Home / Posts Tagged "Mestre"

Sabato 25 gennaio, alle ore 17, presso l’area Infopoint Infovox del centro commerciale Auchan Porte di Mestre, si terrà l’incontro con l’autrice MariaCristina Toso che presenterà il suo romanzo “Il mondo di Amarine”.

 

Superare un difficile divorzio e ricominciare la vita da zero non è facile per nessuno soprattutto per Amarine, una donna senza carattere, fragile e incapace di affrontare con coraggio le prove della vita, bloccata in tutto, da una profonda e inspiegabile paura. E se non fosse abbastanza anche i fantasmi del passato sembrano aver ricominciato a tormentarla con allucinazioni e devastanti emicranie. Amarine però, determinata a ricominciare la sua vita saprà ritrovare una nuova sé più determinata e forte, tanto da sventare, da sola, un intrigo internazionale. Ma siamo sicuri che Amarine sia veramente chi crede di essere? E chi è la misteriosa paziente, ricoverata nella stanza numero 5, presso l’ospedale psichiatrico della città? Cosa avrà in comune con lei? Quando inevitabilmente si troverà ad affrontare il suo passato, non potrà che rimettere insieme i pezzi del puzzle fino alla soluzione finale, dove la paura finalmente avrà un nome.

 

I libri sono acquistabili presso la piattaforma Amazon con il Bonus Cultura e con il Bonus Carta del Docente.

La partecipazione all’incontro è libera e aperta a tutti.

Chi durante il mese di dicembre è passato in via Verdi ha senz’altro visto una stella al centro della via, una stella che giorno dopo giorno veniva ricoperta da piccoli fogli d’oro mutando colore. Questa stella, voluta dai negozi e dalle attività di via Verdi, è diventata anche quest’anno un simbolo di partecipazione e di solidarietà grazie alla collaborazione del Comune di Venezia Le Città in Festa e soprattutto grazie alle tantissime persone che hanno aderito per aiutare e sostenere piccoli progetti di solidarietà.

 

Lo scorso anno la Stella d’Oro di via Verdi ha contribuito alla creazione di un orto da parte della Casa dell’Ospitalità di Mestre. I fondi raccolti infatti erano stati impiegati per l’acquisto di varie attrezzature che gli ospiti della struttura hanno utilizzato con la possibilità di avviare un percorso di recupero e di reinserimento nella società.

 

Quest’anno si è deciso di volgere l’attenzione sul problema della violenza sulle donne, destinando il ricavato all’istituto Casa Famiglia S. Pio X che accoglie madri e figli che fuggono da situazioni di violenza domestica o che hanno, per altre ragioni, necessità di fare un percorso comunitario in un ambiente accogliente ed educativo. In particolare, il giardino del Centro per l’Infanzia e la Famiglia Oltre le Nuvole alla Giudecca, che si occupa di offrire una serie di servizi e laboratori alle ospiti della Comunità, ai loro figli e alle persone del territorio che possano averne necessità, è stato gravemente danneggiato dall’acqua alta straordinaria del 12 novembre scorso. Lo scopo è quello di contribuire a farlo tornare fruibile da parte degli ospiti.

 

L’adesione e la partecipazione di tante persone ha permesso anche quest’anno di raccogliere la somma di 1000 euro che sono stati consegnati venerdì 17 gennaio 2020 al presidente della Casa Famiglia San Pio X Roberto Scarpa, alla presenza dell’assessore del Comune di Venezia Paola Mar e della consigliera comunale Lorenza Lavini.

 

Oltre al risultato economico non meno importante è stato far conoscere la Casa Famiglia, attiva sin dal 1910, nonché la sensibilizzazione verso il problema della violenza sulle donne. I negozi e le attività di via Verdi infatti sono stati occasione di confronto e di dialogo con le persone a dimostrazione del ruolo anche sociale che le attività possono avere in città.

 

Da parte nostra un ringraziamento a tutte le persone che hanno reso possibile questo progetto, dall’amministrazione comunale, a Le Città in Festa, agli uffici comunali fino a tutte le persone che hanno divulgato e fatto conoscere l’iniziativa.

 

Nella pagina Facebook di Via Verdi Mestre si possono trovare numerose fotografie relative alla Stella D’Oro.

Sabato 18 gennaio, alle ore 17.30, presso la Piazza Eventi Unieuro del centro commerciale Auchan Porte di Mestre, si terrà l’evento “Powerclass by Powerumba Fitness e Zumba Fitness” a cura del Team-Italia Powerumba formato da Alessia Benini, Christopher Portes, Marylinda Facciola e in collaborazione con l’insegnante Susanna Costantini e le associazioni Palextra e TwoBeFit.

 

La Powerumba è la grande novità nel mondo del fitness che sta già spopolando in America e adesso sta arrivando anche in Europa. Si tratta di un’innovativa metodologia di costruzione coreografica applicata ai diversi stili di ballo creata da Martin del Villar (Miami, Florida).

 

Un team di istruttori qualificati sarà presente al centro commerciale Auchan per presentare questa nuova attività del mondo del fitness con dimostrazioni pratiche accompagnate da musiche latino-americane.
A seguire, verso le 18.30, una breve performance di zumba fitness con Susanna Costantini e le sue allieve.

Anche per il 2020 è ripartito il progetto scuole del Mogliano Rugby 1969, per la promozione dell’attività fisica e della socializzazione. Gli incontri hanno come riferimento l’Istituto Parini di Mestre (www.istitutoparini.it) e la prima lezione si è svolta presso la palestra Olimpia di Mestre.

 

Il progetto nasce anche grazie alla volontà espressa dall’Istituto Parini nelle persone dei docenti Brunello Isabella e Lazzarin Enrico e del Preside Franco Mazzucco. Il team messo in campo dal club biancoblù è composto da Enrico Endrizzi, Mattia Zappalorto, Brian Ormson, Brian Tuilagi e Andrea Pratichetti, che svolgeranno le lezioni in inglese, come richiesto dallo stesso Istituto, e avvicineranno gli studenti al nostro sport.

 

“Siamo contenti di poter annunciare questa nuova collaborazione con L’Istituto Parini di Mestre”, dichiara il Presidente biancoblù Maurizio Piccin, “è un ulteriore tassello che integra il progetto di una società sportiva moderna, attenta non solo all’attività agonistica, ma anche al sociale. Cosa c’è di più sociale della scuola, dove si formano i cittadini di domani? I valori dello sport, e del rugby in particolare, aiutano i giovani a prepararsi alla vita, così come lo fa la scuola.”

 

Chi fosse interessato e volesse avvicinarsi al rugby, può sempre contattare la nostra segreteria al numero 041.5902706, oppure scrivere una mail ai seguenti indirizzi:

[email protected] – [email protected]

Un’idea di Design2Taste, realtà partita da Londra e oggi presente con uno spazio rinnovato in viale Ancona a Venezia Mestre. L’obiettivo? Fare squadra tra professionisti e offrire agli architetti strumenti per lavorare meglio e con più soddisfazione.

 

Sedici postazioni in co-working di fronte al Comune di Venezia

Al piano terra di viale Ancona 30 a Mestre, proprio nella punta dell’edificio in vetro “La Vela”, Design2Taste ha allestito sedici postazioni per Architetti e Interior Designer, che possono lavorare in un openspace condiviso seguendo il modello di quanto già accade nella sede D2T di Londra.

 

Questi professionisti hanno così la possibilità di avere un proprio ufficio a prezzo contenuto (il canone mensile è di 250,00 euro e comprende arredi, monitor e tutte le spese di gestione) e in una posizione strategica (proprio di fronte al Comune di Venezia) ma, soprattutto, di trovarsi fianco a fianco con persone che operano nel medesimo settore.

Risultato? Ci si conosce, si fa rete e le occasioni di business si moltiplicano per tutti.

 

Immaginiamo un Architetto specializzato in interni che si trova a dover rispondere alla richiesta del proprio committente di allestire anche gli esterni della sua casa. Lavorando accanto a un collega specializzato in progettazione del verde, il gioco è presto fatto. L’Architetto può soddisfare subito la totalità delle richieste del suo cliente, il progettista ha acquisito un nuovo lavoro. Minimo sforzo, massimo risultato per tutti.

 

Servizi gratuiti per Architetti e Interior Designer

In viale Ancona Design2Taste mette poi a disposizione degli Architetti (tutti, non solo i co-worker) anche una serie di servizi aggiuntivi:

• sportello gratuito di consulenza legale, attivo una volta al mese;
• sportello gratuito di consulenza finanziaria, attivo una volta al mese;
due sale meeting per incontrare i propri clienti in un ambiente professionale ma confortevole e facilmente raggiungibile con mezzi propri o pubblici;
• consulenza gratuita sui progetti in essere, per capire come migliorare la gestione del proprio lavoro, ottimizzare i costi e aumentare i ricavi;
• accesso a un database di 250+ aziende del mobile, con condizioni vantaggiose e riservate.

 

Giornate formative e Design Spritz

Viale Ancona 30 non è solo co-working, ma anche spazio camaleontico in cui periodicamente prendono vita eventi di formazione, culturali e di intrattenimento.

 

Per il 2020 Design2Taste ha già pronto un ricco calendario di pomeriggi formativi per Architetti, con rilascio di CFP dal CNAPPC, e riproporrà i Design Spritz, momenti conviviali aperti a professionisti e non, per conoscersi, scambiarsi opinioni, raccontare i propri progetti, e favorire il match tra le persone e gli Architetti più adatti ad occuparsi della realizzazione dei loro habitat, senza che la componente economica a disposizione costituisca un limite o una discriminante.

 

Per info sullo spazio co-working e sulle iniziative di formazione è possibile visitare il sito www.design2taste.org www.design2taste.org o inviare una email a [email protected].

 

Le postazioni di lavoro potranno essere occupate a partire dal 1° febbraio e al momento il 50% di esse risulta già prenotato.

 

 

È accaduto in via Castellana. La 74enne si è fratturata entrambe le braccia e il setto nasale. L’automobilista si è costituito solo in un secondo tempo

 

Stava andando alla “pizzeria all’angolo”, si ritrova con due braccia e il naso rotti. A settantaquattro (quasi 75) anni. E l’automobilista che l’ha travolta sull’attraversamento pedonale non si è neppure fermato, assumendosi solo in un secondo tempo le sue responsabilità.

 

Poche ore dopo il tragico investimento costato la vita l’altro venerdì notte alla studentessa universitaria di 29 anni Pegah Naddafi, in viale Vespucci, a Mestre si è consumato un altro grave episodio ai danni di un pedone di cui si sta occupando Studio3A.

 

I fatti

È successo sabato 4 gennaio 2020, verso le 18.40, in via Castellana, all’altezza del civico 61 e dell’intersezione con via Ciardi. Una settantaquattrenne del posto, residente a due passi, si stava recando presso la pizzeria di asporto sotto casa per prendere una pizza per la cena, ha attraversato la Regionale regolarmente sulle strisce pedonali in direzione nord-sud e, quando aveva ormai quasi completato l’attraversamento, si è ritrovata improvvisamente di fronte un’autovettura, una Fiat Punto, che l’ha centrata in pieno. L’anziana ha cercato istintivamente di proteggersi proiettando in avanti le braccia, con il risultato però che a causa dell’urto se le è fratturate entrambe e in seguito ai colpi e alla successiva caduta si è rotta anche il setto nasale: un miracolo che si sia salvata, ma la prognosi è pesante, anche in ragione dell’età.

 

Ad aggravare il quadro, l’automobilista non si è fermato e ha tirato diritto. La settantaquattrenne è stata inizialmente soccorsa da alcuni passanti e negozianti della zona, che hanno allertato il 118. Dell’incidente, per fortuna, ci sono anche un paio di testimoni oculari.

 

Solo successivamente l’investitore si è costituito e ha ammesso le sue responsabilità agli agenti della polizia locale di Venezia: si tratta di G. B., 78 anni, residente nel comune di Venezia, così come la passeggera di un anno più giovane che trasportava in macchina.

 

Mesi di guarigione

All’ospedale dell’Angelo, dov’è stata subito condotta, l’anziana, che è vedova e vive da sola, è stata ingessata ad entrambe le braccia, mentre sulla frattura al setto nasale i medici interverranno in un secondo tempo. Adesso è tornata a casa ma ne avrà per dei mesi, nei quali avrà bisogno di assistenza continuativa da parte dei figli.

 

La donna e i suoi familiari, per ottenere giustizia, attraverso la consulente personale dott.ssa Alice Righi, si sono dunque affidati a Studio3A-Valore S.p.A., società specializzata a livello nazionale nel risarcimento danni e nella tutela dei diritti dei cittadini, che si è subito attivato per fare piena luce sull’incidente e sulla condotta dell’automobilista e per risarcire in modo congruo la sua assistita.

Sabato 11 e domenica 12 gennaio si terrà un incontro di orientamento alla scelta della scuola superiore presso il centro commerciale Auchan Porte di Mestre.

 

L’evento denominato Open School Day si svolgerà in area Infopoint Infovox ed in piazza Eventi Unieuro, dalle ore 11 alle 19.

 

Gli istituti superiori partecipanti, con i loro professori e i loro studenti, saranno a disposizione dei ragazzi e delle famiglie per dare informazioni e consigli sui percorsi di studio da intraprendere dopo la terza media. La scadenza del 31 gennaio per l’iscrizione alla scuola prescelta incombe: l’Open School Day vuole essere un’ulteriore fonte di approfondimento per guidare i ragazzi nella scelta più adeguata alle loro inclinazioni.

 

Saranno presenti la Scuola di Formazione Professionale Engim, l’IIS Liceo Majorana-Corner, l’IIS Luzzatti, ITS Fondazione Marco Polo, l’ITIS Zuccante e l’ITCS Maria Lazzari. Gli studenti e i professori dei vari istituti presenteranno le proprie attività formative, offrendosi come valide guide alla scelta della scuola superiore per gli studenti delle scuole medie.

 

Oltre ai presidi informativi di ogni scuola superiore presente, sarà operativa anche una postazione dell’associazione AGESC Città Metropolitana di Venezia – associazione di genitori che aiutano ad approfondire i rapporti con la scuola e seguono le famiglie e i ragazzi nel percorso di scelta -, una postazione di Confederex Confederazione Italiana Ex-alunni – e una postazione di Goyonder, agenzia educativa che si occupa di viaggi studio all’estero.

 

La partecipazione all’incontro Open School Day è del tutto gratuita e non vincolante.

 

Giovedì 26 dicembre (ore 18.00) arriva a Mestre l’atteso Live Christmas Show dei “crooners” di Venezia. In scaletta grandi brani internazionali e classici natalizi

   

La magia del Natale in una serata di grande musica, giovedì 26 dicembre (ore 18.00) al Teatro Corso di Mestre con Luca Foffano “The Voice of Venice” e Gianni Scribano.

 

Un concerto in cui i “crooners” di Venezia uniscono allo stile confidenziale il canto lirico, interpretando con tecnica e passione famose canzoni della musica italiana ed internazionale e classici del repertorio natalizio. Una macchina delle meraviglie musicale che emoziona e diverte.

 

Live Christmas Show

Luca Foffano e Gianni Scribano, amici d’infanzia con un unica passione, la musica, che, nonostante i mille impegni, trova il modo di riunirli per serate-evento come quella in programma al Teatro Corso di Mestre.

 

Da giovani le loro strade artistiche si separano presto: Luca sceglie il mondo della classica e della lirica, dove in breve tempo si afferma quale interprete di grande prestigio a livello internazionale: oltre che in Italia è apprezzato e applaudito negli USA, in Russia, negli Emirati Arabi, in Asia e in altre parti del mondo.

 

Gianni, personaggio eclettico, cantante, polistrumentista, compositore, showman, entra da protagonista nel il mondo dei live show, esibendosi in tutta Europa.

 

Un’occasione che ha conciliato le loro diverse doti canore, è arrivata grazie all’ex campione mondiale russo di pattinaggio sul ghiaccio Ilya Averbukh, ora regista, che nel 2018 li ha voluti fortemente nel cast del suo musical sul ghiaccio “Romeo & Juliet”  sia per la prima mondiale all’Arena di Verona sia per il tour europeo conclusosi a Mosca.

 

Da questa  esperienza si sono ripromessi di creare uno spettacolo tutto loro: l’occasione è questo Live Christmas Show, un’occasione per uno scambio di auguri con il pubblico nell’atmosfera di uno spettacolo che tocca le corde del cuore.

 

 

Biglietti

Platea € 15,00 + € 2,00 d.p.

Galleria € 10,00 + € 2,00 d.p.

 

Prossimo appuntamento

Giovanni Vernia il 31 dicembre (ore 22.30) festeggia con gli spettatori l’arrivo del nuovo anno sfoderando la sua verve travolgente nello spettacolo Vernia o non Vernia: risate, panettone e brindisi per tutti!

 

 

Info

“TEATRO IN CORSO” è un progetto Dal Vivo S.r.l.

Biglietti e prevendite su www.dalvivoeventi.it 

telefono 366.2590790

www.teatrocorso.it

 

 

Photo Credits: Riccardo Scalise

“Mestre è come il rugby, brutta solo negli stereotipi”.

Così hanno commentato gli autori di SPORT CRIME la prima serie TV internazionale di investigazione sportiva, dopo il sopralluogo a Mestre per un episodio della seconda stagione (la prima è prevista in distribuzione nei primi mesi del nuovo anno).

 

Luca Tramontin, ex rugbista di Belluno, Casale sul Sile, Brescia, Viadana e Piacenza, conosciuto anche come telecronista e conduttore di Sportitalia ed Eurosport, ha vissuto quasi dieci anni in Viale Garibaldi. Recentemente ha lasciato le telecronache per scrivere e costruire la serie che racconta le vicende di un agenzia con base a Lugano che indaga su casi sportivi.

 

La co-autrice e produttrice è la veronese Daniela Scalia, analogamente conosciuta come inviata e anchorwoman di Sportitalia.

«Stiamo concludendo le riprese della prima stagione – spiega – ma stiamo già studiando le location per le prime puntate della stagione 2. Per lo spettatore c’è una teorica pausa, per le serie TV invece, specialmente per la nostra che volutamente contiene solo sei episodi a stagione, le pause non esistono».

 

Queste le dichiarazioni del “volto femminile del rugby italiano”, impressionata da molti angoli del centro, ma soprattutto da alcuni scorci fluviali di Marzenego e Oselin: «Con Luca non sai mai dove inizino gli affetti e finiscano le valutazioni professionali, e viceversa. Era da tempo che mi parlava di Mestre come possibile location, ma una serie TV internazionale costa molto, quindi ho voluto verificare, fotografare e condividere le immagini con il regista, che la pensa come me: Mestre è brutta solo negli stereotipi. Il nostro mestiere è abolirli».

 

Il muscolare e ironico atleta bellunese ha una spiegazione: «Mestre ha una sorella maggiore che la fa immaginare più che sembrare brutta. Fosse in un altro posto, magari in Australia, si farebbero chilometri per visitare Mestre. L’istinto e un antico ricordo mi hanno portato a punta San Giuliano. Bravo istinto, il posto è evocativo, inatteso e stranamente poco conosciuto, perfetto per una delle trame che ho in magazzino. La Canottieri Mestre ci ha accolto positivamente e l’incontro con il presidente Augusto Gandini ha aperto le porte a una collaborazione che ci porterà a girare in primavera per un paio di giorni nella suggestiva location del circolo».

 

Dai contatti ai cartelli “We are shooting/Stiamo filmando” c’è sempre una certa distanza, ma la filosofia della serie, che nella prima stagione ha “girato” nella Porto Tolle disastrata dal maltempo, a Fiume in Croazia e a Ronago, al confine svizzero, è dichiaratamente quella di offrire allo spettatore luoghi bellissimi e sconosciuti.

 

Continua Daniela Scalia: «Nell’ottica di una serie da (per esempio) Netflix, Amazon o distribuzione “open” (tipo Rai, Mediaset, Telecinco per intenderci) è più interessante San Giuliano che piazza San Marco. Suona assurdo, ma le serie TV sono le nuove reali agenzie di viaggio. Dalla Sicilia di Montalbano all’Aosta di Rocco Schiavone, o anche le remote e “brutte” aree della provincia americana di certe serie. Prima di Sherlock Holmes la nebbia londinese era solo un problema, adesso è un’attrazione turistica. Il nuovo turismo segue questi tragitti, lo spettatore deve dire “grazie di quello che mi fai scoprire”. Tra poco gireremo delle scene a Montecarlo, ma saranno angoli e prospettive inediti».

La notte scorsa, mezz’ora prima della mezzanotte i Vigili del fuoco sono intervenuti in Corso del Popolo 227 a Mestre per un incendio appartamento in un condominio di 8 piani. Tre persone sono state evacuate dai pompieri con gli autorespiratori al piano dove sono divampate le fiamme e assistiti dal personale del Suem per avere respirato del fumo per poi essere trasferiti in ospedale. Altri tre condomini sono stati medicati dai sanitari sul posto.

 

 

Le squadre dei Vigili del fuoco arrivati sul posto con tre autopompe, due autobotti, un’autoscala e il carro aria con 20 operatori coadiuvati dal capo servizio e il funzionario di guardia sono riusciti a contenere il rogo, evitando il coinvolgimento dell’intera ala del condominio, che nel frattempo era stato evacuato. Oltre l’appartamento dove si sono sviluppate le fiamme, altri due alloggi sono stati dichiarati al momento non agibili, fino ad altre verifiche tecniche che saranno effettuate nella giornata di oggi. Le famiglie evacuate sono state ospitate in albergo e altre da familiari. Le cause dell’incendio sono al vaglio dei tecnici dei Vigili del fuoco. Le operazioni di soccorso sono terminate questa mattina alle 5.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni