Home / Posts Tagged "altopiano Asiago"

L’associazione Strada Facendo – Nordic Walking di Treviso sta raccogliendo le iscrizioni per una camminata Nordic Walking nei dintorni del suggestivo altopiano di Asiago, in programma per il 28 ottobre, dalle 7.30 alle 14.

 

Immersi nella natura, l’escursione coniugherà una rilassante passeggiata adatta a tutti e la visita di alcuni luoghi che ancora portano indelebili i segni della storia e della cultura dell’Altopiano dei Sette Comuni.

 

L’itinerario proposto condurrà alla scoperta di alcuni luoghi significativi, legati ad antiche tradizioni dell’altopiano e che sono stati in tempi più recenti coinvolti nelle vicende belliche della Prima Guerra Mondiale, vedendo in particolare protagonista l’esercito inglese.

Il percorso sarà una camminata con saliscendi facili, anello prevalentemente sterrato.

 

La quota di partecipazione ammonta a 5 euro.

Le iscrizioni dovranno pervenire entro venerdì 26 ottobre.

 

 

Si raccomanda di vestirsi a cipolla e di portarsi scarpe con buon grip ed eventuali scarpe di ricambio, kway, acqua e frutta. Al termine della camminata sarà possibile fare un picnic in loco o pranzare presso la baita al Prunno.

 

 

Per ulteriori info: https://www.nordicwalkingtreviso.net/escursione/asiago/.

La Regione Veneto ha inviato i propri tecnici a Gallio, sull’altopiano di Asiago, in sopralluogo all’allevamento preso di mira martedì scorso dall’assalto dei lupi, per verificare modalità della predazione e quantificare il danno subito

 

“Purtroppo l’allevatore dell’altopiano non aveva adottato le misure di prevenzione suggerite e finanziate dalla Regione – dichiara l’assessore, dopo aver preso visione della relazione tecnica e delle foto scattate – Il recinto in questione non era elettrificato, come quelli forniti dalla Regione, ma solo una rete di contenimento fatta con materiali non specifici, peraltro non allestita correttamente, viste le falle che hanno offerto un facile varco al passaggio del lupo. Anziché proteggere il gregge dal lupo, si è rivelata una gabbia mortale per le sue prede”.

 

 

“Capisco la paura, lo sconforto e la rabbia degli allevatori e dei malgari di fronte alle pecore sgozzate, ma ancora una volta – sottolinea l’assessore – devo rilevare l’incauto comportamento di chi non ha adottato le più elementari regole di prevenzione, né ha ritenuto opportuno chiedere di avvalersi dei nostri dispositivi, cioè recinti elettrificati e correttamente posizionati e cani da guardanìa”.

 

 

 

 

 

“Ricordo che il lupo è una specie protetta, tutelato allo stato attuale dalla legislazione nazionale ed europea – conclude l’assessore – In attesa che si costituisca il nuovo governo, al quale chiederemo di rivedere il piano nazionale di protezione del predatore almeno per le aree montane storicamente vocate alla pastorizia e all’allevamento, non resta che adottare le opportune misure di prevenzione. Misure che hanno dimostrato, là dove correttamente applicate, di essere un efficace deterrente di attacchi e predazioni”.

 

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni