Venezia

Sanzionati due chioschi e un bar di Chioggia per inosservanza delle norme igienico-sanitario

1 minuti di lettura

Anche nel mese di agosto, considerato il periodo di massima affluenza turistica, l’attività dei Carabinieri di Chioggia ha continuato a concentrarsi verso la tutela del rispetto delle norme igienico-sanitario e della tracciabilità di filiera nei locali di ristorazione.

Nel corso dei controlli sono stati sanzionati due chioschi sul lungomare e un bar di Viale Mediterraneo. Nei tre esercizi commerciali sono stati ispezionati frigoriferi e congelatori e sono stati trovati ivi conservati prodotti ittici (tra cui ostriche, tonno, gamberetti, filetti di pesce, seppie, insalata di mare), assieme a salumi, carne mista, formaggi, panificati (tra cui ravioli ed involtini), dolci e verdure, tutto sprovvisto di etichettatura utile a stabilirne l’origine e la provenienza, rendendo quindi impossibile la tracciabilità di filiera.

I generi alimentari, pari a circa un quintale, di valore commerciale di circa € 1.200, sono stati sequestrati amministrativamente ed avviati allo smaltimento secondo la normativa.

Le sanzioni irrogate ad ognuno dei titolari sono pari a € 1.500.

In uno dei tre locali controllati, durante l’attività ispettiva, sono state visionate anche le tabelle di registrazione delle temperature dei frigoriferi che avevano in uso, constatando come i controlli – difformemente a quando previsto dal manuale di autocontrollo HACCP che prevede una frequenza settimanale – erano stati effettuati 3 settimane prima. Per questo il titolare è stato sanzionato di ulteriori € 2.000, come previsto dalla normativa.

Inoltre, nell’ambito della prevenzione e repressione del trasporto e della commercializzazione di prodotti ittici privi di tracciabilità, è stato sanzionato il legale rappresentante di una società agricola poiché, controllato alla guida di un veicolo frigo, stava trasportando circa una tonnellata di molluschi della specie vongole veraci, pur essendo sprovvisto del previsto documento di accompagnamento.

Durante il controllo del mezzo, inoltre, è stato fatto rilevare come il prodotto ittico, stivato all’interno di ceste, fosse appoggiato a diretto contatto con il pianale di carico non adeguatamente pulito e inidoneo al trasporto di generi alimentari destinati al consumo umano.

Le sanzioni elevate sono pari a € 2.000 per l’assenza della documentazione prevista e pari a € 1.000 per la violazione dei requisiti minimi igienici.

Le vongole, del valore commerciale stimato in € 17.000 (al consumatore finale), sono state sottoposte a sequestro amministrativo e fatte rigettare nelle acque lagunari per il ripristino del ciclo vitale.

Articoli correlati
ArteIntervisteSlide-mainVeneziaVideo

Intervista a Julien Creuzet, artista del Padiglione Francia alla Biennale di Venezia

1 minuti di lettura
Julien Creuzet, artista franco-caraibico, porta avanti un dialogo tra passato, presente e futuro attraverso opere che incorporano poesia, musica e scultura. Il…
Città Metropolitana di VeneziaMondoSlide-mainVenezia

Protesta pro-Gaza a Venezia: Padiglione Israele chiuso, intervento di Buttafuoco per la Pace

1 minuti di lettura
Mentre il Padiglione Israele rimarrà chiuso, si è tenuta una protesta pro-Gaza all’interno della Biennale. Il neo Presidente, Buttafuoco, ha inaugurato l’evento…
ArteCittà Metropolitana di VeneziaItaliaMondoSlide-mainVenezia

Biennale di Venezia 2024: i padiglioni da non perdere ai Giardini

5 minuti di lettura
L’edizione 2024 della Biennale di Venezia “Stranieri Ovunque, Foreigners Everywhere” rivela una selezione eclettica e stimolante di padiglioni artistici nei Giardini, offrendo…