Ogni nascita è una natività, il miracolo che gli uomini possono compiere

Qualche settimana fa abbiamo pubblicato l’inizio della storia del Natale di Barbie e Ken. Oggi ve ne proponiamo il seguito, che alle ore 15 di lunedì 23 e di martedì 24 dicembre l’autrice Silvia Moscati illustrerà  in piazza della Repubblica, vicino alla Chiesa S. Carlo.

Barbie e Ken si erano conosciuti giovanissimi su un set cinematografico; fu un vero colpo di fulmine! Si amavano teneramente e tutti, intorno a loro, sorridevano perché erano una coppia giovane, bella e innamorata. Dopo qualche anno da favola, Barbie, per coronare la loro storia d’amore, cominciò a desiderare il matrimonio ma Ken non ne voleva sapere. Dopo quindici anni di fidanzamento, si lasciarono. Da quel momento non furono più gli stessi: Barbie diventò solitaria, e dedita al cibo, mentre Ken si trasformò in un farfallone perso nell’alcol.

Inaspettatamente, dopo cinque anni si incontrarono nuovamente su un set televisivo, per una particina in un film dove dovevano apparire innamorati come una volta. E fu ancora amore! Questa volta però non c’era la favola. Barbie e Ken si ritrovarono a fare i conti con la crisi, con il lavoro che non c’era più e con la loro età ormai ben sopra i quarant’anni. Così si misero a vendere le tante cose che avevano accumulato negli anni d’oro: gioielli, vestiti, camper, auto e la casa di Malibù. Ken passava le giornate al computer inviando il suo curriculum nella speranza di trovare un nuovo lavoro.

Il loro ritrovato amore compensava tutte le amarezza della vita; e poi c’era una dolce novità, Barbie aspettava un bambino! Vista l’età, oltre la felicità c’era un po’ di apprensione per la gravidanza e Ken, tra lacrime e gioia, si domandava come avrebbero fatto a tirare avanti, senza lavoro, con lo sfratto e senza la possibilità di affittare un’altra casa. La dolce attesa stava proseguendo bene ma, pochi giorni prima della data prevista per il parto, furono costretti a lasciare casa. Si trasferirono con poche cose in un vecchio container a forma di televisione che era stato la location di uno spot televisivo al quale avevano partecipato. Questo sostava dimenticato in un parcheggio di un centro commerciale. Era il giorno della Vigilia di Natale e faceva molto freddo. Dopo la chiusura dei negozi, Ken aveva trovato, tra i rifiuti dell’ultima ora, un po’ di tutto: carta da imballo stropicciata, decorazioni natalizie, statuette di Presepe scheggiate e perfino un albero di Natale con la punta tranciata. Si era affrettato a raccogliere tutto quello che poteva servirgli per addobbare la loro dimora ed era riuscito a realizzare un albero e un bel Presepe.

Barbie non stava molto bene, cominciava a sentire le contrazioni del parto. Ken, che aveva seguito il corso online “partorire in casa” prima di vendere il computer, capiva che il grande momento stava per arrivare. La data prevista sarebbe stata il giorno di S. Stefano ma alla mezzanotte del 24 dicembre Barbie partorì il loro bimbo al quale diedero il nome Chris. Un po’ per la vergogna del loro stato economico e un po’ perché non sapevano come fare, Barbie e Ken non avevano comunicato a nessuno della loro situazione né del lieto evento; se ne stavano soli soletti a godersi i primi giorni del bebè. Ma tra il personale del centro commerciale qualcuno aveva riconosciuto Ken e ben presto la notizia si era diffusa sul web; qualcuno si stavano muovendo.

Loro avevano festeggiato il Capodanno nel container a forma di televisione e ora, a pochi giorni dalla felicità assoluta, la disperazione stava prendendo il posto della gioia.

Ma un Post, con la notizia della loro situazione, era apparso su Facebook e subito il mondo dei Social, come una stella cometa, aveva segnato la strada per portare un concreto aiuto alla nuova famiglia. E una visita inaspettata cambiò il corso delle cose: tre Re Magi, o almeno sembravano tali, si recarono nel container a forma di televisione per portare in dono a Ken il contratto di lavoro come cassiere nel centro commerciale. Inoltre, una signora che aveva una parte della sua casa adibita a Bed & Breakfast aveva offerto loro l’alloggio perché era stanca di lavorare e voleva godersi la pensione. Il canone sarebbe stato molto basso almeno finché il piccolo non fosse andato all’asilo e Barbie non si fosse trovata un lavoro. Gli altri commessi avevano confezionato un bel corredo e dei giocattoli per il piccolo Chris. Ogni nascita è una natività, il miracolo che gli uomini possono compiere. Vivranno felici e contenti come nelle migliori fiabe? Ce lo auguriamo tutti!

Commenta la news

commenti

Ultima modifica il December 23, 2019, 3:49 pm

Redazione Il Nuovo Terraglio

Condividi
Pubblicato da
Redazione Il Nuovo Terraglio

Articoli Recenti

Via Torino. Non risponde al telefono, trovato morto in casa

Da giorni non rispondeva al telefono ed i vicini preoccupati hanno avvertito i Vigili.   E' successo martedì a Mogliano…

1 ora ago

Tempo di epidemia: stupenda lettera aperta di un preside ai suoi studenti

Questa è la magistrale lettera che il preside del liceo Volta di Milano, Domenico Squillace, ha rivolto a tutti gli…

1 ora ago

Coronavirus: dichiarazione di Assessore al Lavoro della Regione

CORONAVIRUS: ASSESSORE AL LAVORO E PARTI SOCIALI: “NON FERMIAMO IL CUORE  PRODUTTIVO DELL’ITALIA, INTERVENTI PER IL TURISMO E AMMORTIZZATORI…

2 ore ago

Giocatore di basket si rompe il crociato in allenamento ma l’assicurazione non lo risarcisce

L’odissea di un giocatore di basket mestrino per ottenere quanto gli spetta per un brutto incidente occorso in allenamento più…

2 ore ago

Gianluca Stival presenta a Treviso il suo ultimo libro “Scriverò di te”

Sabato 14 marzo 2020 alle ore 18.30 presso la Libreria Universitaria San Leonardo di Treviso (Piazza S. Maria dei Battuti…

3 ore ago

Coronavirus: isolato il ceppo italiano. Zaia: situazione sotto controllo. Mestre chiusi negozi cinesi

Coronavirus. Registrati in Italia ad oggi 650 casi di cui 248 ricoverati in ospedali, 45 dichiarati guariti mentre i decessi…

3 ore ago