Home / Venezia  / Marghera  / Prof. Palù: “Venezia luogo ideale per studi internazionali sui virus”

Prof. Palù: “Venezia luogo ideale per studi internazionali sui virus”

Questa mattina, a Marghera, la sala stampa della sede della Protezione Civile si è trasformata in un’aula universitaria dove Giorgo Palù, professore emerito di Microbiologia e Virologia presso l’Università di Padova e professore di Neuroscienze

Questa mattina, a Marghera, la sala stampa della sede della Protezione Civile si è trasformata in un’aula universitaria dove Giorgo Palù, professore emerito di Microbiologia e Virologia presso l’Università di Padova e professore di Neuroscienze e Tecnologie presso la Temple University di Philadelphia, ha tenuto una lectio magistralis agli attentissimi giornalisti.

 

A presentare il professor Palù, che è Presidente dell’AIFA, Agenzia Italiana del Farmaco, e membro del CTS, Comitato Tecnico Scientifico, c’era l’assessore Manuela Lanzarin mentre il Presidente Luca Zaia era assente per la partecipazione all’ennesima conferenza delle Regioni.

 

La Lanzarin ha inizialmente comunicato gli ultimi dati che vedono 850 nuovi positivi e 7 decessi nelle ultime 24h mentre calano sensibilmente il degenze negli ospedali, meno 55.

 

Nel suo excursus sull’origine e l’evoluzione del SARS-COV-2, il prof. Palù ha spiegato il perché l’impatto delle varianti di un virus deve esser studiato in quanto queste possono influire sulla patologia per contagiosità, virulenza, morbosità e letalità. Inoltre bisogna verificare l’impatto delle varianti sull’efficacia dei vaccini e dei farmaci.

 

“C’è la necessità di creare un piano di monitoraggio dell’evoluzione di SARS-COV-2 e la risposta immunitaria dell’ospite perché non tutti reagiscono nello stesso modo” ha detto Palù riferendosi alle diverse reazioni di ciascuno di noi nei confronti della malattia.

 

“Bisogna allestire una task force permanente per affrontare queste e le nuove minacce pandemiche. Nel 2050 si potrebbe morire più per infezioni da batteri resistenti che di tumore” ha detto nelle conclusioni il prof Palù auspicando che venga scelta Venezia come luogo ideale per convogliare gli studiosi di tutto il mondo essendo stata la madre di tutte le lotte contro le epidemie istituendo le quarantene, i lazzaretti, le maschere per proteggere dai contagi, i protocolli di cura e molto altro.

Il prof. Palù ha espresso ottimismo sui vaccini a RNA e alla loro nuova formula valida per ogni variante.

 

 

Silvia Moscati

Questo giornale è gratuito ma, se vuoi, puoi sostenerlo donando un piccolo contributo di 1 euro al mese, impostando un pagamento periodico a questo link.

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni