Home / Regione  / Sanità. Baldin (M5S): «Ospedale di Schiavonia (PD). Presentata interrogazione in Regione»

Sanità. Baldin (M5S): «Ospedale di Schiavonia (PD). Presentata interrogazione in Regione»

Sanità. Baldin (M5S): «Ospedale di Schiavonia (PD), Zaia faccia chiarezza su numeri terapie intensive e gestione emergenza. Presentata interrogazione in Regione» Da quando è iniziata l’emergenza Covid19, i residenti della Bassa Padovana sono di fatto

Sanità. Baldin (M5S): «Ospedale di Schiavonia (PD), Zaia faccia chiarezza su numeri terapie intensive e gestione emergenza. Presentata interrogazione in Regione»

Da quando è iniziata l’emergenza Covid19, i residenti della Bassa Padovana sono di fatto privati dell’unico nosocomio di riferimento. L’ospedale di Schiavonia, sia nella “prima ondata” che a partire da fine ottobre, è stato adibito allo specifico trattamento dei soggetti che hanno contratto il virus, diventando così Covid Hospital di riferimento per la provincia di Padova.

«Il territorio si è trovato a dover gestire una situazione emergenziale che nessuno poteva prevedere – commenta la Consigliera regionale Erika Baldin (MoVimento 5 Stelle) – non mettiamo in dubbio che le scelte fatte siano state ben ponderate, mettendo davanti a tutto la tutela della salute dei cittadini. Non dimentichiamo però che l’ospedale di Schiavonia serve un bacino d’utenza di 44 Comuni e 180 mila persone e costituisce oggi l’unico presidio ospedaliero per la Bassa Padovana in seguito alla chiusura di ben quattro ospedali: Monselice, Conselve, Este e Montagnana».

«Con l’attivazione del Covid Hospital è mancato ai cittadini anche l’ultimo punto di riferimento vicino rimasto. Ora sono costretti a spostarsi nel territorio con tempi di percorrenza nettamente più lunghi, per ricevere assistenza anche a 60 km di distanza. Interessata dai gruppi Consiliari e dagli attivisti del MoVimento 5 Stelle della Bassa Padovana, ho presentato in Regione una serie di quesiti a cui il territorio desidera risposta: prima di tutto, un chiarimento sui numeri delle terapie intensive attivate tra covid e non covid. Poi vogliamo conoscere i tempi di percorrenza delle ambulanze e come sono cambiati dopo l’attivazione del Covid Hospital. Infine chiediamo perché non si sia ragionato sulla riattivazione degli ospedali dismessi a partire da quello di Monselice e se si intenda fare una valutazione seria sulla necessità di garantire tempi rapidi di soccorso e cura al territorio della Bassa Padovana, in particolare per quanto riguarda le patologie tempo-dipendenti che sono purtroppo covid-indipendenti».

Erika Baldin (MoVimento 5 Stelle), consigliera regionale

Questo giornale è gratuito ma, se vuoi, puoi sostenerlo donando un piccolo contributo di 1 euro al mese, impostando un pagamento periodico a questo link.

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni