Home / Cultura  / Narrazione  / Orgoglio a prua

Orgoglio a prua

Pubblichiamo il racconto con cui la nostra amica e collaboratrice Cristina De Rossi ha vinto il premio del pubblico al concorso letterario “Racconta le tue origini di Venezia. Miti e storie”   Nebbia. Stanotte più fitta del

Pubblichiamo il racconto con cui la nostra amica e collaboratrice Cristina De Rossi ha vinto il premio del pubblico al concorso letterario “Racconta le tue origini di Venezia. Miti e storie”

 

Nebbia. Stanotte più fitta del solito. Come mucche in fila a spruzzare latte, tutte insieme. Bianca, fredda. Penetra, mi sento fradicio fin dentro i polmoni. Ma resisto. Ho un compito da svolgere e non ho rivali. Fiuto infatti ogni palo, canneto o secca, che intralci il navigare. E abbaio. Forte, così il mio padrone affonda il remo. Imperterrito a prua, fendo il liquido opaco. Lo confesso, per un momento invidio Rosso, il gatto acciambellato sul fondo della barca, tra vettovaglie, due pecore e una capra. Viene con noi, dice il mio padrone, perché è insuperabile a cacciare topi. Ma ora, a guidare la barca ci sono io e il mio naso umido. I due bimbi dormono ignari sulle ginocchia della mamma, avvolti in una calda coperta di lana altinate. La barca odora di sale e resina. Navigare con la nebbia è quasi impossibile, ma bisogna. La minaccia è ormai troppo vicina. Popolazioni ostili, dai volti duri e abiti strani, con cavalli meno belli dei nostri, ma più grossi e potenti. Lasciamo abitazioni confortevoli, taverne odorose di mosto, strade affollate di carri straripanti, tombe adorne, portici ombrosi, rigogliosi orti. E pianure sconfinate, con siepi canterine e monti quasi a toccarli. Terra e acqua, sorelle abbracciate strette. Da secoli. Continuo a fiutare, ritto di prua. Un’isola. Prima di noi, altri ci hanno preceduto. Ho sentito dire al mio padrone, rincuorando la moglie, che qui risorgerà la nostra e tante altre case ancor più belle, solcate da larghe strade. E superbe chiese, monasteri e sontuosi palazzi. Bellezza e cultura, anch’esse sorelle, uniche al mondo. Rosso ha già iniziato a cacciare e il mio naso annusa l’aria. E la sento. Deliziosa. Aspetta solo me, cane altinate di nobile aspetto e di pura razza fantasia, pronto a ripopolare questo magico luogo del futuro!

 

Cristina De Rossi

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni