Home / Posts Tagged "22 giugno"

L’associazione Amici della Musica “Toti dal Monte” è lieta di presentare un eclettico duo che, accostando due strumenti ricchi di sonorità diverse, dà vita a un repertorio vario e originale in grado di catturare atmosfere europee e nordamericane.

 

 

Il concerto rientra nell’ambito della rassegna Metropolis, con il patrocinio del Comune di Mogliano.

 

 

Si terrà questa sera alle 18.00, al centro sociale in Piazza Donatori.

 

L’ingresso è libero.

 

 

 

 

SAX APPEAL
Concerto Jazz

 

Fabio Calzavara sax contralto
Jeremy Norris pianoforte

 

In programma:

Pedro Iturralde       Suite Ellenique  
Eugéne Bozza        Aria   
Paule Maurice       Tableaux de Provence
George Gershwin     3 Preludes
Jeremy Norris       Jazz Suite

Si chiama Sant’Antonio casamenteiro ed è un evento particolare quello che avrà luogo domani, sabato 22 giugno, alla Basilica del Santo di Padova.

 

Organizzato per il secondo anno nell’ambito del Giugno Antoniano, questo evento di preghiera e aggregazione accoglierà nella Basilica centinaia di single, indicativamente tra i 20 e i 50 anni, offrendo loro un’occasione di spiritualità, confronto e vicinanza.

 

A promuovere l’iniziativa è Padre Oliviero Svanera, rettore della Basilica. “Tante persone, superata la giovinezza, sentono di non aver ancora trovato la propria strada”, sostiene.

«Non siamo un’agenzia matrimoniale», scherza poi, e sottolinea piuttosto come questo evento voglia dare ai suoi partecipanti la possibilità  di fare nuove conoscenze. Chissà che l’intercessione del Santo riesca poi a creare una relazione stabile, per vivere un futuro sereno al fianco della persona giusta.

 

Il termine casamenteiro prende spunto da una forma di devozione popolare particolarmente diffusa in Portogallo, terra natale di Sant’Antonio, e nei Paesi dell’America Latina, in cui il Santo viene invocato per trovare marito o moglie, ovvero per “accasarsi”. Da qui l’appellativo di “casamenteiro”.

Al di là dell’accasarsi, lo scopo del Sant’Antonio casamenteiro è quello di dare spazio a chi non vuole restare da solo.

 

 

Come si svolgerà l’evento

L’incontro avrà inizio alle 16.30 con l’accoglienza dei partecipanti nello Studio teologico. Seguirà poi la testimonianza del “Gruppo Sale”, che darà occasione di confrontarsi sul tema della solitudine in età adulta.

Alle 19.00 ci si sposterà in Basilica per la Santa Messa, cui seguirà un apericena nel chiostro del beato Luca Belludi accompagnato dalle note della banda musicale di Selvazzano Dentro.

L’evento richiede l’iscrizione online.

 

 

Fonte: www.santantonio.org

Per l’ottava edizione, il festival Sile Jazz 2019 presenta tante e importanti novità: 42 musicisti, 14 concerti in 12 comuni coinvolti, una crociera in laguna e nuovi percorsi di cicloturismo lungo la pista ciclabile che costeggia il fiume.

A tutto questo si aggiunge l’ospitalità dei ristoranti tipici della zona, che proporranno menù ad hoc e prodotti territorio.

 

Iniziato giovedì 13 giugno a Treviso, questa settimana il festival fa tappa al Porticciolo di Casale sul Silesabato 22 giugno si terrà l’esibizione del trio Hang Em High. Un polacco, uno svizzero ed un austriaco uniscono i loro stili jazz per formarne uno tutto nuovo, difficilmente classificabile.

Cento anni fa avvenne la “Battaglia del Solstizio”, che vide l’esercito italiano resistere all’attacco delle forze austro-ungariche. Durante questa battaglia perse la vita l’asso dell’aria Francesco Baracca, a cui oggi sono intitolati lo stadio comunale di calcio e una via a Mestre.

 

Per ricordare questi eventi storici, da venerdì 22 a domenica 24 avranno luogo tre giorni di festeggiamenti a Venezia. Domani, venerdì 22 giugno, alle 20 circa, le Frecce Tricolori sorvoleranno piazza San Marco, il Palazzo Ducale e la Basilica della Salute.

Il sorvolo delle Frecce Tricolori non avviene su Venezia dal 2004. Lo spazio aereo sulla città è dichiarato off-limits.

 

Questo fatto eccezionale coincide anche con l’apertura della tre giorni della fiera degli yacht, allestita negli spazi dell’Arsenale, in onore del 50° anniversario della storica azienda produttrice di barche di lusso Ferretti.

La giuria ha votato la rosa dei tre giovani che si sono distinti per il loro talento. Sul podio Francesco Brutto, chef del ristorante veneziano Venissa, Eleonora De Marchi, campionessa mondiale di scherma da Castelfranco Veneto e Andrea Mocellin, inventore del progetto Revolve originario di San Nazario, nel Vicentino. Venerdì 22 giugno la serata della premiazione ufficiale al ristorante di Gerry Menegon a Monfumo, nel Trevigiano

 

La giuria dello storico premio “Locanda da Gerry”, ideato da Gerry Menegon, titolare col fratello del ristorante omonimo di Monfumo, nel Trevigiano, ha proclamato i vincitori assoluti che si sono distinti per il loro talento. Ecco chi sono i tre giovani under 35 saliti sul podio delle eccellenze: lo chef Francesco Brutto, la campionessa mondiale di scherma Eleonora De Marchi e l’inventore Andrea Mocellin.

 

Francesco Brutto, trevigiano di Campocroce, classe 1988, è uno chef prodigio che vanta prestigiosi premi, tra i quali una stella Michelin per entrambi i ristoranti che gestisce, il Venissa di Mazzorbo a Venezia e Undicesimo Vineria a Treviso, Tre Cappelli alla Guida dell’Espresso di quest’anno, la stessa che già nel 2017 l’aveva nominato “Giovane dell’anno”.

 

 

 

Il secondo talento viene da Castelfranco Veneto, sempre nel Trevigiano, ed è la campionessa di scherma Eleonora De Marchi, appena ventenne e già pluripremiata. Componente della Nazionale italiana assoluta di spada femminile, ha collezionato molteplici Coppe Oro del Mondo, tra le quali Under20 a Burgos, in Spagna e a Helsinki in Russia, e le recenti sia in squadra che individuale a Laupheim, in Germania.

 

 

 

 

 

 

Infine, il terzo giovane che si è aggiudicato il premio arriva dalla provincia di Vicenza, a San Nazario in Valbrenta, ed è Andrea Mocellin, innovativo designer trentatreenne. Laureato in un Master in progettazione di veicoli al Royal College of Art di Londra, il suo curriculum riporta esperienze professionali notevoli con i più famosi marchi d’auto come Fiat, Audi e Ferrari. Mocellin si è distinto in particolare per aver inventato Revolve, la prima ruota modulare che si può piegare e infilare anche in zaino: il sogno dei viaggiatori e dei pendolari.

 

 

Lo storico premio “Locanda da Gerry” è nato nel 2008 e, dopo una pausa creativa, è tornato con una forte motivazione, “Sfatare il mito che l’Italia è un paese per vecchi, che non dà spazio quindi alle giovani leve”, spiega Gerry. “Il Premio vuole infatti dare visibilità a quei talenti under 35 che appartengono alla fascia territoriale compresa tra il Brenta e il Piave. Ma oltre a mettere in luce le grandi risorse umane del nostro territorio, abbiamo anche uno scopo sociale: una parte del ricavato viene devoluta a un’associazione di solidarietà  indicata di volta in volta, come sarà anche quest’anno”.

 

Appuntamento dunque a venerdì 22 giugno presso il ristorante di Menegon a Monfumo, in via Chiesa 6, con una cena con ospiti vip per le premiazioni.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni