AttualitàMoglianoSlide-main

Quale scenario politico per Mogliano, dopo l’abbandono del Partito da parte del Sindaco?

1 minuti di lettura

Cittadini perplessi ma fiduciosi, anche se non mancano i borbottii.

Il Sindaco di Mogliano Veneto, Davide Bortolato, assieme a due assessori e cinque consiglieri comunali, lasciano la Lega, partito con il quale supporto avevano vinto, seppur di misura, le locali elezioni del 2019.

Il Gruppo consigliare “Lista Bortolato Sindaco” dichiara, da subito: “Oggi ci sentiamo ancora più convinti nel confermare piena fiducia e sostegno al nostro Sindaco. Sosterremo ancora con maggiore impegno e convinzione la maggioranza per raggiungere gli obiettivi del mandato nell’interesse della nostra Città.”

Una chiara presa di posizione che rispecchia anche quella dei cittadini che si sono affidati alla persona da eleggere, non al Partito politico che la appoggiava.

Ma come la penseranno i Leghisti più affezionati al simbolo del Carroccio? La Lega viene data oramai per distrutta ad opera dello stesso segretario nazionale, ma i militanti e gli iscritti alla sezione locale sono comunque una realtà da considerare, a Mogliano così come in centinaia di comuni italiani.

L’opposizione si trova servita in un piatto d’argento l’opportunità di contestare il gesto, chiedendo le dimissioni della maggioranza, evidenziando il fatto che la volontà di voto espressa dai moglianesi non viene più rappresentata dalla Giunta. Chiede inoltre chiarezza sulle motivazioni che han portato all’esodo, ritenendo flebili quelle espresse nel comunicato stampa di ieri.

In tutto questo, con le elezioni previste per il 2024, partiti come Fratelli d’Italia, in netta crescita di consensi, saranno pronti a formare una squadra candidabile per le Comunali?

“Coraggio Italia” del Sindaco di Venezia, Brugnaro, sta davvero interessandosi anche alla scena politica moglianese e strizzando l’occhio agli oramai ex leghisti?

Se, poi, nascesse una coalizione civica di destra moderata, fatta di persone in grado di raccogliere discreto consenso e potesse rappresentare un’alternativa alle locali sezioni dei Partiti, quanto potrebbe condizionare il risultato venturo?

Le attuali civiche, di supporto alla ex maggioranza leghista, troveranno ancora collocazione politica?

Resta certo che il lavoro per i cittadini continuerà alacremente e questo ribaltone non condizionerà la capacità amministrativa del locale governo moglianese, ampiamente dimostrata; questo è quel che conta per i moglianesi.

Gianluca Longo

Articoli correlati
AmbienteEconomiaSlide-mainSostenibilitàVeneto

Unanimità del Consiglio Regionale del Veneto per la legge sulle comunità energetiche

3 minuti di lettura
“Sono particolarmente soddisfatto dell’approvazione da parte del Consiglio regionale di questa nuova legge fortemente voluta dalla Giunta e frutto di ampia collaborazione…
JesoloSlide-main

"Malamovida” a Jesolo. 4 indagati per rissa aggravata

1 minuti di lettura
Le indagini disposte dalla Procura della Repubblica di Venezia, a seguito di una rissa verificatasi nella nottata del 29 maggio 2022, i…
JesoloSlide-main

Christofer De Zotti è il nuovo sindaco di Jesolo: "Pronto a lavorare da subito, non sarà l'anno zero"

2 minuti di lettura
Prcolamazione ufficiale ieri sera in diretta streaming. Ieri mattina, invece, il nuovo sindaco di Jesolo Christofer De Zotti ha ricevuto dal primo…

    RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!