AmbienteNaturaSlide-mainTutela del CittadinoVeneto

Protezione Civile. Dal 1 ottobre cambiano le modalità di allertamento

2 minuti di lettura

La Direzione della Protezione Civile della Regione del Veneto comunica che, in esecuzione di una delibera proposta dall’Assessore alla Protezione Civile Gianpaolo Bottacin, dal 1 ottobre 2022 cambieranno le modalità di allertamento del Centro Funzionale Decentrato della Regione del Veneto per il rischio idrogeologico per temporali e le modalità di segnalazione di terremoto. 

La D.G.R. n. 869 del 19 luglio 2022, infatti, modifica i criteri precedentemente utilizzati per la valutazione della criticità idrogeologica per temporali e le conseguenti modalità di allertamento, in particolare aggiorna e sostituisce quanto riportato nel documento “Informativa sui temporali” emesso nell’estate 2015, in cui venivano illustrati i criteri e le modalità di allertamento adottati in quel periodo, considerando gli aspetti meteorologici, quelli relativi agli scenari di criticità e quelli relativi alle azioni di protezione civile. Le principali modifiche riguardano i documenti di allertamento e i criteri di allertamento per temporali forti.

Documenti di allertamento:

Avviso di criticità idrogeologica e idraulica: è stato modificato il layout dell’avviso esplicitando la valutazione, per ciascuna zona di allerta, del livello di criticità per rischio idrogeologico per temporali con l’inserimento di una colonna apposita nella tabella della Criticità prevista (vedi facsimile in Figura 1 allegata). Nel contempo, la colonna relativa alla criticità idrogeologica riassorbe entrambe le criticità precedentemente indicate come “Idraulica rete secondaria” e “Geologica”;

Prescrizioni di protezione civile: è stato adeguato il formato del documento, con inserimento della dichiarazione delle fasi operative specifiche per la Criticità idrogeologica per temporali (vedi fac-simile in Figura 2 allegata).

Criteri di allertamento per temporali forti:

  • IN LINEA CON LE INDICAZIONI NAZIONALI, L’ALLERTA PER TEMPORALI NON PREVEDE PIÙ IL CODICE ROSSO
  • il massimo livello di allerta per temporali è quello ARANCIONE; non è previsto il codice di allerta ROSSO per i temporali perché tali fenomeni, in questo caso, sono associati a condizioni perturbate intense e diffuse che già caratterizzano l’allerta rossa per rischio idrogeologico
  • In linea con le indicazioni nazionali, con probabilità bassa/contenuta di temporali forti non organizzati (probabilità di accadimento 10-30%) il territorio è in codice VERDE (in precedenza era GIALLO). Per rendere consapevoli gli utenti che il rischio di fenomeni intensi, anche se basso, risulta comunque non trascurabile e va considerato con attenzione, viene riportata una frase specifica nel bollettino Meteo Veneto in cui si evidenzia la presenza di tale rischio.
  • Con probabilità medio-alta (probabilità di accadimento >30%) di fenomeni intensi organizzati l’allerta è ARANCIONE anche per le zone di allerta prevalentemente “di pianura” (Vene-D, E, F, G). In precedenza era ARANCIONE solo per le zone montane (Vene-A, B, C, H), altrove al più GIALLA
  • Sono stati omogeneizzati i criteri di allertamento per tutte le zone di allerta, senza distinzione tra zone montane e pianeggianti
  • Sono stati meglio esplicitati i criteri di allertamento per eventuali fenomeni persistenti, caso particolare dei fenomeni organizzati.
Articoli correlati
MoglianoSlide-mainSpeciale 25 novembre contro la violenza sulle Donne

Continuano gli eventi a Mogliano Veneto per dire NO alla violenza in ogni sua forma

2 minuti di lettura
L’annuale Staffetta lungo il Terraglio termina quest’anno con l’inaugurazione di un’opera in memoria di tutte le vittime di violenza Nell’ambito delle molte…
AmbienteCulturaSlide-mainVenezia

Venezia e i cambiamenti climatici all'Ateneo Veneto

1 minuti di lettura
Venezia è un patrimonio tanto inestimabile quanto fragile e ha mostrato tutta la sua fragilità nel novembre 2019, quando l’acqua alta ha…
Slide-mainVeneto

Selva di Cadore, 3,1 milioni di euro per la sicurezza del territorio

2 minuti di lettura
L’Assessore al Dissesto Idrogeologico Gianpaolo Bottacin si è recato a Selva di Cadore, nel bellunese, per un sopralluogo a due cantieri curati…

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio