Home / Posts Tagged "banda"

Nelle mattinata di oggi i Carabinieri della Stazione di Vittorio Veneto hanno dato esecuzione a un’ordinanza di misura cautelare della permanenza domiciliare, emessa dal G.I.P. del Tribunale per i Minorenni di Venezia su richiesta della Procura della Repubblica presso lo stesso Tribunale, nei confronti di 6 soggetti di età compresa fra i 16 e 17 anni, tutti studenti di istituti superiori, residenti in alcuni comuni del vittoriese, responsabili a vario titolo dei reati di percosse, furto aggravato, rapina, minacce ed estorsione nei riguardi di coetanei, nel periodo ottobre 2018 – giugno 2020 nel territorio di Vittorio Veneto.

 

 

Le indagini iniziate nel novembre 2019, hanno permesso di accertare che la baby gang operava una sorta di “controllo del territorio” con taglieggiamenti, estorsioni, schiaffi e pugni, (almeno in dieci episodi accertati), per ottenere denaro, a volte anche pochi centesimi, in danno di coetanei del vittoriese.

La paura ormai serpeggia tra i residenti di Venezia e di Mestre. Bande di ragazzini, non più che quindicenni, imperversano per le calli e i campitelli veneziani e per le vie di Mestre, picchiando i giovani che incontrano. Non solo, questi teppisti se la prendono anche con gli adulti.

 

Sembra siano in tutto 27, alcuni dei quali particolarmente pericolosi, che con qualsiasi scusa attaccano e pestano.

 

L’ultimo fatto è avvenuto in Campo San Giacometto a Venezia, dove un gruppo di ventenni è stato assalito e picchiato senza motivo.
Altro episodio alcuni giorni fa in via Fapanni, dove un gruppetto di cinque giovanissimi ha picchiato il titolare di un minimarket e rubato l’incasso.

 

Questi episodi sono ormai quasi all’ordine del giorno. Le autorità intendono correre ai ripari e lo stesso sindaco Brugnaro ne è preoccupato, e ha allertato i servizi sociali.
Ora dovranno essere contattate le famiglie di questi giovani, alcuni per altro già noti.

 

Fonte: Venezia Today

In merito all’arresto in Croazia di cinque persone sospettate del furto di gioielli della collezione Al Thani avvenuto il 3 gennaio scorso a Palazzo Ducale, il sindaco Brugnaro ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“A nome della Città di Venezia e mio personale, voglio esprimere il più sentito ringraziamento alla Procura della Repubblica, allo SCO, alla Questura di Venezia e a tutte le Forze dell’Ordine per l’arresto dei cinque responsabili del furto dei gioielli della collezione Al Thani, avvenuta lo scorso gennaio a Palazzo Ducale.

Già negli istanti successivi al furto, come Comune di Venezia e Fondazione Musei Civici abbiamo garantito la massima collaborazione agli inquirenti. Questi mesi di attento lavoro di intelligence, durante i quali sono stato costantemente informato delle evoluzioni, sono stati ancora più complessi a causa della collaborazione di Polizie di diverse nazioni, ma siamo riusciti prima ad identificare i colpevoli e poi ad arrestarli.

Oggi abbiamo assicurato alla giustizia chi pensava di poter delinquere a Venezia e di farla franca”.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni