Home / Venezia  / Mestre  / Ospedale dell’Angelo di Mestre. Fallimento del progetto di finanza

Ospedale dell’Angelo di Mestre. Fallimento del progetto di finanza

Riceviamo e pubblichiamo una nota di considerazione di Daniele Giordano, Segretario confederale CGIL Venezia, sulla situazione del   “Apprendiamo dalla stampa delle elevate temperature percepite all’interno dell’Ospedale dell’Angelo con l’arrivo dei primi caldi. Ancora una volta, il principale

Riceviamo e pubblichiamo una nota di considerazione di Daniele Giordano, Segretario confederale CGIL Venezia, sulla situazione del

 

“Apprendiamo dalla stampa delle elevate temperature percepite all’interno dell’Ospedale dell’Angelo con l’arrivo dei primi caldi. Ancora una volta, il principale presidio della Ulss sale agli onori della cronaca non per esempi virtuosi di assistenza ma per le sue gravi difficoltà e carenze strutturali – dichiara Daniele Giordano, Segretario confederale della Cgil veneziana. – Assistiamo a un continuo correre ai ripari per correggere il progetto fallimentare della costruzione di questo ospedale, accompagnato dagli annunci di nuovi progetti per pensare a come ricondurre questa struttura a misura del cittadino/paziente, non ultimo quello di un sistema di climatizzazione diffusa fermo per via dei costi elevatissimi di realizzazione per via della conformazione dell’Ospedale.
Tutto questo dimostra il fallimento del progetto di finanza e ancora una volta dimostra come l’affare l’hanno fatto i costruttori e i progettatori, che stanno beneficiando di una rendita trentennale senza rischi e senza ripercussioni negative sul piano delle responsabilità. Perché, ovviamente tutte queste misure tampone, vengono scaricate sulle casse pubbliche.
È inoltre preoccupante l’assenza di Azienda Zero che, a detta dei suoi ispiratori, avrebbe vigilato sulle inefficienze dei progetti di finanza e posto un argine all’utilizzo delle risorse pubbliche. Come CGIL ci chiediamo come sia possibile che dopo tutte le numerose denunce del Direttore Generale Dal Ben l’Azienda Zero, non abbia ancora aperto un vero e proprio
contenzioso nei confronti dei responsabili di questa situazione.
Continuano a spendere risorse per adeguare una struttura che ha solo 10 anni – conclude – e non si pensa a provvedimenti definitivi che potrebbero mettere fine a questa emorragia di risorse che potrebbero essere spese meglio”.

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni