strada che al mattino te la ritrovi smontata. Ci sarebbe un sistema per rendere la vita difficile ai malviventi, è il controllo di vicinato che dove c’è, come nel Quartiere Est ed a Marocco, funziona.

 

Nel Quartiere Est da tempo ormai non si registrano più incursioni ladresche ed a Marocco la situazione è molto migliore rispetto al resto della città. Purtroppo il Sindaco è contrario a questa iniziativa, dice che il problema sui furti è sopravalutato, è un allarmismo ingiustificato. Inoltre afferma che il controllo di vicinato è giustizia autogestita e che il fai da te a volte è pericoloso.

 

Sarà pure così, ma dove esiste il controllo di vicinato i reati diminuiscono. E non solo nei due quartieri di Mogliano, ma anche nei comuni, molti gestiti da sindaci di centro sinistra, dove i cittadini, con l’approvazione dei loro primi cittadini, si sono organizzati per controllare responsabilmente il loro territorio.

 

E allora perché non provare in tutti i quartieri della nostra città? Forse le cose andrebbero meglio.

 

BMW nel mirino dei ladri che però si sono specializzati nel rubare non l’intera autovettura, ma solo la strumentazione di bordo.

 

A Mogliano sono state ormai già tre le BMW colpite. Sono stati asportati il volante, il navigatore, il takimetro ed il resto della strumentazione dalla plafoniera.

 

Furti simili sono stati segnalati da tutta la regione e si pensa che siano su commissione e che la refurtiva venga smerciata al mercato nero.

 

Certo che se il controllo di vicinato fosse attivo in tutti i quartieri di Mogliano questi furti probabilmente sarebbero stati evitati. Per la cronaca nel Quartiere Est dove il controllo di vicinato è attivo, nonostante la contrarietà del Sindaco, non si sono verificati furti negli ultimi mesi.

Soltanto ieri abbiamo dato notizia di incursioni di topi di appartamento a Preganziol ricordando anche che le zone prese di mira dai ladri comprendono anche Mogliano e Casale sul Sile.

 

Ed ecco infatti che oggi abbiamo notizia di incursioni di topi di appartamento a Mogliano in Via Bianchi ed in Via Bonotto dove hanno rubato gioielli e lasciato gli appartamenti in un totale disordine.

 

Certo è che, nonostante le statistiche tendano a rassicurarci su una diminuzione di questi reati, questo genere di incursioni ladresche, almeno nelle nostre contrade, è in costante aumento.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni