IstruzioneItaliaLe eccellenzeMondo

Solomon, primo studente rifugiato che si laurea allo IUAV

2 minuti di lettura

Dal campo rifugiati in Etiopia alle aule dell’Università Iuav di Venezia: Solomon Seyoum Elala, studente eritreo, arriva a Venezia nel settembre 2020, grazie al corridoio universitario UNICORE (University Corridors for Refugees), il programma di integrazione per giovani rifugiati che intendono proseguire i loro studi in Italia.

VENEZIA – Solomon Elala viene scelto da Giovanna Marconi, referente per le attività di inclusione e coordinatrice della Cattedra UNESCO sull’Inclusione Sociale e Spaziale dei Migranti Internazionali, dopo un’attenta valutazione del curriculum e un colloquio via Skype.

“Indossava un vestito elegante da grande occasione – racconta la docente – era teso ma brillante, evidentemente determinato a giocarsi al meglio quell’unica opportunità di lasciare il campo rifugiati dove viveva da quando la sua famiglia aveva dovuto lasciare l’Eritrea, e riprendere i suoi studi in un paese che aveva molto più da offrire: il nostro. Ho scommesso su di lui, assumendomi la responsabilità di lasciare altri indietro, ed è stato un successo”.

Solomon Elala si iscrive al corso di laurea magistrale in Pianificazione e politiche per la città, il territorio e l’ambiente. Da subito si impegna e dimostra interesse per i temi del corso di studi, soprattutto quelli ambientali.

Oltre a studiare con costanza, lavora per inserirsi al meglio nel suo nuovo contesto locale, studia l’italiano, si iscrive al coro “voci dal mondo” di Mestre e collabora con iniziative promosse dalla Caritas Diocesana, partner di Iuav nel progetto UNICORE. Partecipa al gruppo di ricerca “Voci fuori luogo” nell’ambito dell’Associazione sAm-Storia a Mestre, che si occupa di interazioni sociali e culture in città.

Nel corso degli studi mette a fuoco il suo progetto di tesi: “Voleva occuparsi della sua Addis Abeba, per contribuire con il suo nuovo bagaglio di conoscenze a immaginare uno sviluppo più sostenibile degli insediamenti informali, ma temeva non fosse opportuno, in parte per la carenza di dati disponibili ma soprattutto perché si trattava di una realtà secondo lui troppo lontana da quelle sulle quali lavoravano i suoi compagni di corso”, ricorda Giovanna Marconi, che lo incoraggia e lo mette in contatto con i docenti Denis Maragno e Domenico Patassini: questi sostengono il suo progetto e lo accompagnano all’importante traguardo della tesi.

Nel luglio 2023 Solomon Elala si laurea con 108/110. 

Così descrive la sua esperienza all’Università Iuav di Venezia: “I professori sono davvero inclusivi e il loro entusiasmo nell’aiutare gli studenti è stato ammirevole. I corsi, in particolare, includono attività di lavoro di gruppo, che ci danno l’opportunità di interagire con altri studenti locali e internazionali, permettendoci di acquisire e condividere una varietà di esperienze e tecniche. Complessivamente, è stato fantastico”.

L’Università Iuav di Venezia ha aderito al Progetto Unicore a partire dalla seconda edizione indetta per l’anno accademico 2020/2021 e anche alle due edizioni successive, 21/22 e 22/23, accogliendo complessivamente 4 studenti rifugiati sempre per il corso di laurea magistrale in Urbanistica e Pianificazione del territorio, curriculum in Urban Planning for Transition. 

Articoli correlati
AttualitàJesoloLe eccellenzeMondoSaluteSport

Il fascino delle Ferrari per ‘Medici con l’Africa Cuamm’ 

2 minuti di lettura
La salute scende in pista a Jesolo: domenica 1 ottobre, su iniziativa dell’Ac Venezia, i piloti di eccezione saranno alla guida delle…
IstruzioneItaliaSostenibilità

Scuola: l’educazione alimentare e ambientale diventano un gioco

2 minuti di lettura
Parte un nuovo capitolo dell’impegno quasi decennale di Monini per la Scuola che dal 2014 ha sensibilizzato oltre 900 mila bambini e…
ItaliaLe eccellenzeSostenibilitàTutela ConsumatoriTutela del Cittadino

Poste Italiane medaglia di platino per la sostenibilità

1 minuti di lettura
Il Gruppo, guidato dall’AD Matteo Del Fante, premiato da Ecovadis per la trasparenza della catena di fornitura. Roma – Poste Italiane ha…