Home / Posts Tagged "degrado urbano"

Riceviamo e pubblichiamo la segnalazione di un nostro lettore sullo stato di degrado in cui versa il quartiere trevigiano che comprende via Roma, via Zorzetto, via Toniolo e la stazione degli autobus

 

Sono oltre 50 le persone identificate negli ultimi giorni nell’ambito dei controlli antidroga e anti-degrado nel quartiere trevigiano che comprende via Roma, via Zorzetto, via Toniolo e la stazione degli autobus.

Il contrasto allo spaccio di droga e al degrado urbano porta giornalmente sanzioni per il consumo di alcol in zone interdette, sanzioni per accattonaggio, identificazione di persone sospette, tra cui – di recente – un minorenne con 20 grammi di marijuana e un ghanese con già un ”ordine di rintraccio” dalla Questura.

 

A tarda sera, la situazione è pessima anche nei giardini Sant’Andrea (dei quali tutti chiedono una rivalutazione urgente a favore di bambini e anziani) e piazza Borsa, dove sono state situate delle postazioni di controllo fisse.

Nelle zone interessate alle giornate di mercato sono stati rafforzati i controlli appiedati. I controlli sono aumentati, ma residenti e cittadini, vista la pessima atmosfera, chiedono con voce unanime il posizionamento di telecamere.

 

La vivibilità dei residenti in zona è molto compromessa dalla pochissima illuminazione e dalla presenza di panchine che spesso fungono da ritrovo per spacciatori, barboni e ubriachi. Oltre che dai cittadini, le lamentele arrivano anche dai turisti che entrano a piedi a Treviso dopo essere scesi nella vicinissima stazione dei treni.

 

Intanto le attività commerciali della zona lamentano da tempo questa situazione a volte incontrollabile, tristi di un eventuale abbandono del cliente che potrebbe valutare la zona come inaffidabile.

Se non verrano adattate misure forti con un parallelo riordino dell’arredo urbano, la zona in questione potrebbe andare al collasso.

 

 

Photo Credits: Facebook

La sicurezza urbana delle aree intorno alla stazione di Mestre tra via Piave e la Miranese continua a preoccupare i residenti.
Non solo spaccio, prostituzione e microcriminalità, anche il degrado dovuto a cattivo uso degli spazi pubblici contribuisce a peggiorare la qualità della vita in queste zone della città.

 

Quotidianamente ci sono file di auto che vengono lasciate in zona vietata, alcune anche per più giorni evidentemente da chi prende il treno per andare a trascorrere il weekend a Venezia, ma questo è fonte di pericolo per l’incolumità del transito veicolare e pedonale e causa di litigi tra i frequentatori della zona.

 

La capogruppo M5S Elena La Rocca nell’interrogazione presentata all’assessore alla Sicurezza urbana fa proprie le richieste dei cittadini e, constatata l’inefficacia delle episodiche pattuglie della Polizia locale come ha riconosciuto anche il Comandante in recenti dichiarazioni ai giornali, chiede che siano stati attivati con urgenza provvedimenti alternativi a quelli sanzionatori, quali l’installazione di sistemi di protezione fisica della viabilità pedonale, al fine di garantire con efficacia e rapidità la sicurezza urbana in via Trento e nelle aree prossime alla stazione ferroviaria di Mestre.

 

     

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni