Home / Posts Tagged "confronto"

“Invito tutte le mie colleghe candidate a una serata di confronto sul tema della discriminazione di genere”.

È la proposta lanciata dalla candidata sindaco di Carbonera, Federica Ortolan, a tutte le donne che hanno deciso di candidarsi in questa tornata elettorale, sia a livello comunale che per le elezioni europee: l’appuntamento è fissato per venerdì 17 maggio alle 20.30 alla Sala Aldo Moro di Carbonera.

 

“Raccontiamo la nostra esperienza e contrastiamo tutte assieme, senza distinzioni politiche, questo problema – continua Ortolan – perché è necessario mandare un segnale forte su questa tematica”.

La serata promossa da Ortolan, colpita nei giorni scorsi da duri attacchi sessisti e pregiudizi sulla propria pagina Facebook, è aperta alla cittadinanza, ma soprattutto non è vincolata ad alcuna corrente politica: “Ho ricevuto tanti messaggi di solidarietà, e penso che su questo tema non ci si possa fermare all’appartenenza politica, perché i pregiudizi e le offese sono un limite che non ha colore o ideologia”.

Sono già diverse le candidate che hanno assicurato la propria partecipazione alla serata, e molte altre stanno confermando in queste ore la propria presenza.

L’Avis svolge numerose iniziative durante tutto l’anno al fine di sensibilizzare i cittadini sull’importanza della donazione di sangue. L’associazione punta soprattutto a coinvolgere le nuove generazioni, ma i numeri raggiunti non sono sufficienti. Come riporta La Nuova Venezia, il numero delle donazioni al 30 aprile aveva dato dei buoni segnali, con un trend positivo di 62 donazioni in più rispetto allo stesso mese del 2017. Al contrario, con la fine del mese di maggio, la tendenza si è pericolosamente invertita, segnando un meno 23 donatori rispetto allo stesso periodo del 2017. I numeri parlano chiaro: secondo quanto riportato dall’Avis nei primi cinque mesi del 2018 ci sono state 85 donazioni in meno rispetto al 2017.

 

“L’attuale trend negativo ci preoccupa” spiegano Sandro Cicogna, presidente di Avis Venezia, e Roberto Belli, consigliere ed ex presidente. Secondo i due, “occorrerebbe sensibilizzare anche i datori di lavoro, perché spesso non viene concesso il permesso di andare a donare il sangue”.

 

Per il presidente dell’Avis di Venezia, “chi dona fornisce un contributo triplo: si migliorano le condizioni degli ammalati, si ridà serenità alle famiglie e si garantisce una vita sana all’intera collettività”.

“Tra gennaio e marzo 2018 in Veneto si sono guadagnati oltre 53 mila posti di lavoro dipendente: un valore che non solo è più alto di quello dello scorso anno ma che rappresenta, in relazione ai primi tre mesi dell’anno, il miglior risultato occupazionale registrato in regione dal 2009 a oggi”. Commenta così, con soddisfazione, il Presidente della Regione del Veneto, i dati occupazionali resi noti dall’Osservatorio di Veneto Lavoro attraverso il report periodico la “Bussola”.

 

“A crescere è anche l’occupazione stabile a tempo indeterminato – prosegue il Presidente – con oltre 10.500 posti di lavoro in più; tuttavia il 60% dei nuovi posti di lavoro è a tempo determinato. Da notare, poi, che la crescita ha interessato diffusamente tutti i settori produttivi, a partire dall’industria metalmeccanica e dal turismo, tra i comparti più positivi dell’ultimo anno, ma anche l’edilizia, che dopo aver pagato forse il prezzo più alto alla crisi, è tornata a crescere, registrando il saldo trimestrale più elevato degli ultimi dieci anni, con 3.200 posizioni di lavoro in più, e un aumento delle assunzioni del 18% rispetto allo stesso periodo del 2017”.

 

“Con un tasso di disoccupazione del 6,3% (dati Istat 2017), il Veneto si conferma inoltre la seconda regione italiana per livelli di disoccupazione più bassi, dietro solo al Trentino Alto Adige – sottolinea il Presidente –. I disoccupati veneti sono circa 144 mila, 7 mila in meno rispetto al 2016. Tra i disoccupati troviamo almeno 9 mila lavoratori scoraggiati, ovvero quelle persone che dichiarano di non lavorare ma sarebbero disponibili a rientrare nel mercato del lavoro a particolari condizioni”.

 

“Sono incoraggianti segnali di crescita – conclude il Presidente – che devono indurci a favorire ulteriormente l’accesso al lavoro di quanti oggi sono ancora in attesa di occupazione, favorendo la partecipazione alle politiche attive e riallineando le competenze dei lavoratori più deboli con le effettive esigenze del mondo delle imprese, anche in risposta alle mutate caratteristiche del mercato del lavoro regionale”.

Il 22 e 23 maggio riunione in Municipio del Comitato di gestione del progetto TUNE

 

Armonizzare gli indicatori e gli strumenti di contabilità energetica e migliorare la pianificazione degli investimenti.

 

Con questo obiettivo il Comune di Mogliano Veneto partecipa al progetto TUNE, di cui è partner capofila di altri 5 Comuni che fanno parte dell’IPA, Intesa programmatica d’area, di Treviso (Ponzano, Preganziol, Quinto, Silea e Villorba) assieme a APE FVG (Lead Partner), ComPA FVG, Agenzia per l’Alto Adige – CasaClima e Amt der Kärntern Landesregierung (Dipartimento 8 ambiente, acqua e conservazione della natura dell’Ufficio del Governo della Carinzia.

 

Il Progetto Tune è finanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale e Interreg VA Italia-Austria 2014-2020. L’85% dei costi (130mila euro circa) è coperto dalla Comunità europea e il 15% restante dallo Stato italiano.

 

Mogliano ospiterà la prossima tappa del Comitato di gestione del progetto, formato da tutti i partner, che si ritroveranno in Municipio il 22 e 23 maggio per approfondire i temi in agenda e scambiare idee e risultati raggiunti.

 

Il confronto tra le performance in materia energetica a livello transfrontaliero è uno degli scopi operativi del progetto, al fine di fornire ai dipendenti degli enti locali nuove competenze attraverso percorsi formativi condivisi tra i partner (Friuli Venezia Giulia, Alto Adige, IPA- Intesa Programmatica d’Area della Marca Trevigiana  e Carinzia-Austria).

 

Per il Comune di Mogliano Veneto si tratta di una importante occasione di lavorare con un team europeo e partner di altissimo livello per scandagliare il tema del risparmio energetico che ha una valenza economica, ma anche un rilievo importante in tema ambientale.

 

A Mogliano gli ospiti discuteranno dei temi inerenti le fasi del progetto nella sala del Consiglio Comunale e, nel tempo libero, avranno l’occasione di poter visitare il Museo Benetton, una delle eccellenze del Territorio.

Di seguito pubblichiamo una nota stampa del Movimento Cinque Stelle, che si esprime in merito alla campagna referendaria.

 

La campagna referendaria si fa ormai accesa, da sempre ribadiamo la nostra ferma convinzione che l’istituto referendario, quale espressione diretta del cittadino, debba essere difeso e incoraggiato.

 

Dare voce al popolo è una delle nostre battaglie e consapevoli della necessità di far luce sui vantaggi e svantaggi della separazione, abbiamo iniziato il mese scorso a organizzare degli incontri tematici aperti a tutti, dando voce ad entrambe le parti.

 

Ad oggi permane la volontà di non schierarsi né per il “Sì” né per il “No”, ritenendo il nostro ruolo puramente informativo, confidando con il nostro lavoro di poter accompagnare i cittadini a un voto più consapevole.

 

Pur tuttavia apprendiamo con rammarico dalla stampa locale che il MoVimento 5 Stelle di Venezia abbia appoggiato il fronte del NO.

Desideriamo sottolineare che la persona citata in un articolo di stampa odierno non rappresenta in alcun modo il MoVimento 5 Stelle, bensì una persona allontanata dal gruppo locale ed esclusa dalle scorse Parlamentarie.

 

Con la presente chiediamo cortesemente che gli organi di stampa prestino ogni necessaria attenzione alle fonti, e confermiamo la disponibilità ad ogni chiarimento utile nel perseguire il comune obiettivo di una corretta comunicazione cittadino.

Serata di chiacchiere e ascolto… fra donne

 

Cosa ti impedisce di vivere pienamente la tua femminilità?
BenEssere Perineo è un incontro dedicato alle donne che soffrono di disturbi o disfunzioni perineali, che sono causa di problemi nella sfera intima, sessuale, nella gravidanza e in menopausa, e vogliono sentirsi libere di condividere la propria esperienza, per trovare risposte e consigli utili.

 

Ma è anche per le donne che non hanno nessun disturbo e vorrebbero saperne di più, per poter essere in grado di prevenire tutte queste problematiche e aumentare la qualità della propria vita, attraverso la comprensione di questi aspetti così importanti, ma troppo spesso sottovalutati, che riguardano tutte le donne.
Durante la serata verrà presentata la programmazione dei corsi dedicati.

 

L’incontro, che si terrà il 17 maggio dalle 20.30 alle 21.30, in Piazza all’Arma di Cavalleria 5 di Casale sul Sile, è organizzato dallo Studio i 5 Sensi – il coworking del benessere e tenuto dallo staff di ostetriche del nuovo Mamì Spazio Ostetrico a Casale sul Sile e da Pianeta Femminile, una realtà di accoglimento, di ascolto e spazi concreti dedicati alla Donna.

 

Informazioni:

Veronica 327 8164937
Giulia 349 3159400
L’incontro è a ingresso libero, con prenotazione dei posti a sedere.

Facebook: https://www.facebook.com/events/270769966797704/

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni