ArteCulturaLe eccellenzeSlide-mainVenezia

Quarta edizione della Biennale del Merletto

2 minuti di lettura

A Burano è iniziata la quarta edizione della Biennale del Merletto. In programma da luglio “I venerdì del merletto” con dimostrazioni di merletto ad ago e fuselli

Venezia – “Il filo dei merletti di Burano unisce la tradizione del passato all’innovazione contemporanea”. Sono queste le parole della dirigente dell’area attività Musei Civici di Venezia, Chiara Squarcina, che ha illustrato, al Museo del Merletto di Burano, il programma della 4^ edizione della Biennale del Merletto. L’inaugurazione si è svolta alla presenza della presidente del Consiglio comunale, Ermelinda Damiano e del consigliere delegato ai Rapporti con le isole, Alessandro Scarpa. Inoltre, Marina Marcello del Majno della Fondazione Adriana Marcello. 

Quarta edizione della Biennale del Merletto

Una rassegna internazionale, che si terrà fino al prossimo 8 gennaio 2025, scandita da una mostra, dal titolo “Fragile Stories”, con due voci contemporanee di Mandy Bonnell e Déirdre Kelly. Sono loro e le loro interpretazioni sulla storia, il valore estetico e storico dell’arte del merletto.

“La Fondazione Musei Civici ha messo da anni molto impegno in quello che è diventato un vero e proprio percorso della città”ha commentato la presidente Damiano all’inaugurazione tenutasi venerdì scorso.

“Il nostro desiderio e obiettivo è quello di raggiungere al più presto il riconoscimento dell’antica arte veneziana all’iscrizione nella Lista del Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità, riconoscimento UNESCO. Sono queste iniziative che danno quella spinta necessaria per continuare a tutelare e salvaguardare un’arte plurisecolare, espressione d’artigianalità veneziana. Un grande ringraziamento va sicuramente alle nostre merlettaie perché senza la loro resilienza quest’arte sarebbe andata persa. Invece, è stata trasmessa anche alle nuove generazioni”.

Un merletto per Venezia

Dello stesso tono anche l’intervento del consigliere delegato del sindaco, Scarpa: “Sono molto legato all’arte del merletto in quanto figlio di una merlettaia. Mi rendo conto quanto importante sia la trasmissione di questa tradizione alle nuove generazioni. E’ pertanto fondamentale il lavoro, che da anni portiamo avanti insieme ai Musei Civici, volto alla valorizzazione di questa particolare abilità creativa”. 

Con l’occasione, si è tenuta anche la premiazione del 10^ Concorso nazionale di merletto ad ago e di merletto a fuselli: “Un Merletto per Venezia” dedicato quest’anno al tema “La favola”. É intesa non solo come rimando ai racconti di Esopo, Fedro, Jean de La Fontaine, i fratelli Grimm, Charles Perrault e Gianni Rodari, ma soprattutto come narrazione, dall’importante valore educativo. Un concorso nato per promuovere a livello nazionale un’attività di alto artigianato che rischia di scomparire.

“E’ necessario sdoganare il concetto che il merletto sia qualcosa di antico, un oggetto quasi archeologico” sono le parole di Squarcina. “E’ invece un’arte contemporanea, dietro il lavoro di una merlettaia c’è una mano ma anche un pensiero e un sentimento che richiamano all’attualità dei giorni nostri”.

Attraverso il concorso, emerge così un nuovo ruolo del merletto che, come opera autonoma, abbandona la funzione di abbigliamento e arredo a favore di un’inedita espressività. Il concorso accoglie due categorie di lavoro, merletto ad ago e a fuselli, e due stili, antico e moderno. Tipica del merletto dell’isola veneziana di Burano è la lavorazione rigorosamente ad ago.

I merletti originali di Burano si distinguono per l’estrema complessità del disegno e della tecnica. Inoltre, per l’utilizzo di fili molto sottili (di cotone, lino, seta, dorati o argentati) e per una lavorazione estremamente lunga, per la quale sono d’obbligo studio e applicazione pluridecennali. La lavorazione a fuselli, più veloce e tecnicamente meno impegnativa, è divenuta invece tipica, nell’ambito della laguna di Venezia, dei merletti di Pellestrina. 

Il programma

Il programma de “I venerdì del merletto” è sul sito: https://museomerletto.visitmuve.it/it/eventi/eventi-in-corso/biennale-del-merletto-2024/2024/06/19234/quarta-edizione/ . L’ingresso agli eventi su invito fino a esaurimento dei posti disponibili. La mostra FRAGILE STORIES è visitabile con l’orario e il biglietto del Museo del Merletto dal 14 giugno 2024 all’8 gennaio 2025.

Articoli correlati
AttualitàIntravisti per voiPrima FilaSlide-main

Matrimonio con Sorpresa

1 minuti di lettura
Matrimonio con Sorpresa è un film diretto da Julien Hervé e ci narra la storia di una coppia di fidanzati, Alice Bouvier…
ItaliaSlide-mainSportVideo

A 90 minuti da EURO2025

3 minuti di lettura
L’Italia di Soncin pareggia 0-0 in Olanda. Ora si giocherà la qualificazione diretta a Euro 2025 nell’ultima partita con la Finlandia SITTARD…
Economia&LavoroItaliaSlide-mainVeneto

Il Veneto rinforza la sua presenza in Federmeccanica

2 minuti di lettura
La recente elezione di sette rappresentanti veneti nel Consiglio Generale per il biennio 2024-2026 rafforza ulteriormente la presenza veneta in un settore…