MestreMusicaSlide-mainSpettacolo

Riccardo Onori sul palco del Candiani Groove

2 minuti di lettura

A poco più di due settimane dal debutto avvenuto sabato 17 novembre al Capanno Black Out di Prato, domani, venerdì 30 novembre alle ore 21, protagonista di Candiani Groove sarà Riccardo Onori con il suo primo album da solista Sonoristan.
 
Il nome potrebbe suonare nuovo al grande pubblico ma tutti abbiamo già sentito la sua musica: negli ultimi vent’anni la chitarra di Riccardo Onori ha accompagnato artisti come Diaframma, Stefano Bollani, Irene Grandi, Dirotta su Cuba, Samuel Romano e Lorenzo Cherubini in arte Jovanotti, con il quale collabora stabilmente dal duemila e nel mettere in dieci brani la sua maturità musicale di artista e di uomo, ha chiesto proprio la collaborazione dei grandi artisti conosciuti in una vita dedicata anima e corpo alla musica.
 
Sonoristan è un paese immaginario, un paese dove non serve il permesso di soggiorno e in cui vivono tutti gli eccezionali musicisti che Onori ha avuto come compagni di viaggio, tra cui Gianluca Petrella, Sabina Sciubba, voce nei Brazilian Girls, Hindi Zahra, Dan Kinzelman, Ruben Chaviano, Dimitri Espinosa, Mudimbi, Mohamed Azizi, Ahmed Ag Keady, GRINTV e Ziad Trambelsi.
 
Il disco è lo specchio del meltin-pot musicale che proviene dall’esperienza artistica personale del musicista che spazia tra bolero, blues, cumbia e Afrobeat. Sonoristan segna anche la nascita della nuova dell’etichetta BC LINE, costola della Black Candy Records dedicata alla scoperta di nuove sonorità raffinate e ricercate. Sonoristan è volutamente un miscuglio di generi e di sonorità in cui ognuno trova un suo ruolo che ne definisce la cifra stilistica: ci sono l’Oriente e l’Occidente, ci sono sonorità impegnate e raffinate e c’è il rap ; c’è l’incalzante afrobeat di Afro + Cobalto e il mantra meditativo di Imidiwen, da cui tutto ha avuto inizio.
 
La collaborazione con Ahmed Ag Keady è stata fondamentale per Onori nel concepire la ricchezza della diversità, di cui questo lavoro è portatore sano. E poi arriva la title track, Sonoristan, che ne è l’emblema più immediato. Sonoristan non è un disco polemico, o politicamente impegnato, Sonoristan è provocatorio, con amore. L’amore per i suoni raffinati, per la presenza, per la verità, per le belle storie, per la trascendenza che l’occidente deve ancora imparare, ma soprattutto per la musica, quel luogo dove tutti possono incontrarsi e insegnarsi qualcosa.
 
Sonoristan porta con sé la melodia delle note, un richiamo quasi da sirene del mare verso un paese dove non c’è bisogno di permessi di soggiorno per viverci. La musica unisce e apre le frontiere, prima di tutto quelle mentali e culturali, abbatte i pregiudizi e tutti i muri.
 
Ingresso: intero euro 15 – ridotto studenti, possessori tessere Cinema Più e Img, soci Caligola euro 13 – ridotto Candiani Card euro 10 – ridotto under 14 euro 3
Per informazioni: biglietti in vendita alla biglietteria del Centro e online www.biglietto.it (diritto di prevendita 1 euro)
 
www.culturavenezia.it/candiani
 

Articoli correlati
Arte, Cultura, Storia e ArcheologiaItalia MondoSlide-mainVideo

27 Settembre, in Etiopia si festeggia il "Meskel” (VIDEO)

4 minuti di lettura
Prosegue la nuova rubrica “Arte, Cultura, Storia e Archeologia” curata da Carlo Franchini. Un viaggio alla scoperta delle bellezza, delle curiosità, del…
SaluteScienzaSlide-mainVeneto

L’ateneo di Verona stila la lista dei batteri più pericolosi per la salute

1 minuti di lettura
La sezione di Malattie infettive è a capo dello studio promosso dall’Oms sull’antibiotico-resistenza. L’incremento della mortalità causata da malattie infettive e il…
AmbienteItalia MondoSlide-main

Oltre il 2% delle emissioni globali di gas serra sono causate da fertilizzanti sintetici

2 minuti di lettura
Lo studio internazionale condotto dal team di ricerca dell’Università di Torino, dell’Università di Exeter e di Greenpeace. I fertilizzanti azotati sintetici sono…

    RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!