Home / Slide-main  / Regata storica: un grande palcoscenico per tradizione, sport e innovazione

Regata storica: un grande palcoscenico per tradizione, sport e innovazione

Un’edizione baciata dal bel tempo, come da tradizione. Anche quest’anno la Regata storica non ha deluso per l’incanto di colori ed emozioni, sia i veneziani accorsi in numerosissimi a tifare per i propri beniamini del

Un’edizione baciata dal bel tempo, come da tradizione. Anche quest’anno la Regata storica non ha deluso per l’incanto di colori ed emozioni, sia i veneziani accorsi in numerosissimi a tifare per i propri beniamini del remo, di ogni generazione, sia per i visitatori ammirati dalla varietà e ricchezza dei decori delle bissone storiche e dei costumi cinquecenteschi dei figuranti in corteo. Un Canal Grande immobile ha fatto da specchio alla manifestazione, restituendo un’immagine che da secoli si ripete e che fa della Regata storica uno dei momenti più attesi e amati.

Un successo anche per le novità introdotte quest’anno. In particolare è stata accolta da  grandi applausi del pubblico la nuova bissona, decorata dalla Compagnia L’arte dei Mascareri e allestita con un ricco apparato di opere in cartapesta e cuoio.

 

Emozionante anche la riproposizione di una presenza tipica del passato a Venezia: quella degli Zattieri del Piave che, al tempo della Serenissima, rifornivano la città con il legname dei loro boschi.  Ha anticipato il corteo, tra lo stupore della folla, la zattera della Fameja dei Zatèr e Menadàs de la Piave di Codissago (Belluno), con a bordo i rappresentanti di 44 associazioni europee.

 

Apprezzato anche l’intrattenimento a terra che in campo San Marcuola, in corrispondenza del tradizionale giro del paletto, ha impegnato vari artisti nella realizzazione di un’opera d’arte con diverse tecniche creative, ispirata alle regate, a cura dell’Associazione Culturale Veneto nostro – RaixeVenete in collaborazione con la Galleria d’Arte IlI Millennio.

Infine, il gemellaggio con il Gran Premio d’Italia di Formula1 suggellato dalla fiammante Ferrari F1  rossa, attraccata davanti al giardino di Ca’ Vendramin Calergi, sede del Casinò di Venezia. Una presenza di forte impatto che ha affianca la tradizione della Regata alle più avanzate tecnologie.

 

 

                    

Questo giornale è gratuito ma, se vuoi, puoi sostenerlo donando un piccolo contributo di 1 euro al mese, impostando un pagamento periodico a questo link.

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni