Prevenire è essenziale, perché il tumore al seno sopravvive anche al Covid

Nei giorni scorsi la casa di cura di Monastier ha donato 5000 euro alle donne ammalate di tumore del Trifoglio Rosa di Mestre che pagaiano. L’iniziativa si tiene ormai da 4 anni e la cifra donata loro è parte dei proventi della prevenzione fatta dalle donne l’anno scorso

Il tumore al seno è un problema che esisteva prima del Covid, esiste adesso e sopravviverà anche al Covid. Per questo è importante giocare d’anticipo. A dirlo sono i medici del Presidio Ospedaliero “Giovanni XXIII” di Monastier durante la commovente “Cerimonia dei fiori” che si è tenuta lunedì a Venezia, dove le “Trifoglio Rosa” di Mestre (donne operate di tumore al seno della squadra di dragon boat della Canottieri Mestre) hanno voluto salutare tutte le loro compagne che purtroppo non ce l’hanno fatta, lanciando nell’acqua della laguna delle gerbere rosa: una per ogni donna che nel periodo del lockdown se ne è andata, senza neppure il conforto di un abbraccio.

Nell’occasione il Presidio Ospedaliero “Giovanni XXIII” di Monastier (TV) ha riconfermato ufficialmente, per il quarto anno consecutivo, il proprio sostegno alla squadra di dragon boat rosa donando un assegno di 5000 euro, frutto della prevenzione effettuata da altre donne.

La cifra è infatti parte del provento degli esami strumentali alle mammelle effettuati durante l’ottobre scorso, che è considerato il mese rosa della prevenzione del tumore al seno.

“Aiutare queste donne così determinate e coraggiose è per noi un orgoglio. Chi si ritrova a dover affrontare diagnosi e operazioni così importanti ha bisogno di tutto il supporto per continuare a vivere in salute e serenità”, ha detto Matteo Geretto Responsabile Comunicazione del Presidio Ospedaliero “Giovanni XXIII” di Monastier presente alla cerimonia. Il contributo di oggi getta le basi per la partecipazione delle trifoglio Rosa allo straordinario Festival mondiale di dragon boat delle Donne in Rosa in Nuova Zelanda, dal 28 marzo al 3 aprile 2022.

“Abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti per farci conoscere il più possibile, perché crediamo che la nostra gioia di vivere debba essere condivisa con tutte quelle donne che ancora sono prigioniere di quella paura, di quella solitudine e di quella sofferenza che ciascuna di noi ha vissuto prima di scoprire il Trifoglio Rosa”, ha detto Cristiana Csermely portavoce delle “Trifoglio Rosa” di Mestre, Cristiana Csermely.

“È fondamentale all’interno di questa pandemia non dimenticare che esistono altre patologie, esistono altri ammalati che hanno lo stesso diritto di essere seguiti assistiti e curati. Il tumore al seno, nonostante i miglioramenti delle tecniche diagnostiche a nostra disposizione e i conseguenti vantaggi in termini di precocità della diagnosi, rimane per la donna la prima causa di morte per ogni fascia di età. Tale incidenza, in relazione ai progressi multidisciplinari in ambito terapeutico specialistico, rimane fortunatamente stabile pur in rapporto al lento ma costante aumento del numero di persone affette da questa patologia”, ha aggiunto il dottor Roberto Busolin Primario della Senologia del Presidio Ospedaliero di Monastier.

“Una donna durante il periodo Covid deve fare esattamente quello che faceva prima senza essere da questo influenzata o limitata: i controlli annuali completi per le donne oltre i 40 anni con visita, mammografia ed ecografia. Nella migliore delle ipotesi la mammografia vede l’80% dei tumori; abbinando anche la visita e l’ecografia si arriva al 97/98% di probabilità di individuare il tumore al seno. Le donne in età precedente i 40 devono comunque imparare a conoscere il proprio seno con l’autopalpazione e non abbassare la guardia”, ha ribadito il dottor Pasquale Piazzolla, chirurgo senologo del Presidio Ospedaliero “Giovanni XXIII”.

Questo giornale è gratuito ma, se vuoi, puoi sostenerlo donando un piccolo contributo di 1 euro al mese, impostando un pagamento periodico a questo link.

Commenta la news

commenti

Ultima modifica il 22 Ottobre 2020 12:51

Redazione Il Nuovo Terraglio

Leave a Comment
Condividi
Pubblicato da
Redazione Il Nuovo Terraglio

Articoli Recenti

Zaia: domani negozi aperti

“Oggi ho firmato una nuova ordinanza che andrà in vigore già da domani: aprono tutti…

% giorni fa

Esce il nuovo singolo del cantautore trevigiano Emanuele Conte, “Ridono”, che parla ai giovani di bullismo e body shaming

“Invitare i giovani a riflettere sulle conseguenze del bullismo silente e dell’anoressia. Fenomeni che impongono di…

% giorni fa

Esce oggi “Ridono”, una canzone contro anoressia e bullismo

Nato da un progetto di approfondimento del Liceo Duca degli Abruzzi, esce oggi in anteprima…

% giorni fa

Nasce “Explora”, un progetto per insegnare a fare business e a valorizzare l’imprenditorialità ai tempi del Covid

Insieme a Ca' Foscari Challenge School, il Credito Cooperativo CMB di Treviso ha dato vita…

% giorni fa

Caso ENERGIA ITALIA: stornati finanziamenti per 51mila euro

A partire dal 2018 sono stati numerosi i casi di vendita porta a porta da…

% giorni fa

La pesca si reinventa: consegne a domicilio per superare l’emergenza

Ristorazione praticamente ferma e comunque con attività ridotta ai minimi storici. Il settore ittico, una…

% giorni fa