Slide-mainSport

Pronte a ripartire le piscine al coperto: riapertura fissata per il 1° luglio

2 minuti di lettura

Riapriranno il 1° luglio, in Veneto proprio come in tutte le altre regioni d’Italia, le piscine al coperto, impianti frequentati da persone di ogni età i quali consentono di praticare un’attività sportiva piacevole e di indiscussa utilità per il benessere fisico.

 

Anche a Venezia, a Treviso e nei relativi dintorni c’è una grande attesa per questa “ripartenza”, in zona, infatti, le piscine coperte non mancano.

 

Data stabilita dal Decreto Legge del 18 maggio 2021, n. 65

A fissare al 1° luglio la data di riapertura di questi centri sportivi è stato il Governo tramite il Decreto Legge del 18 maggio 2021, n. 65, con il quale sono state appunto fissate le date di riapertura di diverse tipologie di attività a seguito della sosta dovuta all’emergenza sanitaria.

 

L’articolo di questo Decreto Legge che fa riferimento a queste aziende è il n. 4, il quale si rivolge, oltre che alle piscine, anche alle palestre, ai centri natatori e ai centri benessere.

 

Le palestre hanno potuto già riaprire i battenti lo scorso 24 maggio, mentre per tutte le altre attività citate dall’articolo in questione è appunto dal 1° luglio 2021 che sarà possibile riprendere ad operare.

 

Si rispetteranno specifiche disposizioni di sicurezza

Le varie attività che hanno recentemente riaperto, o che apriranno nelle settimane a seguire, dovranno comunque attenersi alle varie disposizioni di sicurezza necessarie per scongiurare la diffusione del virus Covid-19; per quanto riguarda in maniera specifica le piscine, il già citato Decreto Legislativo rimanda ai protocolli e alle linee guida adottati dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento sullo sport, fermo restando quanto stabilito dal Decreto Legge del 22 aprile 2021, n. 52.

 

Gli avventori delle piscine, dunque, saranno chiamati a rispettare alcune accortezze che vanno al di là di quelle canoniche, accorgimenti tuttavia assolutamente necessari per poter praticare sport senza rischi; è pur vero che le statistiche riguardanti il Covid-19 stanno migliorando e che la percentuale di popolazione coperta da vaccino continua a crescere, ma il nemico, purtroppo, non può essere definito sconfitto ed è dunque necessario tenere alti i livelli di guardia.

 

Anche i gestori delle piscine, ovviamente, dovranno rispettare specifiche procedure nella gestione della struttura, oltre a tutte le prassi canoniche legate al mantenimento dell’igiene nelle vasche, si pensi all’utilizzo del classico cloro per piscine e di altri prodotti per la pulizia trattati da e-commerce del settore come AcquaViva Store.

 

Una notizia molto positiva anche a livello economico

La riapertura delle piscine al coperto è sicuramente una notizia molto positiva, non solo per tutti gli sportivi che praticano nuoto e discipline affini, ma anche dal punto di vista economico: quello dello sport, infatti, è uno dei settori che più hanno sofferto nell’ultimo anno per via delle chiusure obbligate, di conseguenza si auspica che tali aziende possano riprendere a lavorare con continuità.

 

I lavoratori del settore, d’altronde, non sono affatto pochi, senza trascurare tutto l’indotto, dunque questa riapertura potrà senz’altro portare una ventata d’ossigeno a queste imprese, come anche a lavoratori dipendenti e liberi professionisti che, da quando più di un anno fa è scoppiata la pandemia, sono rimasti fermi praticamente sempre.

Articoli correlati
Arte, Cultura, Storia e ArcheologiaItalia MondoSlide-mainVideo

27 Settembre, in Etiopia si festeggia il "Meskel” (VIDEO)

4 minuti di lettura
Prosegue la nuova rubrica “Arte, Cultura, Storia e Archeologia” curata da Carlo Franchini. Un viaggio alla scoperta delle bellezza, delle curiosità, del…
SaluteScienzaSlide-mainVeneto

L’ateneo di Verona stila la lista dei batteri più pericolosi per la salute

1 minuti di lettura
La sezione di Malattie infettive è a capo dello studio promosso dall’Oms sull’antibiotico-resistenza. L’incremento della mortalità causata da malattie infettive e il…
AmbienteItalia MondoSlide-main

Oltre il 2% delle emissioni globali di gas serra sono causate da fertilizzanti sintetici

2 minuti di lettura
Lo studio internazionale condotto dal team di ricerca dell’Università di Torino, dell’Università di Exeter e di Greenpeace. I fertilizzanti azotati sintetici sono…

    RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!